I campioni di Ryugu evidenziano gli effetti degli agenti atmosferici terrestri sui meteoriti primitivi

I campioni di Ryugu evidenziano gli effetti degli agenti atmosferici terrestri sui meteoriti primitivi

Immagini ottiche del campione Ryugu (a sinistra) e della condrite CI (Orgwell; a destra). © Kana Amano et al.

Uno studio pionieristico condotto da un team di scienziati internazionali ha rivelato informazioni senza precedenti sulla natura dell’asteroide Ryugu, facendo luce sulla composizione dei piccoli corpi ricchi di acqua e carbonio nel sistema solare.

Gli asteroidi come Ryugu sono i resti di embrioni planetari che non hanno mai raggiunto dimensioni maggiori, il che li rende finestre preziose sui materiali che si formarono agli albori del sistema solare. Lo studio si è concentrato sulle misurazioni di laboratorio di campioni riportati sulla Terra dalla navicella spaziale Hayabusa2 nel 2020. Guidata dalla Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA), Hayabusa2 mirava a rivelare la vera natura di Ryugu ed esplorare come gli astrologi possono utilizzare la conoscenza dei meteoriti per interpretare i meteoriti. osservazioni di altri asteroidi acquatici.

A differenza dei meteoriti derivati ​​da asteroidi acquatici simili, i campioni di Ryugu hanno evitato l’alterazione terrestre, ovvero l’interazione con l’ossigeno e l’acqua nell’atmosfera terrestre.

La spettroscopia di riflettanza, una tecnica chiave che collega le analisi di laboratorio dei meteoriti con le osservazioni degli asteroidi, è stata utilizzata per confrontare i nuovi campioni di Ryugu con meteoriti alterati in ambienti terrestri. Il team è riuscito a sviluppare procedure analitiche che hanno evitato l’esposizione dei campioni all’atmosfera terrestre, garantendo che le loro condizioni originali fossero preservate.

Studi precedenti hanno indicato che il campione minerale Ryugu somiglia alle condriti CI, i meteoriti chimicamente più primitivi. Tuttavia, altri studi hanno contraddetto questo, rivelando una differenza significativa negli spettri di riflettanza tra i campioni di condrite Ryugu e CI. Ulteriori indagini nel nuovo studio hanno indicato che il riscaldamento dei campioni CI in condizioni riducenti a 300°C ha riprodotto bene il campione minerale Ryugu, con il risultato che gli spettri corrispondevano strettamente a quelli dei campioni Ryugu.

READ  L'acqua liquida sui pianeti rocciosi potrebbe essere cento volte più probabile

I risultati mettono in discussione le ipotesi precedenti sui corpi genitori delle condriti CI e confermano la suscettibilità degli spettri primitivi dei meteoriti agli agenti atmosferici terrestri. Lo studio suggerisce che i veri corpi genitoriali della condrite CI probabilmente mostrano spettri di riflettanza più scuri e piatti di quanto si pensasse in precedenza.

“Questo studio apre nuovi orizzonti per comprendere la formazione e l’evoluzione dei piccoli corpi nel nostro sistema solare. Osservando l’effetto degli agenti atmosferici terrestri sui meteoriti, possiamo migliorare le nostre interpretazioni della composizione degli asteroidi e migliorare la “nostra conoscenza della storia antica del pianeta”. sistema solare.” Coautore dell’articolo.

Spettri di riflettanza Vis-NIR di campioni Ryugu e condrite. (A e B) Campioni grezzi di Ryugu raggruppati (TD1, TD2 e brillante grezzo) e campioni di scaglie di condrite di carbonato (Orgueil CI, Ivuna CI, Tagish Lake C2 – non raggruppato, Tarda C2 – non raggruppato, Murchison CM, Allende CV, Moss CO, e LAP 04721 CR2). I dati spettroscopici per le condriti di Allende e Moss sono citati da (40). Le linee grigie verticali indicano 0,48, 0,55, 0,70 e 0,86 μm di lunghezza d’onda (rispettivamente bande b, v, w e x) (6). Gli spettri di riflettanza Vis-NIR di Ryugu sono più scuri di quelli delle condriti carboniose acquose (A) e delle condriti carboniose anidri (B). (C e D) Spettri di riflettanza Vis-NIR di aggregati di polvere Ryugu riscaldati sperimentalmente e campioni di polvere Orgueil (CI). Gli spettri Ryugu scuri e piatti sono simili a quelli dei campioni di polvere Orgel riscaldati a una temperatura compresa tra 300 e 600 °C. – Scienze

I dettagli delle scoperte di Amano e dei suoi colleghi sono stati pubblicati sulla rivista Science Advances il 6 dicembre 2023.

READ  La NASA testa il telescopio spaziale James Webb prima del lancio

Riassegnazione dei corpi genitoriali della condrite CI basata sulla spettroscopia di riflettanza di campioni provenienti dall’asteroide carbonioso Ryugu e dai meteoriti.Scienze (accesso aperto)

Astrobiologia, Astrochimica,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *