“Sabato buio”: la comunità marocchina di Montreal è sotto shock dopo il tragico terremoto

“Sabato buio”: la comunità marocchina di Montreal è sotto shock dopo il tragico terremoto

Montreal ospita la più grande popolazione marocchina del Canada e molti membri della comunità si sono svegliati sabato con la tragica notizia che la regione centrale del paese è stata colpita durante la notte dal più grande terremoto registrato in più di un secolo.

Recenti rapporti diffusi dal ministro degli Interni marocchino indicano che il bilancio delle vittime ha raggiunto quota 1.037. Lo riferisce la British Broadcasting Corporation. L’epicentro del terremoto di magnitudo 6,8 è stato nelle montagne dell’Alto Atlante del paese, che si trovano a circa 71 chilometri a sud-ovest della città di Marrakesh, una popolare destinazione turistica.

In una normale mattinata di fine settimana, al caffè La Amistad di Montreal si giocavano le partite di calcio, ma sabato era tutto incentrato sulle notizie.

“È un sabato buio”, ha detto Musleh Yacine, un marocchino di Montreal che lavora nel negozio.

Ha detto che i suoi clienti parlano solo del terremoto.

La storia continua sotto l’annuncio

Sabato fuori dal Café La Amistad a Montreal, dove gruppi di marocchini montrealesi si sono riuniti per ricevere aggiornamenti dai canali di notizie locali dopo che un terremoto di magnitudo 6,8 ha causato la morte di centinaia di persone nella loro terra natale.

Gloria Henriquez

“Da ieri sera alle sette di sera tutti parlano di contagiati e di deceduti. “È davvero triste, ieri abbiamo semplicemente provato a contattare tutti i nostri familiari per vedere se stavano bene e in salute.”

La famiglia di Yacine si trova a Casablanca, la città più grande del Paese nordafricano, dove si sono fatti sentire anche gli effetti del terremoto. Ha detto che dopo il terremoto, la sua famiglia ha dormito per strada per paura di un altro terremoto.

“Erano scioccati”, ha detto Yassin, “è stata una sorpresa per loro”. “Speriamo che finisca qui. Lo speriamo davvero.”

La gente ha avuto convulsioni fino alla capitale Rabat, che si trova a circa 350 chilometri a nord dell’epicentro.

Noereddine Mesbah, che ha famiglia a Marrakesh, ha detto che alcune persone si sono svegliate senza nulla nelle zone colpite.

La storia continua sotto l’annuncio

“Non hanno alcun aiuto”, ha detto Misbah, “la situazione è davvero terribile”.

Dice che stamattina il suo amico al telefono gli ha detto che non aveva né acqua né cibo.

Si ritiene che la maggior parte delle vittime si trovi in ​​villaggi remoti vicino alla regione montuosa.

I membri della comunità marocchina di Montreal si sono riuniti sabato mattina al Café La Amistad in attesa di aggiornamenti sul terremoto di magnitudo 6,8 che ha danneggiato le infrastrutture e ucciso più di 1.000 persone venerdì notte.

Gloria Henriquez

Serge Sasseville, consigliere comunale di Montreal, è attualmente in vacanza in Marocco e stava partecipando a una riunione a casa di un amico a circa 25 minuti dal centro di Marrakesh quando si è verificato il primo terremoto.

“È stato davvero spaventoso”, ha detto, aggiungendo che lui e un gruppo di amici si erano rannicchiati sotto coperte e sedie a sdraio fuori mentre aspettavano una prevista scossa di assestamento dopo il primo ruggito.

“Non controlli nulla, aspetti solo che succeda il peggio.”

La storia continua sotto l’annuncio

IL L’US Geological Survey ha riferito che era arrivata una scossa di assestamento di magnitudo 4,9 19 minuti dopo.

Anche se nessuno nella sua cerchia immediata è rimasto ferito, ha detto Sassville, la casa del suo amico ha subito alcuni danni ed è mancata la corrente durante il terremoto. Dopo essere rimasto lì per ore, è tornato al suo hotel a Marrakesh intorno alle 4:30 di sabato mattina.

Al suo ritorno in città, Sasseville ha detto di aver visto centinaia di persone dormire sui marciapiedi e nei parchi. Ha detto che finora ci sono state meno vittime a Marrakesh che nelle zone più colpite fuori città.

“Il precedente bilancio ufficiale del Ministero degli Interni era di 820 persone, e posso vedere che a Marrakesh, su 820 morti, c’erano 13 persone”, ha detto durante un’intervista a Global News sabato mattina.

La gente si prepara a seppellire un uomo ucciso dal terremoto nel villaggio di Moulay Brahim vicino a Marrakesh, Marocco, sabato 9 settembre 2023. (AP Photo/Mosab Chami).


Diverse attrazioni turistiche sono state gravemente danneggiate nella piazza principale della città, tra cui la storica moschea Jemaa el-Fna, la cui torre è stata parzialmente crollata.

La storia continua sotto l’annuncio

“Il mio cuore va alle famiglie e agli amici delle persone uccise e ferite”, ha detto Sasseville.

“I marocchini sono un popolo molto resistente… Nessuno ha mai vissuto un terremoto così forte in Marocco. È terribile. Ho sperimentato alcuni terremoti minori nella provincia del Quebec, ma non è niente in confronto a quello che è successo ieri sera a Marocco.”

Sabato il premier del Quebec François Legault ha espresso le sue condoglianze in un post sui social media.

“Tutti i miei pensieri sono con il popolo marocchino”, ha detto.

Da prima del 1900 non si è verificato nulla di più grande di un terremoto di magnitudo 6.0 entro 500 chilometri dall’epicentro un venerdì notte.

La storia continua sotto l’annuncio

Poiché si è verificato alle 23:11 ora locale, si prevede che il bilancio delle vittime sarà più elevato rispetto ad altri terremoti di intensità simile, poiché molte persone si trovavano probabilmente all’interno degli edifici danneggiati.

Si stima che circa 1.200 persone siano rimaste ferite nell’incidente, ma questo numero ufficiale è destinato ad aumentare.

Il ministro federale degli affari esteri Mélanie Joly ha esortato i canadesi in Marocco a registrarsi presso Global Affairs Canada dopo il devastante terremoto che ha colpito il paese nella tarda notte di venerdì.

In un tweet di questa mattina, la Jolie ha detto che i pensieri del Canada sono rivolti a tutti coloro che sono stati colpiti dal devastante terremoto.

Ha detto che i canadesi in Marocco che necessitano di assistenza dovrebbero contattare il Centro federale di monitoraggio e risposta alle emergenze, che può fornire assistenza consolare di emergenza.

La storia continua sotto l’annuncio

Global Affairs Canada afferma che sta lavorando ad un aggiornamento su quanti canadesi erano in Marocco al momento del disastro.

– Con file di Gloria Henriquez di Global News e The Canadian Press

&Copy 2023 Global News, una divisione di Corus Entertainment Inc.

READ  L'Iran convoca gli inviati russi sulla dichiarazione con il Consiglio di cooperazione del Golfo sulle isole | Notizie di politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *