I prezzi del petrolio scendono mentre la delusione dell’OPEC+ compensa l’aumento dei tassi di interesse e i rischi per il Medio Oriente Da Investing.com

I prezzi del petrolio scendono mentre la delusione dell’OPEC+ compensa l’aumento dei tassi di interesse e i rischi per il Medio Oriente Da Investing.com
©Reuters.

Investing.com – Lunedì i prezzi del petrolio sono scesi negli scambi asiatici, poiché la prospettiva di mercati meno restrittivi nel 2024 ha ampiamente compensato i segnali positivi provenienti da una Federal Reserve meno aggressiva e potenziali interruzioni dell’offerta in Medio Oriente.

I prezzi del petrolio greggio sono scesi sotto gli 80 dollari al barile, scendendo per la sesta settimana consecutiva a seguito dei tagli alla produzione ampiamente deludenti da parte dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e dei suoi alleati (OPEC+).

Questa idea è continuata lunedì, dato che i tagli totali dell’OPEC+ ammontano a meno di un milione di barili al giorno nei nuovi tagli. Anche i tagli sono volontari, con alcuni membri del cartello che indicano che non li rispetteranno e aumenteranno invece i livelli di produzione.

I contratti future in scadenza a febbraio sono scesi dello 0,6% a 78,42 dollari al barile, mentre erano in ribasso dello 0,5% a 73,85 dollari al barile alle 21:42 ET (02:42 GMT).

Tuttavia, un dollaro più debole, a seguito dei segnali apparentemente meno aggressivi del presidente della Federal Reserve Jerome Powell, ha dato una certa tregua ai prezzi del petrolio.

Gli attacchi nel Mar Rosso suscitano rinnovate preoccupazioni per le forniture in Medio Oriente

Il Pentagono ha dichiarato durante il fine settimana che diverse navi militari e commerciali statunitensi sono state attaccate nel Mar Rosso, mentre il movimento Houthi dello Yemen ha affermato di aver effettuato attacchi con droni e missili contro navi israeliane nella regione.

I rapporti hanno visto i trader scontare un certo premio di rischio sul petrolio greggio. I timori di una guerra tra Israele e Hamas sono trapelati costantemente dai mercati nell’ultimo mese, con il conflitto che finora ha causato poche interruzioni alle forniture del Medio Oriente.

READ  L’ONU afferma che i prezzi alimentari globali scenderanno da livelli record nel 2022. Fatta eccezione per questi due elementi essenziali - Business News

Ma i nuovi attacchi potrebbero preannunciare una potenziale ricaduta del conflitto, che potrebbe coinvolgere gli Stati Uniti e altre potenze del Medio Oriente e potenzialmente interrompere le forniture.

La scorsa settimana, i colloqui per estendere una tregua di una settimana tra Israele e Hamas sono falliti, riprendendo la guerra.

I mercati petroliferi continuano ad affrontare preoccupazioni sulla domanda, per non parlare della carenza di offerta

Ma nonostante alcuni segnali positivi nel fine settimana, i mercati del petrolio greggio sono rimasti ampiamente inclinati al ribasso, poiché i deludenti tagli dell’OPEC+ hanno esacerbato le preoccupazioni sul rallentamento dell’attività economica in tutto il mondo.

I dati dell’indice dei direttori degli acquisti (PMI) di diverse grandi economie hanno mostrato che l’attività commerciale è rimasta debole a novembre. I deboli dati PMI del più grande importatore di greggio e del più grande consumatore di carburante sono stati una delle principali fonti di discordia nei mercati.

Le preoccupazioni per un rallentamento dell’attività economica – che a sua volta potrebbe portare a una minore domanda di petrolio – hanno rappresentato un grosso ostacolo sui mercati del greggio quest’anno, soprattutto perché la maggior parte delle principali banche centrali hanno anche indicato che i tassi di interesse rimarranno bassi più a lungo.

Sul fronte dell’offerta, la produzione statunitense è rimasta a livelli record nelle ultime settimane, mentre il calo della domanda di carburante del paese ha visto aumenti significativi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *