La figlia di Malcolm X sta facendo causa alle agenzie per il suo presunto ruolo nell’omicidio Notizie sui diritti civili

La figlia di Malcolm X sta facendo causa alle agenzie per il suo presunto ruolo nell’omicidio  Notizie sui diritti civili

Elisa Shabazz ha detto che intende citare in giudizio il NYPD e l’FBI, tra gli altri, per $ 100 milioni in una causa per omicidio colposo.

La figlia dell’icona dei diritti civili degli Stati Uniti Malcolm X ha annunciato che intende citare in giudizio diverse agenzie governative per aver presumibilmente nascosto il loro ruolo nella sua sparatoria mortale il 21 febbraio 1965.

Parlando in una conferenza stampa martedì, Elisa Shabazz, una delle figlie di Malcolm X, si è unita all’avvocato per i diritti civili Ben Crump per annunciare il loro intento. Ha intentato una causa per omicidio colposo per $ 100 milioni contro enti governativi come il dipartimento di polizia di New York (NYPD), il Federal Bureau of Investigation (FBI) e la Central Intelligence Agency (CIA).

Un emozionato Shabazz ha detto ai giornalisti: “La nostra famiglia ha combattuto per anni affinché la verità venisse rivelata sul suo omicidio e vorremmo che nostro padre ottenesse la giustizia che merita”. Si spera che il contenzioso in questo caso alla fine solleverà alcune domande senza risposta. Vogliamo che la giustizia serva nostro padre”.

Shabazz aveva 2 anni quando ha visto suo padre di 39 anni colpito a morte da tre persone mentre si preparava a tenere un discorso a New York City, confinato nella stessa stanza in cui ha annunciato la sua intenzione di sporgere denuncia martedì.

L’uccisione del capo nero è stata a lungo oggetto di speculazioni su un possibile coinvolgimento segreto.

Queste convinzioni rimangono controverse ma riflettono sospetti di lunga data da parte di agenzie come l’FBI, un’agenzia di intelligence interna che ha compiuto sforzi per infiltrarsi e smantellare i gruppi per i diritti dei neri durante il mandato del fondatore dell’agenzia J. Edgar Hoover.

READ  I talebani controllano l'aeroporto di Kabul dopo il ritiro degli Stati Uniti

Crump ha affermato che tale speculazione è stata parzialmente verificata quando, nell’ottobre 2022, la città e lo stato di New York hanno assegnato 36 milioni di dollari a due uomini ingiustamente condannati per l’omicidio di Malcolm X.

Il loro caso era stato precedentemente definito un “fallimento della giustizia” dalla Corte Suprema dello Stato di New York, e martedì Crump ha affermato che il governo aveva nascosto “prove a discarico” che avrebbero potuto scagionare i due uomini.

Ha detto: “Cose su cui molte persone hanno speculato per decenni ma non sono state provate … Pensiamo che ora possano essere provate sulla base dell’assoluzione di persone che sono state condannate ingiustamente”.

Crump ha annunciato che intende raccogliere dichiarazioni da funzionari governativi in ​​merito al caso.

Muhammad Aziz, mostrato qui dopo il suo arresto a New York il 26 febbraio 1965, ha trascorso anni in prigione dopo essere stato ingiustamente condannato per coinvolgimento nell’omicidio del leader nero Malcolm X. [File: AP Photo]

Negli anni ’50, mentre il movimento per i diritti civili spingeva a riconsiderare le relazioni razziali americane, Malcolm X emerse come portavoce della Nation of Islam, un gruppo musulmano afroamericano che abbracciava il separatismo nero.

Tuttavia, in seguito litigò con il gruppo e lo ruppe pubblicamente nel 1964, il che provocò la rabbia di alcuni membri e minacce di morte. Alcuni dei suoi collaboratori hanno affermato che le agenzie governative erano a conoscenza di un complotto per ucciderlo, ma hanno permesso loro di procedere.

Talmadge Heyer, un ex membro della Nation of Islam, ha dichiarato in tribunale di essere uno degli assassini. I due uomini condannati ingiustamente avevano a lungo sostenuto la loro innocenza e Heyer aveva detto che i suoi complici erano altri membri della NOI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *