I talebani prendono il controllo di un’altra provincia in Afghanistan, attaccano un’altra grande città

Funzionari afgani hanno affermato che i talebani hanno preso il controllo di un distretto appena a sud della capitale afghana e hanno lanciato un attacco su più fronti sabato scorso contro una grande città del nord difesa da potenti ex signori della guerra.

Gli insorti hanno preso il controllo di gran parte dell’Afghanistan settentrionale, occidentale e meridionale in una rapida offensiva meno di tre settimane prima che gli Stati Uniti ritirassero le ultime truppe, suscitando il timore che i militanti potessero prendere il pieno controllo o che un’altra guerra civile afghana potesse esplodere.

Hoda Ahmadi, un deputato della provincia, ha affermato che i talebani hanno catturato tutta Logar e detenuto i loro funzionari provinciali. Ha detto che i combattenti talebani hanno raggiunto il distretto di Shar Asyab, a soli 11 chilometri a sud della capitale, Kabul.

Secondo Munir Ahmad Farhad, portavoce del governatore provinciale, i talebani hanno anche attaccato la città settentrionale di Mazar-i-Sharif da diverse direzioni, il che ha portato allo scoppio di aspri combattimenti nella sua periferia. Non ci sono state notizie immediate di feriti.

Il presidente fa un discorso

Il presidente afghano Ashraf Ghani ha pronunciato un discorso televisivo sabato, nella sua prima apparizione pubblica dopo le ultime conquiste dei talebani, in cui ha giurato di non rinunciare ai “risultati” dei 20 anni da quando gli Stati Uniti hanno cacciato i talebani sulla scia di gli attacchi dell’11 settembre.

“Abbiamo avviato consultazioni all’interno del governo con anziani, leader politici, rappresentanti di diversi livelli della società e con i nostri alleati internazionali”, ha affermato. “Presto sarete informati dei risultati”, ha aggiunto, senza approfondire ulteriori dettagli.

READ  Gli esseri umani usarono per la prima volta il FUOCO per cambiare l'ambiente 92.000 anni fa in Africa

Mercoledì il presidente era volato a Mazar-i-Sharif per mobilitare le difese della città e ha incontrato un certo numero di capi della milizia, tra cui Abdul Rashid Dostum e Atta Muhammad Nur, che comandano migliaia di combattenti.

Il presidente afghano Ashraf Ghani è arrivato a Mazar-i-Sharif, mercoledì, per ispezionare la situazione della sicurezza nelle province settentrionali. (Palazzo presidenziale afgano / Dichiarazione / Reuters)

Sono ancora alleati del governo, ma durante i precedenti round di combattimenti in Afghanistan, è noto che i signori della guerra hanno cambiato alleanza per la propria sopravvivenza. Ismail Khan, un potente ex signore della guerra che ha cercato di difendere Herat, è stato catturato dai talebani quando i ribelli hanno catturato la città occidentale dopo due settimane di aspri combattimenti.

I residenti di Mazar-i-Sharif hanno espresso timore per il crollo della sicurezza.

“La situazione è pericolosa fuori e dentro la città”, ha detto Muhibullah Khan, aggiungendo che anche molti residenti stanno soffrendo economicamente.

“La situazione della sicurezza in città sta peggiorando”, ha detto Kawa Bisharat. Voglio pace e stabilità. I combattimenti devono finire.

I talebani hanno compiuto progressi significativi negli ultimi giorni, compresa la presa del controllo di Herat e Kandahar, la seconda e la terza città più grande del Paese. Ora controllano 18 delle 34 province dell’Afghanistan, lasciando al governo appoggiato dall’Occidente il controllo di alcune province del centro e dell’est, oltre a Kabul e Mazar-i-Sharif.

Il ritiro delle forze straniere e il rapido declino delle forze afgane – nonostante centinaia di miliardi di dollari in aiuti statunitensi nel corso degli anni – hanno sollevato timori che i talebani possano tornare al potere o che il paese possa essere lacerato da lotte tra fazioni, come è successo prossimo. Ritiro sovietico nel 1989.

I primi marine di un battaglione di 3.000 soldati sono arrivati ​​venerdì per assistere all’evacuazione parziale dell’ambasciata degli Stati Uniti. Il resto dovrebbe arrivare entro domenica e la loro diffusione ha sollevato dubbi sul fatto che l’amministrazione rispetterà la scadenza del ritiro del 31 agosto.

La voce della Sharia

Nel frattempo, i talebani hanno diffuso un video in cui annunciavano la cattura della principale stazione radio nella città meridionale di Kandahar, nominandola Voice of Sharia.

Nel video, un ribelle senza nome ha affermato che tutto il personale era presente e avrebbe trasmesso notizie, analisi politiche e recitazioni del Corano, il libro sacro islamico. Sembra che la stazione non riprodurrà più musica.

Non è chiaro se i talebani abbiano licenziato gli ex dipendenti o abbiano permesso loro di tornare al lavoro. La maggior parte dei residenti di Kandahar indossa l’abito tradizionale preferito dai talebani. L’uomo nel video si è congratulato con il popolo di Kandahar per la vittoria dei talebani.

I talebani hanno utilizzato stazioni radio portatili nel corso degli anni, ma non hanno gestito una stazione all’interno di una grande città da quando hanno governato il paese dal 1996 al 2001. A quel tempo, gestivano anche una stazione chiamata Sawt al-Sharia da Kandahar, il luogo di nascita del gruppo armato. La musica è vietata.

Donne e bambini afghani sfollati da Kunduz pregano in una moschea che li ospita venerdì a Kabul, in Afghanistan. La tensione è alta mentre i talebani avanzano nella capitale. (Paula Bronstein/Getty Images)

Gli Stati Uniti hanno invaso poco dopo gli attacchi dell’11 settembre, che al-Qaeda ha pianificato e realizzato mentre si trovava nel rifugio dei talebani. Dopo il rapido rovesciamento dei talebani, gli Stati Uniti si sono rivolti alla costruzione della nazione, sperando di creare uno stato afghano moderno dopo decenni di guerra e disordini.

All’inizio di quest’anno, il presidente Joe Biden ha annunciato un calendario per il ritiro di tutte le forze statunitensi entro la fine di agosto, impegnandosi a porre fine alla guerra più lunga d’America. Il suo predecessore, il presidente Donald Trump, aveva raggiunto un accordo con i talebani per aprire la strada a un ritiro degli Stati Uniti.

L’annuncio di Biden ha lanciato l’ultimo attacco. I talebani, che da tempo controllavano gran parte della campagna afghana, si sono mossi rapidamente per impadronirsi dei capoluoghi di provincia, dei valichi di frontiera e di altre infrastrutture chiave.

Decine di migliaia di afgani hanno abbandonato le loro case e molti temono un ritorno all’oppressivo dominio talebano. Il gruppo aveva precedentemente governato l’Afghanistan in base a una versione rigorosa della legge islamica in cui le donne erano in gran parte confinate in casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *