Dalla dogana al visto … Cosa c’è da sapere sul post-Brexit

Finalmente, dopo mesi di trattative, La Gran Bretagna ha concluso un duro accordo commerciale Con l’Unione Europea ieri, giovedì, a soli sette giorni dalla sua uscita da uno dei più grandi blocchi commerciali del mondo, nella più importante trasformazione globale dalla perdita dell’impero.

L’accordo commerciale e di sicurezza sulla Brexit, che comprende diversi articoli distribuiti su 2.000 pagine, comprese le appendici.

Quella che segue è una rapida panoramica degli accordi più importanti o delle disposizioni principali che includono:

tasse doganali

L’accesso a uno dei più grandi mercati del mondo, con l’esenzione dai dazi doganali, è la spina dorsale dell’accordo sulla Brexit e aggira gli accordi dell’UE con il Canada o il Giappone, ha riferito venerdì il Guardian in un rapporto dettagliato.

Trading

Ci sarà il riconoscimento reciproco dei programmi e degli standard fissati da entrambe le parti, il che significa che produttori e commercianti nel Regno Unito devono rispettare simultaneamente gli standard britannici e dell’UE.

Qualifiche professionali

Non ci sarà più il riconoscimento automatico di medici, infermieri, architetti, dentisti, farmacisti, veterinari e ingegneri, che consentirebbe loro di esercitare il loro lavoro in qualsiasi paese europeo all’interno dell’Unione, ma d’ora in poi dovranno ottenere il riconoscimento nello Stato membro in cui desiderano esercitare il loro lavoro.

Mobilità e libertà di movimento

Questo è forse il punto più importante, per molti britannici, poiché i cittadini britannici non hanno più la libertà di lavorare, studiare, avviare un’impresa o vivere nell’Unione europea. Piuttosto, i visti saranno richiesti per eventuali soggiorni di oltre 90 giorni. Tuttavia, l’armonizzazione di alcune prestazioni di sicurezza sociale come le pensioni di vecchiaia e l’assistenza sanitaria renderà più facile lavorare all’estero e non perderà alcun precedente accumulo di contributi all’assicurazione nazionale.

La questione della caccia

Quel punto è stato anche un lungo percorso di dibattito tra Londra e l’Unione europea, prima che quel punto fosse concordato e i timori europei fossero placati che la Gran Bretagna avrebbe impedito ai paesi europei di pescare nelle sue acque.

L’accesso alle ricche acque di pesca della Gran Bretagna è stata una delle questioni più in sospeso nei colloqui post-Brexit. L’accordo finale prevedeva che i pescatori europei rinunciassero a una parte dei loro contingenti attuali.

Risoluzione del conflitto

Questo problema costituiva anche una delle aree di negoziazione più difficili tra le due parti, poiché avrebbe sviluppato soluzioni alle controversie commerciali per i decenni a venire.

Angela Merkel ha affermato che la disputa sul meccanismo di arbitrato è stato il più grande ostacolo al raggiungimento di un accordo, soprattutto perché l’Unione europea era preoccupata che il Regno Unito, nel tempo e a seconda del governo che era al potere, potesse deviare troppo dagli standard dell’Unione in modo da poter ottenere un vantaggio competitivo. Fantastico e diventa Singapore On the Thames.

È interessante notare che l’accordo, raggiunto quattro anni dopo che gli inglesi sostenevano la separazione dall’Unione, ha fornito una via d’uscita dalla fine caotica della separazione, che è stata colpita da un progetto iniziato 70 anni fa per unificare l’Europa dopo la seconda guerra mondiale.

L’accordo preserverà la capacità della Gran Bretagna di accedere al mercato comune del blocco di 450 milioni di consumatori, ma non impedirà perdite economiche e confusione nel Regno Unito o negli Stati membri dell’Unione europea.

Ma molti aspetti delle future relazioni tra la Gran Bretagna e l’Unione Europea devono ancora essere studiati, che potrebbero durare per anni.

READ  19 - Il Ministero della Salute firma nuovi contratti per la fornitura di vaccino - UNIAN

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *