Il telescopio spaziale Hubble si concentra sulla galassia ospite della supernova

Il telescopio spaziale Hubble si concentra sulla galassia ospite della supernova

La NASA e il telescopio spaziale Hubble dell'Agenzia spaziale europea hanno catturato una nuova immagine della relativamente piccola galassia UGC 5189A, che si trova nella costellazione del Leone.

Questa immagine di Hubble mostra UGC 5189A, una galassia irregolare distante circa 150 milioni di anni luce e situata nella costellazione del Leone. Credito immagine: NASA/ESA/Hubble/A. Filippenko.

UGC 5189A Si trova a circa 150 milioni di anni luce di distanza nella costellazione del Leone.

Conosciuta anche come ECO 5363 o LEDA 27776, questa galassia è stata osservata da Hubble per studiare l'esplosione di una supernova nel 2010.

Questa particolare supernova, il rombo SN 2010 GLSi distingue per la sua enorme luminosità.

“In effetti, nel corso di tre anni, SN 2010jl ha rilasciato almeno 2,5 miliardi di volte più energia visibile da sola rispetto a quella rilasciata dal nostro Sole nello stesso intervallo di tempo su tutte le lunghezze d’onda”, hanno detto gli astronomi di Hubble.

“Anche dopo che le supernove sono scomparse a livelli inosservabili, è ancora interessante studiare gli ambienti in cui si sono verificate”.

“Questo potrebbe fornirci informazioni preziose: le supernove possono formarsi per una serie di ragioni, e la comprensione degli ambienti in cui si verificano può aiutare a migliorare la nostra comprensione delle condizioni necessarie alla loro generazione”.

“Inoltre, studi di follow-up dopo le supernove potrebbero migliorare la nostra comprensione degli effetti diretti di tali eventi, dai loro potenti effetti sul gas e sulla polvere circostanti, ai resti stellari che lasciano dietro di sé.”

“A tal fine, UGC 5189A è stato osservato più volte da Hubble dal 2010”.

READ  Meteo Edmonton: il vento raffredda tra -40 e -55, congelamento in pochi minuti

Questa nuova immagine di UGC 5189A è composta da osservazioni Telecamera ad ampio campo Hubble 3 (WFC3) nelle parti ultraviolette e ottiche dello spettro.

Sono stati utilizzati due filtri per campionare diverse lunghezze d'onda. Il colore risulta dall'assegnazione di toni diversi a ciascuna immagine monocromatica associata a un singolo filtro.

“Questa immagine proviene dai dati raccolti in tre dei più recenti studi di Hubble su UGC 5189A, che hanno esaminato anche diverse galassie relativamente vicine che hanno recentemente ospitato supernove – 'relativamente vicine', in questo contesto, significa circa 100 milioni di anni luce di distanza.” Hanno detto gli astronomi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *