Gli italiani che lavorano nel settore culturale denunciano il blocco dell’epidemia | Notizie dall’Italia

Milano, Italia – Martedì, gli operatori del settore artistico e culturale hanno protestato in tutta Italia, segnando un anno dalla chiusura di teatri, music hall, cinema e luoghi culturali a causa della pandemia di coronavirus, il blocco che ha lasciato disoccupate 300.000 persone che lavorano nel settore.

Una protesta davanti alla sede locale del governo centrale a Milano è iniziata con uno spettacolo in cui attori, cantanti e altri professionisti del teatro si preparano dietro le quinte per uno spettacolo che non è mai accaduto.

“Questo è stato uno spettacolo di cinque minuti che ha impiegato nove ore per le prove. Volevamo mostrare cosa serve ai preparativi per la produzione”, ha detto Beatrice Parabini, cantante, attrice e insegnante che ha partecipato al cast di Al Jazeera.

Con i viaggi interregionali vietati dall’inizio della seconda ondata, si è tenuta una manifestazione nazionale in 20 capoluoghi di provincia.

I sindacati hanno organizzato manifestazioni parallele in alcune città tra cui Roma e Catania.

Lunedì sera i teatri di tutta Italia sono stati illuminati per “mettere in risalto il palco”.

Mirko Lanfredini, direttore artistico di un piccolo teatro di Milano, afferma che, pur potendo beneficiare di borse di studio, la scuola di teatro da lui fondata è rimasta vacillante. [Ylenia Gostoli/Al Jazeera]

“Chiediamo la riapertura dei luoghi con misure di sicurezza, e una maggiore attenzione alla nostra classe, con riforme serie che tengano conto della natura atipica del lavoro nel settore culturale”, ha detto Parabini, che ha contribuito a organizzare la protesta . .

Come altri, nell’ultimo anno non aveva diritto al sostegno del governo.

Ho avuto un grave problema di salute [in 2019]”Quando è scoppiata l’epidemia, i progetti che ho riavviato di recente hanno dovuto essere sospesi”, spiega Parabeni.

Gli operatori del settore artistico e culturale possono richiedere una sovvenzione di 600 € (730 dollari) all’inizio della crisi e quattro sovvenzioni aggiuntive di 1.000 € annunciate mentre la crisi infuria.

READ  Three to See, AO Giorno 6: Barty v. pressione & Alexandrova; Uomini italia | TENNIS.com

“Ma dobbiamo anche riaprire le attività culturali con tutte le misure di sicurezza necessarie”, ha detto ai giornalisti a Roma Maurizio Landini, segretario generale della Cgil, uno dei sindacati più grandi d’Italia.

C’è anche bisogno di finanziamenti e opportunità per gli europei [Next Generation EU] Il piano è un’opportunità per investire nella cultura e nelle arti dello spettacolo “.

In tutta Europa e oltre, i luoghi culturali sono stati per lo più chiusi a causa della diffusione del Coronavirus, ma ci sono stati brevi periodi di riapertura, come in estate.

A Madrid il governo ha riaperto teatri e cinema alla fine del 2020, sebbene il Paese rimanga in stato di emergenza almeno fino al 9 maggio.

Il Regno Unito, che ha uno dei tassi di mortalità più alti al mondo ma è lodato per il lancio del suo vaccino, ha recentemente annunciato misure graduali per allentarne il blocco. Mira a riaprire completamente i luoghi culturali entro la fine di giugno.

Rilevazione di debolezze strutturali

Nel suo primo intervento, Mario Draghi, il nuovo premier italiano, ha dichiarato: “La cultura va sostenuta. Il pericolo è la perdita del patrimonio che definisce la nostra identità. Le perdite economiche sono enormi, ma la perdita di vite umane sarà maggiore. . “

Ha detto che il settore dovrebbe essere sostenuto attraverso investimenti e una maggiore protezione per i lavoratori.

Ma a un anno dall’inizio della crisi che ha fatto soffrire molte persone, i manifestanti cercano qualcosa di più delle semplici parole.

Uno sguardo fuori dalla finestra di Palazzo Montecitorio, sede del Parlamento italiano, ricorderà a Draghi, l’ex presidente della Banca centrale europea, le sfide che deve affrontare per tirare fuori l’Italia dalla crisi sanitaria ed economica in corso.

READ  Il Ct dell'Italia Mancini ha confermato che Jorginho ha avuto un infortunio al ginocchio durante l'allenamento del Chelsea

Circa 300.000 persone lavorano nei settori dell’arte e della cultura italiana [Ylenia Gostoli/Al Jazeera]

I proprietari dei ristoranti hanno protestato lunedì, chiedendo al governo di ripristinare l’orario di lavoro serale.

Il movimento #iopen, partito a gennaio, ha il sostegno esplicito di Matteo Salvini, leader leghista di estrema destra.

Fino al 31 marzo, i dipendenti sono protetti da un divieto di licenziamento.

Ma ai proprietari di piccole imprese, ai lavoratori autonomi e stagionali non è stata fornita tale sicurezza durante la crisi.

Mirko Lanfredini, 42 anni, attore e direttore artistico di un piccolo teatro milanese, racconta che, pur potendo beneficiare delle borse di studio, la scuola di teatro da lui fondata ha lasciato vacillare.

“Dal 23 febbraio dello scorso anno, la mia scuola è operativa solo per un mese a giugno”, ha detto Lanfredini. “L’affitto è di 2.000 euro al mese. Tutti i nostri risparmi sono andati persi.”

Il teatro in cui lavoro ha 240 posti e siamo riusciti a sistemare 120 posti di distanza. Ma il giorno in cui avremmo dovuto riaprire le nostre porte, è stato annunciato il coprifuoco [in October]. “

David Goulaci, elettricista di 32 anni al Teatro Stabile di Roma e organizzatore delle proteste, ha chiesto “reddito di continuità” per i lavoratori con contratti a breve termine oa progetto.

Gulasey ha detto che l’epidemia ha messo in luce problemi profondi nello spazio culturale, tra cui l’instabilità e la diffusione del lavoro informale e dello sfruttamento, aggiungendo che c’è un lato positivo.

“L’epidemia ha sicuramente contribuito ad abbattere le barriere tra i lavoratori, e l’interruzione del lavoro di un anno ci ha concesso il tempo per fermarci e costruire movimenti”, ha detto.

“Dobbiamo ripensare ai modi in cui sosteniamo i lavoratori quando non sono al lavoro e ai nostri ammortizzatori sociali”, ha detto ad Al Jazeera Francesca Pettio, docente di economia politica all’Università di Siena.

READ  Il bizzarro motivo per cui l'Italia era così credulona per il Super Lager di Tennent

Per i lavoratori d’arte, metà della buona notizia è che non saranno più trattati come separati ed emarginati. Il loro problema sta diventando sempre più comune e le soluzioni devono includerli anche. La crisi ci ha portato di fronte a un cambio di paradigma che non possiamo più ignorare “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *