Howard Schultz di Starbucks nega che la catena sia antisindacale

Howard Schultz di Starbucks nega che la catena sia antisindacale

spiegare il video,

Guarda: ‘Sono venuto dal nulla’ Howard Schultz nega la violazione del sindacato

L’ex CEO di Starbucks Howard Schultz ha negato la violazione del sindacato nei suoi commenti pubblici più schietti sulla disputa in corso tra i sindacati e il gigante del caffè statunitense.

I funzionari del lavoro hanno ripetutamente scoperto che la società ha violato le leggi federali nella sua risposta, incluso il licenziamento ingiusto dei lavoratori.

Ha convocato Schultz, che si è dimesso da presidente questo mese, a comparire davanti al Congresso per rispondere ai risultati.

Ha “inequivocabilmente” negato le accuse.

“Queste sono accuse e Starbucks non ha infranto la legge”, ha detto Schultz, aggiungendo che le controversie erano ancora in corso.

Mentre i repubblicani si sono ampiamente astenuti dalle critiche, i democratici hanno contestato le affermazioni di Schultz secondo cui l’azienda rispetta i diritti dei lavoratori.

“È simile a qualcuno che viene multato per eccesso di velocità 100 volte dicendo che non ho mai infranto la legge perché ogni volta il poliziotto ha torto”, ha detto il senatore Chris Murphy. “Non sarebbe un disaccordo credibile.”

L’udienza di due ore a Washington arriva più di un anno dopo che i baristi di Starbucks a Buffalo hanno votato per il sindacato, una mossa che da allora è stata presa da più di 270 negozi, che rappresentano 7.000 persone.

Starbucks si è fortemente opposto alla campagna, che ha acceso il dibattito sulla disuguaglianza e sul funzionamento del capitalismo e ha minacciato di screditare l’azienda come datore di lavoro progressista.

Schultz, che ha guidato l’azienda per anni ed è tornato al ruolo di CEO lo scorso anno, ne ha difeso le pratiche, affermando che il sindacato rappresenta una piccola frazione degli oltre 9.000 negozi statunitensi dell’azienda e che l’azienda ha il diritto di condividere la preferenza che ha un “rapporto diretto” con i propri dipendenti.

Ha affermato che la società ha offerto vantaggi innovativi, tra cui una paga oraria media di oltre $ 17, l’accesso all’assicurazione sanitaria, il sostegno alle tasse universitarie e le sovvenzioni azionarie.

“È senza precedenti ed è per questo che non abbiamo bisogno di un sindacato”, ha detto. Schultz, che rimane nel consiglio di amministrazione di Starbucks, in seguito ha sfidato i legislatori: “Sapete di un contratto sindacale che ha quei benefici?”

A volte, l’udienza è aumentata quando il signor Schultz, che è cresciuto in alloggi sovvenzionati e stava flirtando con l’offerta presidenziale, era diffidente nei confronti delle caratterizzazioni come un “miliardario” senza cuore.

“Sono venuto dal nulla”, ha detto, aggiungendo di aver guadagnato la sua fortuna, che secondo Forbes è di 3,7 miliardi di dollari. “Questo è ingiusto.”

I democratici hanno insistito sul signor Schultz per spiegare perché i membri del sindacato e la società non hanno ancora concordato contratti e si sono rifiutati di estendere gli aumenti e altri vantaggi concessi ai dipendenti non sindacalizzati l’anno scorso.

Ha detto che l’azienda si era incontrata dozzine di volte ed era disposta a negoziare con i lavoratori, ma non voleva scendere a compromessi sulle videochiamate, temendo di non poter confermare chi stava partecipando.

Ha detto che la società non ha dovuto estendere i benefici durante la contrattazione e non ha voluto negoziare un contratto “frazionario”.

I repubblicani hanno concentrato le loro domande sul fatto che i funzionari del lavoro siano prevenuti nei confronti della società, definendo l’udienza, convocata dal senatore Bernie Sanders, una “campagna diffamatoria”.

Il senatore repubblicano Bill Cassidy della Louisiana ha dichiarato: “Non sono qui per difendere Starbucks, ho le mie domande sulla presunta cattiva condotta e la legge deve essere seguita e rispettata, ma non prendiamoci in giro: questa non è un’udienza equa e imparziale .”

La testimonianza di due ore di Schultz è stata seguita da un gruppo di lavoratori coinvolti nella campagna.

READ  Chris Christie dice che Trump è un "bugiardo" o uno "stupido" (VIDEO)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *