Haiti afferma che la polizia ha aiutato gli assassini stranieri a uccidere il presidente اء

Domenica, il capo della polizia haitiana ha annunciato che gli ufficiali avevano arrestato un uomo haitiano accusato di aver volato nel Paese su un aereo privato e di aver collaborato con le menti e i presunti assassini dietro l’uccisione del presidente Jovenel Moise.

Il capo della polizia Leon Charles ha identificato il sospettato come Christian Emmanuel Sanon senza fornire alcuna informazione personale su di lui.

Charles ha detto che gli agenti hanno trovato diversi oggetti nella casa dell’uomo, tra cui un cappello con il logo della DEA, 20 scatole di proiettili, parti di armi, quattro targhe della Repubblica Dominicana, due auto e corrispondenza con sconosciuti.

“Continuiamo a fare grandi passi avanti”, ha detto Charles degli sforzi della polizia per risolvere lo sfacciato omicidio avvenuto mercoledì nella casa privata di Moyes in un attacco che ha ferito gravemente sua moglie, Martin Moyes, che è stata trasportata in aereo a Miami e rimane in ospedale .

Non è stato immediatamente chiaro se Sanon avesse un avvocato.

Charles ha detto che 26 colombiani sono sospettati di aver ucciso il presidente prima dell’alba di mercoledì. Diciotto di loro sono stati arrestati, insieme a tre haitiani. Ha detto che cinque sospetti sono rimasti in libertà e almeno tre sono stati uccisi.

“Sono individui pericolosi”, ha detto. “Sto parlando di commando, il commando specializzato.”

Il capo della polizia ha detto che la polizia sta lavorando con alti funzionari colombiani per determinare i dettagli del presunto complotto, incluso quando i sospetti hanno lasciato la Colombia e hanno pagato i loro biglietti.

Guarda | Funzionari haitiani arrestano un nuovo sospetto:

Gli Stati Uniti hanno inviato squadre ad Haiti per valutare la situazione sul campo poiché il paese rimane in subbuglio dopo l’assassinio del presidente Jovenel Moise. 2:27

READ  Airfrance: un visto per il trasporto aereo non è obbligatorio per nigeriani, ghanesi e persone che desiderano viaggiare nel Regno Unito

Charles ha affermato che Sanon è stato in contatto con una società che fornisce sicurezza ai politici e ha reclutato i sospetti, aggiungendo che il sospetto si è recato ad Haiti con loro all’inizio di giugno. Il compito iniziale degli uomini era proteggere Sanon, ma in seguito hanno ricevuto un nuovo compito: arrestare il presidente, ha detto il presidente.

“Il processo è iniziato da lì”, ha detto, aggiungendo che altri 22 sospetti si sono uniti al gruppo e che sono stati presi contatti con i cittadini haitiani.

L’indagato si identifica come medico

Charles ha detto che dopo che Moyes è stato assassinato, un sospetto ha telefonato a Sanon, che ha poi chiamato due persone che credeva fossero i pensatori della cospirazione. Non ha identificato le menti e non ha detto se la polizia sapeva chi fossero.

Il presidente ha affermato che le autorità haitiane hanno ottenuto le informazioni dagli interrogatori e da altre parti delle indagini.

Sanon viveva in Florida, nella contea di Broward e nella contea di Hillsborough sulla costa del Golfo. I registri mostrano che viveva anche a Kansas City, nel Missouri. Ha dichiarato bancarotta nel 2013 e si è identificato come medico in un video di YouTube chiamato Driving for Haiti.

Nel video, ha denunciato i leader di Haiti come corrotti, accusandoli di privare il paese delle sue risorse, dicendo “non si preoccupano del paese, non si preoccupano delle persone”.

Guarda | La polizia sta inseguendo altri sospetti nell’omicidio del presidente haitiano:

Funzionari haitiani affermano che almeno sei sospetti sono stati arrestati il ​​giorno dopo l’assassinio del presidente Juvenal Moss e che la caccia ad altri sospetti continua. 2:09

READ  La testimonianza contro Derek Chauvin ha rivelato una crepa nel "Muro Blu", ma gli esperti dicono che deve venire giù

Afferma che Haiti possiede uranio, petrolio e altre risorse che sono state sequestrate da funzionari governativi. Con me al potere, devi dirmi: ‘Cosa stai facendo con il mio uranio? Cosa fai con il petrolio che abbiamo nel paese? Cosa farai con l’oro? “

Ha aggiunto: “Questo è un paese con risorse. Nove milioni di persone non possono essere in povertà quando abbiamo così tante risorse nel paese. È impossibile… Il mondo dovrebbe smettere di fare ciò che sta facendo ora. Possiamo” non ce la faccio più. Abbiamo bisogno di una nuova leadership che cambierà il modo di vivere. “

Lotta per il potere politico

L’annuncio è arrivato poche ore dopo che centinaia di haitiani hanno cercato conforto nella preghiera nelle prime ore del servizio in chiesa domenica scorsa, mentre una lotta di potere politico minacciava di destabilizzare ulteriormente il loro fragile paese.

I leader della Chiesa cattolica e protestante hanno chiesto la calma e hanno detto alle persone di rimanere forti mentre cresceva la preoccupazione per il futuro, con le autorità che non offrono risposte o teorie su chi abbia ideato l’omicidio di Moyes.

Padre Edwin St. Louis ha detto durante un sermone televisivo che includeva una piccola immagine di Moss con un cartello che diceva: “Di fronte a questa situazione, non ci scoraggiamo… Devi restare e lottare per la pace”. Ti ricorderò “.

I pubblici ministeri hanno chiesto a politici di spicco, tra cui il candidato presidenziale Reginald Paulus e l’ex presidente del Senato haitiano Yuri Latortue, di incontrare i funzionari per interrogarli mentre le indagini continuano. Le autorità hanno anche affermato che intendono intervistare almeno due membri dell’unità di sicurezza di Moussa.

READ  Eletto ufficialmente a larga maggioranza: gli elettori hanno confermato che Joe Biden aveva vinto

Il primo ministro ad interim Claude Joseph sta attualmente guidando Haiti con l’aiuto della polizia e dell’esercito, ma deve affrontare crescenti sfide alla sua autorità.

Ariel Henry, che Moyes ha nominato primo ministro il giorno prima di essere ucciso, ha affermato di ritenere di essere il primo ministro legittimo, affermazione sostenuta anche da un gruppo di legislatori membri del partito Tet Kali di Moise. Questo gruppo sostiene anche Joseph Lambert, presidente del disciolto Senato di Haiti, come presidente ad interim del paese.

Gli Stati Uniti stanno inviando una squadra per assistere nelle indagini

Haiti, un paese di oltre 11 milioni di persone, ha attualmente solo 10 funzionari eletti dopo che non è riuscita a tenere le elezioni parlamentari, portando Moise a governare per decreto per più di un anno fino alla sua morte.

Il primo ministro ad interim di Haiti, Claude Joseph, ha parlato giovedì ai media a Port-au-Prince. Joseph Haiti è attualmente alla guida con l’aiuto della polizia e dell’esercito, ma deve affrontare crescenti sfide alla sua autorità. (Estelof Saint Phalle/Reuters)

Mentre le strade erano tranquille domenica, i funzionari del governo si sono preoccupati per ciò che li aspettava e hanno richiesto l’assistenza militare degli Stati Uniti e delle Nazioni Unite.

“Crediamo ancora che ci sia un percorso verso il caos”, ha detto all’Associated Press il ministro delle elezioni haitiane Matthias Pierre.

Lo ha detto il portavoce del Pentagono John Kirby Fox News Sunday Che il Pentagono sta analizzando la richiesta di inviare truppe ad Haiti e che non sono state prese decisioni. Ha detto che una squadra composta in gran parte da agenti del Dipartimento della sicurezza interna e dell’FBI si stava recando ad Haiti “adesso” per aiutare a indagare sull’assassinio.

“Penso che sia qui che le nostre energie vengono applicate meglio ora”, ha detto Kirby, “nell’aiutarli a mettere le braccia intorno alle indagini su questo incidente e a capire chi è la colpa, chi è responsabile e il modo migliore per ritenerli responsabili andando avanti. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *