I poli della Terra “vagavano” di 12 gradi 84 milioni di anni fa, ma alla fine si stabilirono sul posto

Un nuovo rapporto riporta che le “oscillazioni” dell’esosfera solida della Terra nel corso dei secoli si sono verificate in misura molto maggiore di quanto si pensasse in precedenza.

I ricercatori guidati dal geologo Joe Kirschvink dell’Earth Life Sciences Institute (ELSI) dell’Università di Tokyo hanno trovato prove in Italia che la crosta terrestre si è inclinata di 12 gradi a sud circa 84 milioni di anni fa.

Potrebbe non sembrare molto, ma avrebbe potuto essere più di 1.000 miglia, abbastanza Per guidare New York dove Tampa, Florida, è adesso.

“Immagina di guardare la Terra dallo spazio”, Kirschvink Ha detto in una dichiarazione. I veri vagabondaggi polari sembrerebbero che la Terra stia girando su un lato, e ciò che sta realmente accadendo è che l’intera crosta rocciosa del pianeta, il mantello solido e la crosta, orbita attorno al nucleo esterno liquido.

Kirschvink e il suo team hanno analizzato antichi dati magnetici dal calcare rosa Scaglia Rossa trovato negli Appennini nell’Italia centrale, creato nel periodo Cretaceo, 145,5 e 65,5 milioni di anni fa, quando T. rex vagava per il pianeta.

La regione attraversa il confine della principale inversione geomagnetica, nota come transizione di Crohn 33R/33N, circa 80 milioni di anni fa.

Scorri verso il basso per il video

Secondo il “vero giro polare”, poiché il mantello esterno della Terra è circondato da uno strato liquido fuso e da un nucleo metallico solido, si inclina indipendentemente dall’asse di rotazione del pianeta. Questa inclinazione 84 milioni di anni fa spostò la crosta terrestre di 12 gradi, o più di 1.000 miglia, prima che tornasse al suo posto.

La teoria del “vero giro polare” suggerisce che, poiché il mantello esterno della Terra è circondato da uno strato liquido fuso e da un nucleo interno solido e metallico, può inclinarsi indipendentemente dall’asse di rotazione del pianeta e persino spostare i poli magnetici del pianeta.

READ  Una "meteora insolitamente grande" illumina brevemente la Norvegia meridionale

I veri vagabondaggi polari che si verificano oggi possono essere analizzati con precisione utilizzando le immagini satellitari, ma qualsiasi deviazione da milioni di anni fa è molto più difficile da determinare.

Fortunatamente, i cambiamenti nei campi magnetici della Terra lasciano tracce negli strati rocciosi che possono fornire un’immagine più chiara.

Cristalli microscopici di magnetite si allineano come aghi di bussola e lasciano un segno permanente nel sedimento quando le rocce si induriscono, “nello stesso modo in cui il nastro magnetico registra la tua musica”, secondo l’istituto.

“Queste rocce sedimentarie italiane erano molto speciali e affidabili, perché i minerali magnetici sono in realtà fossili di batteri che hanno formato catene di magnetite”, ha detto nel comunicato la coautrice Sarah Slotznick, geobiologa del Dartmouth College.

Nella foto: campioni dall'Appennino italiano (a destra), che attraversano il confine di una grande inversione geomagnetica nota come spostamento Chron 33R/33N avvenuta circa 80 milioni di anni fa.

Nella foto: campioni dall’Appennino italiano (a destra), che attraversano il confine di una grande inversione geomagnetica nota come spostamento Chron 33R/33N avvenuta circa 80 milioni di anni fa.

Lo spostamento di latitudine registrato nel calcare della Scalgia Rossa in Appennino mostra che l'Italia ha compiuto un breve viaggio verso l'equatore tra 86 e 80 milioni di anni fa, in coincidenza con una rotazione osservata dai dati magnetici.

Lo spostamento di latitudine registrato nel calcare della Scalgia Rossa in Appennino mostra che l’Italia ha compiuto un breve viaggio verso l’equatore tra 86 e 80 milioni di anni fa, in coincidenza con una rotazione osservata dai dati magnetici.

Lo spostamento di latitudine registrato nel calcare mostra che l’Italia ha compiuto un viaggio relativamente breve verso l’equatore tra 86 e 80 milioni di anni fa, in coincidenza con una rotazione osservata dai dati magnetici.

Il loro rapporto indica che la crosta terrestre si è lentamente spostata di circa tre gradi ogni milione di anni.

“Il vero vagabondaggio polare, o riorientamento planetario, è ben documentato per altri pianeti e lune e per la Terra attualmente con i satelliti”, hanno scritto gli autori, “ma testare la sua diffusione nel passato della Terra è complicato da movimenti simultanei dovuti alla tettonica delle placche”.

READ  Virus del Nilo occidentale rilevato nelle zanzare a Chatham

Circa 86-78 milioni di anni fa, la crosta si è spostata di circa 12 gradi, dicono, ma è “tornata” nella sua posizione originale in un periodo di circa cinque milioni di anni, per uno spostamento totale di circa 25 gradi.

Nella foto: Scaglia Rossa nell'Appennino settentrionale.

Nella foto: Scaglia Rossa calcare nell’Appennino italiano. Si può fare affidamento sulle rocce sedimentarie per misurare l’inclinazione della Terra perché i minerali in esse contenuti lasciano punti cardinali microscopici che indicano i cambiamenti nei campi magnetici della Terra e qualsiasi “oscillazione” che la crosta esterna potrebbe aver subito.

“Questa osservazione rappresenta l’ultimo vero viaggio polare documentato su larga scala e sfida l’idea che l’asse di rotazione sia stato ampiamente stabile negli ultimi 100 milioni di anni”, hanno scritto gli autori.

Questa inclinazione è probabilmente dovuta a un cambio di rotta nella placca del Pacifico, la più grande placca tettonica sulla Terra: dopo un lungo sprofondamento sotto una placca a nord, la placca del Pacifico ha cambiato direzione circa 84 milioni di anni fa e ha iniziato a fondersi con un’altra placca per l’ovest.

Nel 2018, i geologi hanno riferito che negli ultimi 12 milioni di anni, la crosta terrestre si è spostata rispetto al suo asse abbastanza da spingere la Groenlandia abbastanza lontano verso il Polo Nord, scatenando un'era glaciale in corso.

Nel 2018, i geologi hanno riferito che negli ultimi 12 milioni di anni, la crosta terrestre si è spostata rispetto al suo asse abbastanza da spingere la Groenlandia abbastanza lontano verso il Polo Nord, scatenando un’era glaciale in corso.

Ricerche precedenti suggeriscono che il vero vagabondaggio polare potrebbe aver innescato l’era glaciale più recente del pianeta, circa 3,2 milioni di anni fa.

Nel 2018, i geologi della Rice University hanno riferito che negli ultimi 12 milioni di anni, lo spostamento della Terra rispetto al suo asse ha spinto la Groenlandia abbastanza lontano verso il Polo Nord, scatenando un’era glaciale che è ancora in corso.

READ  La NASA si prepara a rifornire il telescopio James Webb per il lancio il 18 dicembre

Sono giunti a questa conclusione esaminando la posizione del mantello che ha creato le isole Hawaii, nonché analizzando la firma magnetica della crosta oceanica e le firme fossili dalle profondità dell’Oceano Pacifico.

“L’hotspot hawaiano è stato fissato, rispetto all’asse di rotazione, da circa 48 milioni di anni fa a circa 12 milioni di anni fa, ma fissato a una latitudine più a nord di quella che vediamo oggi”, Divisione della Terra, dell’Ambiente e del Pianeta Scienze, Ha detto in quel momento.

Questo è stato solo uno spostamento di tre gradi, ha detto Gordon, ma ha avuto l’effetto di portare il mantello sotto il Pacifico equatoriale e spostarlo a sud, e allo stesso tempo, trasformare la Groenlandia e parti dell’Europa e del nord. America del Nord.

Ciò potrebbe aver portato a un’era glaciale che la Terra sta ancora vivendo tecnicamente, con poli ricoperti di ghiaccio e spesse lastre di ghiaccio che crescono e si ritirano dalla regione nel tempo.

Si pensa che relativamente pochi corpi planetari abbiano spostato il loro asse dopo la loro formazione, ma nel 2016 gli astrofisici hanno calcolato La Southern Methodist University ha riferito che anche la luna “ha oscillato” dopo la sua formazione.

“Miliardi di anni fa, il riscaldamento all’interno della Luna ha causato lo spostamento della faccia che vediamo verso l’alto quando la posizione del polo è cambiata fisicamente”, ha detto lo scienziato planetario Matt Siegler.

Sarebbe come se l’asse terrestre si fosse spostato dall’Antartide all’Australia.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Connessioni con la natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *