Il filantropo turco Osman Kavala è stato condannato all’ergastolo

Un tribunale turco lunedì ha condannato il famoso attivista per i diritti civili e filantropo turco Osman Kavala all’ergastolo senza condizionale e lo ha ritenuto colpevole di aver tentato di rovesciare il governo in connessione con le proteste di massa antigovernative nel 2013.

Il tribunale di Istanbul ha condannato anche altri sette imputati, tra cui l’architetto Musila Yapici, 71 anni, a 18 anni di carcere ciascuno per aver “aiutato” il tentativo. L’agenzia ufficiale di Anadolu ha dichiarato di aver immediatamente ordinato l’arresto degli attivisti non detenuti.

La sentenza, che rischia di danneggiare le relazioni della Turchia con i paesi occidentali, arriva quando il Consiglio d’Europa, il più alto organismo europeo per i diritti umani, ha avviato un procedimento abusivo contro la Turchia per il suo rifiuto di conformarsi a una sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, che lo ha chiamato. Il rilascio di Kavala per violazione dei suoi diritti.

Kavala, 64 anni, è stato incarcerato nella prigione di Silivri, alla periferia di Istanbul, dal suo arresto il 18 ottobre 2017, e accusato di aver finanziato le proteste. Lui e altri imputati hanno negato tutte le accuse e dovrebbero presentare ricorso contro i verdetti.

I gruppi per i diritti umani affermano che Kavala è stato processato sulla base di prove inconsistenti e che il caso era motivato politicamente.

“La giustizia non ha prevalso”

I sostenitori di Kavala e gli altri sette imputati hanno protestato immediatamente contro le sentenze lunedì, cantando slogan a sostegno delle proteste del 2013 che si sono trasformate da una disputa sulla costruzione di un centro commerciale in un parco di Istanbul a manifestazioni più ampie contro il governo dell’allora Primo Ministro Recep Tayyip Erdogan. .

READ  Un tribunale sudcoreano respinge l'appello dell'ex presidente Park Geun-hye contro la sua condanna per corruzione

Ozgur Ozil, un deputato dell’opposizione il cui partito mette spesso in discussione l’indipendenza dei tribunali turchi, ha accusato la magistratura di aver soddisfatto i desideri di Erdogan, che ora sarebbe presidente.

“La giustizia non ha prevalso qui oggi – la volontà della persona che governa questo paese è stata eseguita”, ha detto ai giornalisti fuori dall’aula del tribunale.

Ozil ha anche denunciato il processo come un tentativo di Erdogan “di demonizzare le proteste così pacifiche e organizzate per motivi ambientali”.

Kavala descrive il verdetto come un omicidio

Alla domanda sulle sue ultime parole in tribunale lunedì, Kavala ha dichiarato: “L’ergastolo aggravato inflitto contro di me è un omicidio che non può essere spiegato con ragioni legali”, secondo il gruppo Consortium for Law and Media Studies, che sta monitorando il processo .

Nelle sue dichiarazioni di difesa di venerdì, Kavala ha nuovamente respinto le accuse, insistendo sul fatto di aver preso solo pasticcini e maschere per i manifestanti. Ha detto che le accuse di essere stato il volto delle proteste erano “incredibili”.

Avvocati, parlamentari dell’opposizione e sostenitori si sono riuniti lunedì davanti al Palazzo di Giustizia di Caglayan a Istanbul, dove la corte ha tenuto un’udienza per Kavala e altre 15 persone. (Dilara Sankaya/Reuters)

“Il fatto di aver passato 4,5 anni della mia vita in prigione è una perdita irreparabile per me. La mia unica consolazione è che la mia esperienza può contribuire a una migliore comprensione dei gravi problemi della magistratura”, ha detto Kavala alla corte tramite collegamento video . Conferenza di Silivri.

Gli Stati Uniti condannano la condanna

Gli Stati Uniti si sono detti “turbati e profondamente delusi” dalla condanna, definendola “ingiusta” e “incoerente con il rispetto dei diritti umani, delle libertà fondamentali e dello stato di diritto”.

“Chiediamo ancora una volta alla Turchia di rilasciare Osman Kavala”, ha affermato il Dipartimento di Stato americano in una nota.

“Rimaniamo profondamente preoccupati per le continue molestie giudiziarie nei confronti della società civile, dei media, dei leader politici e degli uomini d’affari in Turchia”.

Kavala è il fondatore di un’organizzazione senza scopo di lucro, Anadolu Kultur, che si concentra su progetti culturali e artistici per promuovere la pace e il dialogo.

Kavala è stato inizialmente assolto nel febbraio 2020 dalle accuse che lo collegavano alle proteste di Gezi Park del 2013. Mentre i sostenitori attendevano il suo rilascio, Kavala è stato nuovamente arrestato con nuove accuse che lo collegavano al tentativo di colpo di stato in Turchia del 2016. L’assoluzione è stata successivamente annullata e il il caso è stato fuso con quelli relativi al tentato colpo di stato, in cui il governo turco incolpa la rete del religioso musulmano con sede negli Stati Uniti Fethullah Gulen. Gulen nega qualsiasi collegamento con il tentativo di colpo di stato.

Anadolu ha riferito che lunedì il tribunale ha assolto Kavala dalle accuse relative al tentato colpo di stato, dicendo che non c’erano prove sufficienti.

A ottobre, la continua detenzione di Kavala ha innescato una crisi diplomatica tra la Turchia e 10 paesi occidentali, inclusi Stati Uniti, Francia e Germania, dopo che avevano chiesto il suo rilascio nel quarto anniversario della sua prigionia.

Erdogan ha accusato Kavala di essere il “ramo turco” del miliardario statunitense George Soros, che secondo il presidente turco è stato dietro le ribellioni in diversi paesi. Ha minacciato di espellere gli inviati occidentali per aver interferito negli affari interni della Turchia.

Kavala, che viene mostrato mentre parla a un evento in questa foto non datata, è stato condannato all’ergastolo dopo essere stato accusato di aver tentato di rovesciare il governo turco. (Anadolu Kultur/Reuters)

La sentenza della Corte europea dei diritti umani del 2019 affermava che la reclusione di Kavala aveva lo scopo di mettere a tacere lui e altri difensori dei diritti umani e non era supportata da prove di un crimine.

Il prolungato processo di abuso da parte del Consiglio d’Europa, il blocco di 47 membri che sostiene i diritti umani, potrebbe portare alla sospensione del diritto di voto della Turchia o alla sua appartenenza all’organizzazione.

Erdogan ha negato l’invasione, dicendo che la Turchia “non riconoscerà coloro che non riconoscono i nostri tribunali”. La Turchia ha affermato che la detenzione di Kavala è collegata al tentativo di colpo di stato del 2016 e non a precedenti accuse esaminate dalla Corte europea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.