Il bilancio delle vittime aumenta poiché la Tanzania soffre di inondazioni e smottamenti Notizie sull’alluvione

Il bilancio delle vittime aumenta poiché la Tanzania soffre di inondazioni e smottamenti  Notizie sull’alluvione

Il primo ministro Kassim Majaliwa ha detto che almeno 63 persone sono morte nelle inondazioni causate dalle forti piogge durante il fine settimana.

Il bilancio delle vittime delle inondazioni nel nord della Tanzania dopo le forti piogge del fine settimana è salito a 63, hanno detto i funzionari.

Il primo ministro Qassim Majaliwa ha dichiarato in dichiarazioni trasmesse lunedì in televisione che il numero delle persone infette ha raggiunto 116 persone. Ha detto che le frane hanno distrutto metà del villaggio che ha visitato.

“Siamo qui davanti ai corpi dei nostri colleghi. Abbiamo perso 63 dei nostri cari. Del totale dei colleghi che abbiamo perso, 23 sono uomini e 40 sono donne”, ha detto durante una cerimonia di addio ai corpi di coloro che sono morti. è morto nella regione di Hanang, nel nord della Tanzania.

“Miei cari tanzaniani, questa è una tragedia”, ha detto.

La regina Sindega, commissaria della regione settentrionale del Manyara, ha affermato che il bilancio delle vittime ha raggiunto 68, ha riferito l’Agence France-Presse.

Lunedì scorso, Zahra Yunus, portavoce dell’ufficio del presidente, ha affermato che le inondazioni hanno colpito almeno 1.150 famiglie e 5.600 persone, coprendo un’area di 750 acri. [300 hectares] Anche i terreni agricoli sono stati distrutti.

“Nonostante tutte le sfide che il lavoro di salvataggio deve affrontare a causa delle strade danneggiate, del fango e dei tronchi degli alberi che riempiono le strade, il governo sta facendo del suo meglio per affrontare questo problema”, ha detto Yunus.

I residenti stanno accanto a un’auto danneggiata dalle inondazioni nella città di Katesh, in Tanzania, domenica 3 dicembre [AP Photo]

Le inondazioni sono l’ultimo esempio di condizioni meteorologiche estreme che hanno devastato paesi dell’Africa orientale come Etiopia, Kenya, Somalia e Sud Sudan, uccidendo centinaia di persone dall’inizio della stagione delle piogge nella regione a ottobre.

READ  Il mondo accoglie il nuovo anno con fuochi d'artificio e preghiere Notizia

La presidente Samia Suluhu Hassan, presente al vertice sul clima delle Nazioni Unite a Dubai, ha detto che sarebbe tornata presto dal viaggio per affrontare la crisi.

“Invio le mie sincere condoglianze alle famiglie colpite e ho ordinato a tutte le nostre forze di sicurezza di dispiegarsi nell’area e assistere le persone colpite”, ha detto Hassan in un videomessaggio.

Le inondazioni seguono un periodo di grave siccità che ha lasciato il suolo della regione più secco e meno capace di trattenere l’acqua, aumentando il rischio di inondazioni improvvise.

Domenica, parlando ai giornalisti, Sendeja ha detto che circa 100 case sono state inghiottite nel villaggio di Katish, a circa 300 chilometri (185 miglia) a nord della capitale, Dodoma, e che i soccorritori continuano a cercare le persone sepolte nel fango.

Al 28° vertice delle Nazioni Unite sul clima a Dubai, Hassan ha sottolineato il fatto che i paesi poveri affrontano rischi sproporzionati derivanti dal cambiamento climatico, nonostante il fatto che i paesi ricchi in Occidente siano responsabili di gran parte delle emissioni cumulative che guidano il cambiamento climatico.

“Va detto che gli impegni non mantenuti minano la solidarietà e la fiducia e hanno conseguenze dannose e costose per i paesi in via di sviluppo”, ha affermato Hassan. “Il mio Paese sta perdendo dal 2 al 3% del suo PIL a causa del cambiamento climatico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *