Gli ucraini si fanno prendere dal panico quando la Polonia smette di inviare armi per combattere la Russia | Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

Gli ucraini si fanno prendere dal panico quando la Polonia smette di inviare armi per combattere la Russia |  Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

Kiev, Ucraina – “Non posso credere che l’amicizia sia finita.”

Questo è ciò che Marina Vasilievskaya, una donna ucraina di origine polacca, ha detto ad Al Jazeera con un profondo sospiro giovedì dopo aver appreso che Varsavia aveva interrotto le forniture di armi a Kiev – e potenzialmente tagliato gli aiuti al milione di rifugiati ucraini che ospita.

La Polonia fornì all’Ucraina centinaia di carri armati dell’era sovietica e 14 aerei da combattimento MiG-29 nel momento del bisogno durante l’invasione russa, servì come importante hub di transito per armi provenienti da altri paesi occidentali e fornì le sue basi militari per l’addestramento dei soldati ucraini.

Ha anche speso miliardi di euro in altre forme di aiuto, dalla costruzione di case temporanee per i rifugiati alla donazione di forniture mediche e generatori di energia.

Vasilevskaya e i suoi figli sono stati tra i destinatari più vulnerabili e disperati degli aiuti della Polonia, così come del suo travolgente e commovente sostegno morale.

I suoi nonni paterni erano polacchi e l’anno scorso ha trascorso quattro mesi nella città polacca orientale di Cracovia con le sue figlie, di cinque e otto anni, dopo essere fuggita dall’attacco russo.

È tornata a Kiev in agosto perché suo marito, Vladislav, aveva un’emergenza medica e la figlia maggiore, Daria, sentiva la mancanza dei suoi compagni di scuola.

Ma nonostante le recenti tensioni, Vasilievskaya afferma di rimanere “per sempre grata” alle autorità polacche e al pubblico.

Sono arrivato a Cracovia a metà marzo 2022 su un treno lento, notturno, pieno di bambini che piangevano e adulti spaventati e confusi, ma i polacchi li hanno accolti tutti come “migliori amici”.

“Ci hanno aiutato in ogni modo possibile con tutto, proprio tutto, dal cibo, ai vestiti, all’alloggio e all’assistenza sanitaria”, ricorda con le lacrime agli occhi la 34enne, che lavora nel marketing.

READ  'La libertà torna in vita': rimpatrio canadese dopo 15 anni di carcere per spionaggio

“Ho pensato: ‘Oh mio Dio, il nostro odio reciproco è finalmente finito.’

La Polonia un tempo conquistò vaste aree della Rus’ di Kiev, una confederazione medievale di principati dell’Europa orientale che diede origine all’Ucraina, alla Bielorussia e alla Russia.

Fu anche un canale per le influenze occidentali, dalla filosofia alle arti visive, ma i suoi sforzi per convertire i suoi sudditi cristiani ortodossi in quella che oggi è l’Ucraina al cattolicesimo romano incontrarono una resistenza che aprì in parte la strada alla presa di Mosca.

La fertile “terra nera” dell’Ucraina era il granaio della Polonia – e la disputa diplomatica in corso è incentrata anche sui cereali.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj e il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki si abbracciano durante una conferenza stampa congiunta nel giorno dell’anniversario dell’attacco russo all’Ucraina, a Kiev, febbraio 2023. [Viacheslav Ratynskyi/Reuters]

Mercoledì il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha dichiarato che Varsavia “non trasferisce più armi all’Ucraina perché ora stiamo armando la Polonia con armi più moderne”.

Il suo annuncio è arrivato dopo il discorso del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj all’Assemblea generale delle Nazioni Unite in cui ha accusato Polonia, Slovacchia e Ungheria di aiutare la Russia vietando l’importazione di grano ucraino.

Attualmente, il grano non può essere spedito attraverso il Mar Nero perché la Russia si è ritirata dall’“accordo sul grano” mediato dalle Nazioni Unite che consente il passaggio sicuro alle navi mercantili.

“È inquietante vedere come alcuni in Europa stiano interpretando la solidarietà nel teatro politico, creando una storia sensazionalistica con le pillole”, ha detto Zelenskyj, ex comico e attore cinematografico.

“Può sembrare che recitino il proprio ruolo, ma in realtà stanno aiutando a spianare la strada a un attore a Mosca.”

Kiev ha presentato reclamo all’Organizzazione mondiale del commercio riguardo a Polonia, Slovacchia e Ungheria e ha vietato l’importazione di mele, cavoli, pomodori e cipolle polacchi.

READ  Artista bielorusso muore mettendo letame nell'ufficio di Lukashenko in prigione | Notizie sui diritti umani

Il blocco è diventato la goccia che ha fatto traboccare il vaso, facendo arrabbiare il partito di destra Diritto e Giustizia, al potere in Polonia, che conta sul sostegno degli agricoltori e dei residenti rurali e si sta preparando per le elezioni parlamentari previste per il 15 ottobre.

Lunedì Varsavia ha dichiarato che potrebbe non fornire ai rifugiati ucraini un sostegno che includa permessi di lavoro, istruzione gratuita, accesso all’assistenza sanitaria e altri benefici.

Il portavoce del governo Piotr Molter ha dichiarato: “Queste norme finiranno semplicemente l’anno prossimo”.

“Delicato e innaturale”

Un esperto militare ucraino ha affermato che fermare gli aiuti militari polacchi è “delicato”.

“Tutto questo è innaturale, tutta acqua [Russian President Vladimir] “Il mulino di Putin”, ha detto ad Al Jazeera il tenente generale Ihor Romanenko, ex vice capo di stato maggiore delle forze armate ucraine.

“Nel futuro prossimo, [Polish and Ukrainian] “I presidenti devono riunirsi e trovare punti di intesa”.

Altri analisti erano meno ottimisti.

“Le élite polacche sono arrabbiate e questo potrebbe diventare un punto di congelamento nelle relazioni”, ha detto ad Al Jazeera l’analista di Kiev Alexei Koch.

Credeva che i rapporti potessero essere ristabiliti solo dopo l’allontanamento dal potere ucraino.

Lui ha detto che il viceministro dell’economia Taras Kachka, che ha imposto il divieto sul cibo polacco, e il suo capo, Yulia Sviridenko, potrebbero essere tra coloro che dovrebbero essere licenziati.

Alcuni ucraini hanno considerato la disputa solo un errore temporaneo.

“Naturalmente, devono proteggere i loro agricoltori, proprio come noi dobbiamo proteggere i nostri”, ha detto ad Al Jazeera Volodymyr Sinitsa, un autista di autobus in pensione cresciuto in un villaggio nella regione centrale di Cherkasy, in Ucraina.

READ  Il vicepresidente degli Stati Uniti Harris promette una risposta "rapida, acuta e unita" se la Russia invaderà l'Ucraina

Ma alcuni hanno risposto con indignazione.

“Sono vendicativi. Ci accusano sempre di genocidio e di altre cose che non abbiamo mai fatto”, ha detto ad Al Jazeera Konstantin Davydenko, un soldato di 22 anni.

Ha fatto riferimento a quello che Varsavia chiama il “massacro di Volyn” dei civili in Polonia, occupata dalla Germania nazista.

Varsavia ha affermato che l’esercito ribelle ucraino che si schierò con la Berlino nazista per espellere i russi dall’Ucraina uccise fino a 100.000 polacchi e il loro massacro è considerato “genocidio”.

L’Ucraina, dove i principali leader dell’UPA sono celebrati come eroi di guerra e combattenti per la libertà, ha contestato il termine e il numero delle vittime.

Il massacro ebbe luogo nelle regioni della Volinia e della Galizia, che furono annesse dal dittatore sovietico Joseph Stalin e che ora fanno parte dell’Ucraina occidentale.

Dopo la seconda guerra mondiale, i polacchi rimasti lì dovettero affrontare discriminazioni.

Uno di loro era Felix, il bisnonno dell’ex rifugiato Vasilevskaya, che ha perso il lavoro come primario in un ospedale pediatrico nella città occidentale di Lviv.

Ha detto che è stato condannato a 10 anni nelle carceri siberiane ed è sopravvissuto solo perché “ha aiutato a riformare i criminali di carriera” che gli hanno dato cibo e sostegno dalle guardie carcerarie.

Crescendo, a volte sentiva insulti etnici che denigravano le sue radici polacche, ma sperava che l’aiuto fornito dalla Polonia agli ucraini durante la guerra avrebbe messo fine alle tensioni.

“Speravo che i nostri paesi potessero superare questa oscurità tra di noi. “Lo faccio ancora”, ha detto Vasilevskaya.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *