Gruppo Mission Impossible: Tom Cruise costruisce un castello sicuro da Corona – Cinema

Finalmente vuole portare questa cosa a casa ora!

Tom Cruise (57) porta le riprese della settima parte di “Mission: Impossible” in un’ex base militare. La star di Hollywood ha costruito lì una fortezza segreta contro Corona, secondo i rapporti britannici.Sole“.

Questa azione estrema arriva poche settimane dopo aver spaventato Corona sul set della Warner Bros. A Leavesden, in Inghilterra. Cruz ha gridato a due dipendenti che non mantenevano la distanza minima di 1,82 m richiesta nel gruppo e che erano troppo vicini l’uno all’altro davanti agli schermi.

Secondo una fonte interna, tutti i nervi del gruppo sono sull’orlo di un baratro: sto lavorando al gioco d’azione da circa un anno e le riprese sono già state sospese due volte a causa di Corona. All’inizio di settembre, Tom Criuse ha fatto ricorso a mezzi insoliti, poiché ha noleggiato due navi da crociera al largo delle coste norvegesi per circa 550.000 euro per ospitare lì il suo equipaggio e proteggerli così dalla contrazione del virus Covid19.

A ottobre, le riprese sono continuate in Italia, ma prima di tutto è stato detto che i colloqui di crisi con il regista Christopher McQuarie (52) sono avvenuti dopo che 12 persone sarebbero risultate positive al gruppo.


Tom Cruise è l’attore principale e produttore di Action Cracker e sta facendo tutto ciò che è in suo potere per garantire che le riprese non si interrompano mai più a causa della pandemia.Foto: Riccardo Antimiani / EPA-EFE / Shutterstock

Tom Cruise è anche il produttore del film e ora sta fornendo ad altri milioni di persone il trasporto nella nuova location, una base di carri armati militari abbandonati nel Surrey. Cruz deve essere “molto determinato” a finire il film il più velocemente possibile senza ulteriori interruzioni dovute a Corona.

Un insider del film britannico “Sun”: “Tom è sconvolto. Tutti i ritardi su questa lunga strada che hanno dovuto percorrere per poter continuare le riprese e poi alcuni di loro non lo prendono sul serio come fanno”.


Le misure di Tom per combattere Corona: maschera facciale e distanza minima, navi da crociera come hotel per l'equipaggio protetto e ora trasferimento in un'ex base militare

Le misure di Tom per combattere Corona: maschera facciale e distanza minima, navi da crociera come hotel per l’equipaggio protetto e ora trasferimento in un’ex base militareFoto: dpa

L’unica cosa che gli resta è che desidera poter controllare meglio il suo equipaggio nella base militare protetta e che l’ultima pietra possa finalmente cadere …

READ  Intervista con lo scrittore e regista James Darcy - The Upcoming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *