Il destino alterno delle italiane in Champions League

 

Le prime due giornate di Champions League sono state vissute in modo diverso dalle compagini italiane. I destini delle squadre della Serie A nella competizione più importante del continente sono stati alterni, e delle quattro compagini in lizza solamente la Juventus è riuscita a ottenere bottino pieno prima imponendosi per 3-0 in casa del Malmö e poi battendo in casa per 2-0 il Chelsea campione d’Europa. La seconda vittoria, soprattutto, è servita molto a livello psicologico per una Juve che ha bisogno di riprendersi quanto prima dopo un primo mese di campionato molto stentato ma che in questo momento viene da quattro trionfi consecutivi. La squadra di Massimiliano Allegri si trova così adesso a sei punti su sei in Europa e potrà costruire una buona base su cui lavorare anche a livello mentale.

Discorso diverso per il Milan, in questo momento principale squadra favorita a vincere la Serie A dalle quote che troviamo sui siti specializzati per chi ama sia puntare sulle vere partite oltre che a scommettere anche sul calcio virtuale. I rossoneri sono stati piuttosto sfortunati, venendo sconfitti prima per 3-2 ad Anfield da un Liverpool senza pietà e in piena esplosione dal punto di vista fisico. Nonostante si fossero portati in vantaggio alla fine del primo tempo, dopo che il portiere Maignan aveva parato un rigore a Salah nei primi minuti della partita, gli uomini di Stefano Pioli non sono riusciti a contenere dei Reds indemoniati che giocano a un ritmo totalmente diverso e molto più frenetico. Nel secondo incontro, invece, i rossoneri sono stati battuti in casa in rimonta dall’Atletico Madrid, che ha approfittato dell’espulsione di Franck Kessie alla mezz’ora per fare la differenza e di alcune decisioni arbitrali da rivedere. Con zero punti su sei, adesso la squadra di Pioli dovrà cercare un miracolo per poter qualificarsi agli ottavi di finale.

READ  RTL ottiene quattro gare live da Sky in un sorprendente ritorno

Anche l’altra milanese non può certo essere troppo felice. L’Inter di Simone Inzaghi è stata infatti sconfitta alla prima giornata in casa da un Real Madrid, non tra le squadre più forti del momento a livello europeo. I nerazzurri, che hanno dominato nel gioco e nelle occasioni, sono stati puniti nel finale da un goal di Rodrygo, il quale approfittava di quella che è stata l’unica dormita della difesa dell’Inter per dare la vittoria ai suoi. Nell’incontro casalingo con lo Shakhtar Donetsk, invece, i nerazzurri non sono riusciti a trovare l’acuto per vincere e lo 0-0 finale li mette in una situazione delicata con solamente un punto in saccoccia.

Per quanto riguarda l’Atalanta, invece, le sensazioni sono più che positive dopo il pareggio acciuffato in extremis in casa del Villarreal e la successiva vittoria all’Azzurri d’Italia contro lo Young Boys. Gli orobici, ormai da anni una realtà da Champions League, hanno dimostrato nuovamente di essere una squadra tosta e determinata che non si arrende mai. Aver racimolato quattro punti su sei è senza dubbio un inizio positivo in un percorso europeo che sarà sempre più complicato di partita in partita e che potrebbe vedere l’Atalanta nuovamente come una delle grandi sorprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *