I paesi europei espellono i diplomatici russi e gli ufficiali dell’intelligence

Una delegazione ucraina parla alla stampa dopo i colloqui con la Russia a Istanbul, in Turchia, il 29 marzo (Yasin Akgul/AFP/Getty Images)

Quando il russo e ucraino I ministri degli Esteri si sono incontrati tacchino Solo 19 giorni fa, il tempo era tossico e nessuna delle due parti è andata oltre la riformulazione delle posizioni attuali.

Oggi, in un incontro a Istanbul tra le squadre russa e ucraina, l’atmosfera è stata notevolmente più positiva e i contorni, per quanto deboli, di una soluzione globale di questa guerra orribile e devastante hanno iniziato a delinearsi.

Comprendeva il futuro della Crimea e della regione del Donbass, lo status neutrale dell’Ucraina, protetta da garanzie di sicurezza, un netto ritiro delle forze russe attualmente a nord di Kiev e persino la possibilità di un incontro tra i presidenti Vladimir Putin e Volodymyr Zelensky.

La squadra ucraina ha accettato di entrare nell’erba alta piazzando la Crimea, che la Russia ha annesso nel 2014.

Riguardo al futuro della Crimea, la cui annessione né l’Ucraina né altri paesi occidentali hanno accettato, Mikhailo Podolyak, consigliere di Zelensky, ha dichiarato: “È stato concordato in un formato bilaterale di fermarsi per 15 anni e tenere colloqui bilaterali sullo stato di queste regioni.

“Abbiamo discusso separatamente che tra 15 anni, mentre si svolgono i colloqui bilaterali, non ci saranno combattimenti militari”, ha detto ai giornalisti.

Ciò rimuoverà dal tavolo uno dei problemi più controversi al momento.

Entrambe le parti sembravano essere in uno stato d’animo costruttivo. Podolyak ha affermato che i negoziatori russi “hanno adottato il trattato che definisce i modi per porre fine alla guerra e formuleranno le loro controproposte”.

Il capo della delegazione russa, Vladimir Medinsky, è stato citato dall’agenzia di stampa russa TASS dicendo che i colloqui sono stati costruttivi. “La Russia sta facendo due passi verso l’Ucraina per fermare l’escalation”, ha detto.

READ  Germania. L'assalto alle località di villeggiatura. "Abbiamo il caos fino alla terza forza qui, tutto sta crollando."

Il più urgente di questi è l’annuncio russo che le ostilità contro Chernihiv e in direzione della capitale ucraina, Kiev, sono state notevolmente ridotte. Chernihiv, nel nord dell’Ucraina, è stata assediata dalle forze russe e ha subito distruzioni devastanti nelle ultime tre settimane.

Altrettanto importante, ha affermato Medinsky, è che le proposte ucraine erano ora sufficientemente formulate per essere “presentate al presidente. Verrà data la nostra risposta appropriata”.

“A condizione che l’accordo venga elaborato rapidamente e venga raggiunto un compromesso, le possibilità di concludere la pace si avvicineranno”, ha affermato Medinsky, la valutazione più ottimistica di un funzionario russo dal primo round di colloqui alla fine di febbraio.

I funzionari russi hanno precedentemente minimizzato qualsiasi coinvolgimento nel processo di Putin, dicendo che sono necessari ulteriori negoziati prima che il leader russo possa sedersi personalmente per colloqui faccia a faccia.

Ora, l’agenzia di stampa ufficiale russa RIA Novosti – citando la delegazione russa – ha parlato della possibilità di un incontro tra Putin e Zelensky, in coincidenza con la sigla del trattato di pace da parte dei ministri degli Esteri dei due Paesi.

Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu, che ha mediato i colloqui, ha delineato una possibile tabella di marcia, con “la massima priorità per raggiungere un cessate il fuoco il prima possibile per aprire la strada a una soluzione politica duratura”.

Queste questioni “più difficili” saranno sottoposte ai ministri degli Esteri russo e ucraino “per apportare gli ultimi aggiustamenti all’approccio comune”. Parlando ai giornalisti dopo i colloqui, ha detto che un incontro tra Putin e Zelensky sarebbe all’ordine del giorno.

READ  Gli alleati di Stati Uniti ed Europa sembrano pessimisti mentre i colloqui sul nucleare iraniano si bloccano a Vienna

il grafico mostra: Per l’Ucraina, le garanzie di sicurezza sono sempre state una parte importante di qualsiasi soluzione del conflitto. A poco a poco, il presidente Zelensky e altri funzionari ucraini si sono allontanati dall’insistenza dell’Ucraina in passato sul fatto che avesse il diritto – e persino l’obbligo – di richiedere l’adesione alla NATO, come sancito dalla costituzione ucraina.

Ora appare una formulazione molto diversa.

“Insistiamo sul fatto che questo sia un trattato internazionale, firmato da tutti i garanti della sicurezza, e sarà ratificato”, ha detto alla televisione ucraina uno dei membri della squadra ucraina, David Arakhamia, dopo l’incontro.

Quel trattato dovrebbe essere ratificato dai parlamenti negli stati garanti, secondo i funzionari ucraini, che stanno chiaramente creando quanta più assicurazione possibile nel meccanismo. Gli ucraini vogliono anche che gli stati garanti includano membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, inclusa la Russia.

Arakhmeya ha detto che le garanzie sarebbero molto specifiche. In caso di aggressione o di un’operazione militare diretta contro l’Ucraina, “le consultazioni devono aver luogo entro tre giorni”.

“Dopodiché, gli stati garanti sono obbligati ad aiutarci. Aiuti militari, forze armate, armi, cieli chiusi: tutto ciò di cui abbiamo disperatamente bisogno ora e che non possiamo avere”.

Gli ucraini stanno ora esaminando quella che potrebbe essere definita neutralità protetta e permanente.

Per saperne di più qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.