Il CEO di Alpine Luca de Meo esclude il progetto Hypercar

Dopo aver completato il podio a Le Mans, Luca de Meo ha confermato che Alpine non avrebbe lanciato una hypercar nel Campionato Mondiale Endurance.

Il marchio e la sponsorizzazione Alpine hanno caratterizzato il team speciale Signatech durante la 24 Ore di Le Mans ad agosto, quando il team è arrivato terzo assoluto dietro Toyota nella famosa gara di durata.

La nuova specifica per auto endurance di Hypercar ha attirato molti produttori di grandi nomi nello sport, tra cui Peugeot, Ferrari, Porsche e Audi, ma Alpine ritiene che le sue risorse siano meglio mantenute nel suo obiettivo principale per ora.

“La priorità di Alpine è per la Formula 1, dove è molto difficile essere competitivi”, ha detto De Meo Edizione italiana da Motorsport.com. “Dal 2022 saremo probabilmente in grado di posizionarci meglio.

“Oggi siamo il quinto o il sesto strutturalmente [fastest] Una sede perché abbiamo un progetto che non è nato… super sano.

“Modificheremo alcune cose per essere competitivi. Ma la F1 è il livello più alto nel motorsport – quando vedi che in qualifica a Barcellona per un decimo di secondo puoi passare dal 10° al 5°, significa che tutto ciò che serve è una folata di vento a capovolgere le cose”.

Dai un’occhiata all’ultimo merchandising di Fernando Alonso nel negozio ufficiale di Formula 1

C’è stata una dimostrazione della macchina Alpine prima della gara di 24 ore per celebrare gli interessi del marchio nel motorsport, incluso il trasferimento in pista di Fernando Alonso e il primo giro in assoluto di un’auto di Formula 1 intorno a La Sarthe.

Sebbene De Meo non escluda completamente di partecipare alle gare di durata in futuro, non ritiene ancora che le nuove regole dell’Hypercar corrispondano a ciò che Alpine prevede per la sua visione attuale del futuro del motorsport.

READ  L'ispirazione italiana per il sistema West Bromwich Al Maktoum

“Nelle gare di durata, abbiamo fatto l’acrobazia di Le Mans grazie a Phillip Sinault, proprietario dello Special Racing Team (Signatech). Gli abbiamo dato una mano nello sviluppo del progetto e lui è salito sul podio. Non potevamo saperlo prima.

“Stiamo pensando a Le Mans. Dipenderà in gran parte dallo sviluppo di ACO [Automobile Club de l’Ouest, World Endurance Championship and Le Mans sporting body] sistemi.

“La resistenza è una buona cosa, anche se c’è un uomo che fa le regole e può decidere se vincere o meno.

Aspettiamo che ci diano un quadro delle cose e di come si svilupperanno. Abbiamo esaminato quanto costa, ma non siamo interessati a una hypercar perché non pensiamo che sia necessario introdurre tutta questa tecnologia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *