I leader della difesa dell’ECOWAS concordano il “D-Day” per l’intervento militare in Niger | notizie militari

I leader della difesa dell’ECOWAS concordano il “D-Day” per l’intervento militare in Niger |  notizie militari

Il blocco dell’Africa occidentale accetta di attivare la forza di riserva come ultima risorsa se gli sforzi diplomatici falliscono dopo il colpo di stato in Niger.

Il principale blocco dell’Africa occidentale ha concordato un “Giorno della vittoria” per un possibile intervento militare per ripristinare la democrazia in Niger dopo che i generali hanno rovesciato e arrestato il presidente Mohamed Bazoum il mese scorso.

Un alto funzionario della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS) ha dichiarato venerdì di aver accettato di attivare la forza di riserva come ultima risorsa se gli sforzi diplomatici falliscono.

“Siamo pronti a partire ogni volta che arriva l’ordine”, ha dichiarato Abdelfatou Musa, commissario per gli affari politici, la pace e la sicurezza dell’ECOWAS, durante la cerimonia di chiusura di un incontro di due giorni dei capi dell’esercito dell’Africa occidentale nella capitale del Ghana, Accra.

“Anche il D-day è stato deciso. Abbiamo già concordato e perfezionato ciò che è necessario per l’intervento”, ha affermato, sottolineando che l’ECOWAS sta ancora cercando un impegno pacifico con i leader militari in Niger.

“Mentre parliamo, siamo ancora preparati [a] La missione di mediazione del Paese, quindi non abbiamo chiuso nessuna porta.

I capi della difesa si sono incontrati per affinare i dettagli di una possibile operazione militare per riconquistare Bazoum se i negoziati in corso con i golpisti fallissero.

“Nessuno dovrebbe dubitare che se tutto il resto fallisce, le valorose forze dell’Africa occidentale, sia componenti militari che civili, sono pronte a rispondere alla chiamata del dovere”, ha detto Moussa.

Gli ufficiali militari hanno licenziato Bazoum il 26 luglio, sfidando gli appelli delle Nazioni Unite, della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale e di altri per reintegrarlo.

READ  L'Australia invia polizia e truppe alle Isole Salomone mentre i disordini si intensificano

Un funzionario del blocco ha dichiarato giovedì che la maggior parte dei 15 Stati membri dell’ECOWAS era disposta a contribuire alla forza congiunta, ad eccezione di Capo Verde e di quelli anch’essi sotto governo militare, vale a dire Mali, Burkina Faso e Guinea.

Il corrispondente di Al Jazeera Charles Stratford ha detto da Accra, Ghana, che qualsiasi potenziale intervento militare contro i golpisti in Niger da parte dell’ECOWAS deve ancora affrontare “molti ostacoli politici e legali prima che possa mai essere attuato”.

“Questi includono l’approvazione da parte dei parlamenti e delle legislature dei paesi dell’Africa occidentale partecipanti, alcuni dei quali, inclusa la potenza regionale della Nigeria, hanno detto di no a qualsiasi potenziale azione militare”, ha detto Stratford.

Motaro Momoni, direttore esecutivo del Centro dell’Africa occidentale per contrastare l’estremismo, ha detto ad Al Jazeera che l’ECOWAS sta inviando segnali “confusi e confusi” riguardo al Niger.

Secondo Momoni, il blocco ha affermato che l’opzione militare è l’ultima risorsa e che ha aperto la porta al dialogo e al negoziato. Ma allo stesso tempo, il blocco sembra anche focalizzato sull’intervento militare, che sarebbe “estremamente impopolare”, ha detto.

“Non c’è buona volontà nello spazio interno per qualsiasi guerra o intervento militare in Niger”, ha aggiunto Moumoni.

Bazoum, la cui elezione nel 2021 ha segnato una pietra miliare nella turbolenta storia del Niger, è stato trattenuto con la sua famiglia nella residenza ufficiale del presidente dal colpo di stato, e cresce la preoccupazione internazionale per le sue condizioni di detenzione.

La Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale ha una scarsa esperienza nel fermare i colpi di stato dilaganti nella regione. I vicini Burkina Faso e Mali ne hanno ottenuti due ciascuno nell’arco di tre anni.

READ  Attivista di Hong Kong condannato a 15 mesi di carcere per il suo ruolo nella veglia di Tiananmen

La comunità internazionale e la Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale consideravano troppo il colpo di stato in Niger. Oltre a minacciare un’invasione militare, il blocco ha imposto sanzioni economiche e di viaggio.

Ma con il passare del tempo senza alcuna azione militare ei negoziati si sono bloccati, i leader militari del Niger sono diventati saldamente al potere, lasciando all’ECOWAS poche opzioni.

Ma qualsiasi uso della forza destabilizzerebbe ulteriormente la povera regione del Sahel dell’Africa occidentale, che è già bloccata in una battaglia decennale con i gruppi armati.

Il Niger ha anche un’importanza strategica al di fuori dell’Africa occidentale grazie alle sue riserve di uranio e petrolio e al suo ruolo di hub per le forze straniere impegnate nella lotta contro i gruppi armati legati ad al-Qaeda e all’ISIS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *