Il fatturato del settore è notevolmente aumentato e la produzione è in calo

Il volume degli scambi di agenti economici dominati dall’attività industriale di Bistrica-Nusud è aumentato dello 0,6% ad agosto di quest’anno rispetto al mese corrispondente dell’anno precedente, ma è diminuito del 17,3% da luglio.

La Direzione Regionale di Statistica di Bistrica Nusud mostra che da gennaio ad agosto di quest’anno, il volume delle vendite nel settore è diminuito del 13,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Inoltre, la produzione industriale della provincia nell’agosto di quest’anno è stata del 2,6% superiore al livello del mese corrispondente dell’anno precedente. Rispetto al mese precedente, la produzione è diminuita del 12,2%. Nel periodo gennaio-agosto di quest’anno la produzione industriale è diminuita del 17,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Nell’agosto di quest’anno ci sono stati aumenti rispetto al corrispondente mese dell’anno scorso Nelle seguenti attività:

  • Produzione di apparecchiature elettriche (+ 28,8%),
  • Lavorazione del legno, lavorazione del legno e prodotti in sughero esclusi i mobili (+ 22,7%),
  • Produzione di prodotti tessili (+ 18,01%),
  • Produzione di articoli in gomma e plastica (+ 10,5%),
  • Industria metallurgica (+ 8,2%)
  • Industria dei metalli e dei prodotti minerali, esclusi macchinari, attrezzature e impianti (+ 7,2%).

I cali della produzione industriale sono evidenziati in:

  • Fabbricazione di macchine, macchinari e attrezzature non classificate altrove (-47,5%),
  • Industria alimentare (-12,5%)
  • Produzione di componenti per veicoli per il trasporto su strada (-3,0%).

Rispetto al mese precedente, si sono iscritti Aumenti nelle regioni:

  • Industria metallurgica (+ 10,0%)
  • Produzione di componenti per veicoli per il trasporto terrestre (+ 1,5%).

Si sono iscritti Diminuzione rispetto al mese precedente:

  • Industria della lavorazione del legno, produzione di prodotti in legno e sughero, esclusi i mobili (-27,7%),
  • Produzione di prodotti tessili (-26,4%),
  • Produzione di apparecchiature elettriche (-26,0%),
  • Fabbricazione di macchinari, macchinari e attrezzature non classificati altrove (-18,1%),
  • Fabbricazione di articoli in gomma e plastica (-12,3%),
  • Industria dei metalli e dei prodotti minerali, esclusi macchinari, macchinari e impianti (-8,8%)
  • Industrie alimentari (-5,6%).
READ  L'Italia è ancora la campionessa mondiale della vinificazione, un coltivatore svizzero

Volume degli scambi conseguito da agenti economici la cui attività industriale è prevalentemente concentrata È aumentato dello 0,6% nell’agosto 2020 rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

Rispetto al mese precedente, si è registrato un calo del volume degli scambi del 17,3%. A gennaio-agosto di quest’anno, il fatturato del settore è diminuito del 13,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Nell’agosto di quest’anno, il volume delle vendite realizzato nel settore delle consegne nazionali è stato del 52,3%. Del fatturato totale realizzato dall’export (47,7%) la maggior parte (89,6%) è stata realizzata nell’Eurozona.

Gli agenti economici della contea hanno realizzato esportazioni per 44.160 mila euro a giugno 2020, il 9,4% al di sotto del livello dello stesso mese dell’anno precedente e il 49,8% al di sopra del livello del mese precedente. La distribuzione dei principali paesi esportatori della provincia a giugno 2020 è la seguente: Germania (38,6%), Italia (19,6%), Francia (10,8%), Ungheria (5,2%), Austria (3, 2%), Serbia (2,2%) E il Regno Unito (2,1%).

Il volume delle importazioni effettuate dagli operatori economici della provincia a giugno 2020 è stato pari a 49.916 migliaia di euro, in aumento del 4,2% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Rispetto al mese precedente, il volume delle importazioni è aumentato del 48,7%. La distribuzione dei principali paesi partner della provincia a giugno 2020 è la seguente: Germania (23,8%), Italia (14,8%), Ungheria (8,8%), Turchia (8,2%), Cina (7, 8%), Austria (5,0%) e Paesi Bassi ( 4,7%).

Il saldo del commercio estero per giugno 2020 è stato negativo (-5756 mila euro).

Christiana Sabo
Ultimi post di Cristiana Sabău (Mostra tutto)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *