La Cina si oppone alla proposta di Vancouver Friendship City a Taiwan

Il sogno di Charlie Wu di iniziare una relazione artistica e culturale con Kaohsiung, Taiwan, si è avvicinato alla realtà quando ha sentito parlare del nuovo “Friendship City Program” a Vancouver.

A settembre, il Consiglio comunale di Vancouver ha emesso una proposta per stabilire il programma, che le consente di collaborare con città di tutto il mondo per costruire relazioni culturali e commerciali.

Le domande per aggiungere una nuova Città dell’Amicizia sono attese da organizzazioni no-profit della comunità come l’Associazione per gli eventi speciali asiatici-canadesi di Wu, nota per l’organizzazione di grandi eventi come il Festival di Taiwan a Vancouver.

“Ci sono molte opportunità per la nostra comunità artistica di cui approfittare”, ha detto Wu. “Kaohsiung è diventata una sorta di mecca artistica e culturale in Asia o nel sud-est asiatico”.

Ma il consolato cinese a Vancouver ha rilasciato una dichiarazione questa settimana in cui si oppone al piano Friendship City, dicendo: “Ci opponiamo risolutamente a qualsiasi relazione ufficiale in qualsiasi forma tra la città di Vancouver e le città della regione di Taiwan”.

La nazione insulare è sottoposta a crescenti pressioni militari e politiche Accettare il governo di Pechino.

La Cina afferma che Taiwan fa parte del suo territorio nazionale, ma l’isola è stata autonoma sin dalla sua separazione dalla Cina nel 1949 dopo Una lunga guerra civile.

Sotto la posizione di “una Cina” del Canada, Il Canada non riconosce Taiwan In quanto Stato sovrano, non mantiene relazioni formali tra i governi.

Il consolato cinese afferma che Taiwan è una parte inalienabile del territorio cinese. (Ann Wang/Reuters)

Risposta del consolato Invita la comunità internazionale a riconoscere il principio “una Cina”, che insiste sull’avere una Cina e Taiwan come parte del suo governo, secondo Josephine Chiu Duke, professore associato di studi asiatici presso l’Università della British Columbia.

Ma ha detto che il rifiuto di Friendship City è insolito.

“Sono rimasto un po’ sorpreso, perché questo è abbastanza normale per le città per lo scambio culturale, lo scambio accademico, ecc”, ha detto Chiu Deok.

“Forse volevano fare certi tipi di dichiarazioni forti riguardo alla loro autorità su alcune regioni dell’Asia e specialmente a Taiwan, alla comunità internazionale”.

Il consolato ha affermato che Taiwan è una parte inalienabile del territorio cinese e la creazione di una città dell’amicizia sarebbe “uno scambio ufficiale e un meccanismo ufficiale”.

“Nessuna interazione ufficiale con le autorità di Taiwan è in alcun modo un requisito radicato nel principio di una sola Cina”, afferma la nota.

Il programma Friendship City consente ai gruppi della comunità di rafforzare i legami culturali e commerciali. (Charlie Wu)

Il gesto di creare città dell’amicizia dovrebbe essere ben diverso dalla politica globale ad alto rischio, ha affermato Alvin Singh, direttore delle comunicazioni per l’ufficio del sindaco di Vancouver Kennedy Stewart.

“È davvero l’opposto. Le persone nelle loro comunità hanno un legame con qualche altro posto da cui provengono. E vogliono esprimerlo… attraverso l’arte, le fiere, la musica e i festival gastronomici”. ha detto Singh.

Crea frustrazione per un gruppo comunitario

Per Wu, la risposta del consolato è stata deludente.

“Sono arrabbiato. Sono molto confuso perché dobbiamo sempre fare i conti con le assicurazioni del governo cinese”, ha detto.

Le aspirazioni di Wu includevano un festival culturale da ospitare a Taiwan e Vancouver su base annuale alternata.

La città di Vancouver afferma che il programma Friendship City è ancora in fase di sviluppo. Sebbene Wu abbia inviato una lettera di interesse riguardo a Kaohsiung, la città dice che non ci sono ancora richieste ufficiali.

Secondo la città, il programma è un’alternativa più economica al programma della città gemellata, che incoraggia gli scambi educativi e commerciali. Vancouver ha già accordi gemellati con Edimburgo, Odessa, Guangzhou, Yokohama e Los Angeles.

Ogni accordo di città di amicizia richiederà anche una proposta di consiglio separata.

Singh ha affermato che qualsiasi opposizione straniera al programma spetterà al Consiglio di Vancouver votare in futuro.

Per Lu, la speranza è continuare a costruire la comunità artistica di Vancouver.

“Se possiamo iniziare questa relazione con Taiwan, e forse con altre città del mondo, vieni e unisciti a me”, ha detto.

READ  Twitter potrebbe rovesciare Trump dopo aver lasciato la Casa Bianca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *