Gli esseri umani usarono per la prima volta il FUOCO per cambiare l’ambiente 92.000 anni fa in Africa

Gli esseri umani stanno attivamente cambiando i paesaggi in tutto il mondo, ma la formazione degli ecosistemi non è solo un’attività recente: i nostri antenati hanno iniziato a metamorfizzarsi quasi 100.000 anni fa.

L’analisi degli insediamenti e dei dati sull’ambiente antico lungo le sponde settentrionali del Lago Malawi nell’Africa orientale rivela che gli antichi abitanti usavano il fuoco 92.000 anni fa per prevenire la ricrescita delle foreste.

Questi umani dell’età della pietra hanno bruciato le foreste circostanti per fare spazio a una popolazione in crescita, provocando vaste foreste che si estendono in tutta l’area oggi.

Lo studio condotto dalla Yale University ha rivelato insediamenti nell’area costruita 92.000 anni fa, insieme a maggiori depositi di carbone nel nucleo del lago che sono apparsi subito dopo, consentendo ai ricercatori di ricostruire la storia.

L’analisi degli insediamenti (nella foto) e dei dati sull’ambiente antico lungo le sponde settentrionali del Lago Malawi nell’Africa orientale rivelano che gli antichi abitanti usavano il fuoco 92.000 anni fa per prevenire la ricrescita delle foreste.

Jessica Thompson, Professore Associato di Antropologia presso il College of Arts and Sciences e autrice principale dell’articolo, ha dichiarato: “ Questa è la prima prova che ho visto di esseri umani che alterano fondamentalmente i loro ecosistemi con il fuoco.

Egli osserva che alla fine dell’era glaciale, gli umani stavano imparando a usare il fuoco in modi davvero nuovi. In questo caso, il suo incendio ha causato la sostituzione delle foreste della zona con il bosco aperto che vedi oggi.

I lavori sono iniziati nel 2018, quando i paleontologi della Pennsylvania State University stavano esaminando fossili, pollini e minerali in due nuclei di sedimenti estratti dal fondo del lago Malawi. America scientifica Rapporti.

READ  Una bambina di 7 anni ha attirato la sua attenzione quando ha a che fare con i fuochi d'artificio

L’analisi ha mostrato importanti cambiamenti ambientali e cambiamenti ambientali che non possono essere spiegati usando le sole variabili climatiche.

I lavori sono iniziati nel 2018, quando i paleontologi della Pennsylvania State University stavano esaminando fossili, pollini e minerali in due nuclei di sedimenti (viola, pittogramma centrale, immagine a destra) estratti dal fondo del lago Malo.  CHA, SS, WW, MGD sono antichi siti di insediamento

I lavori sono iniziati nel 2018, quando i paleontologi della Pennsylvania State University stavano esaminando fossili, pollini e minerali in due nuclei di sedimenti (viola, pittogramma centrale, immagine a destra) estratti dal fondo del lago Malo. CHA, SS, WW, MGD sono antichi siti di insediamento

Il team ha scoperto che il livello dell’acqua e la vegetazione del lago avevano un andamento climatico stabile negli ultimi 636.000 anni e le foreste lungo la riva sono scomparse durante la siccità e si sono riprese quando il lago ha raggiunto livelli normali.

Tuttavia, le registrazioni dei pollini hanno mostrato un disturbo del ciclo circa 86.000 anni fa.

I ricercatori hanno scoperto che quando i periodi di pioggia sono tornati nell’area, i livelli dell’acqua si sono stabilizzati, ma le foreste lungo la costa non si sono riprese.

I dati hanno anche rivelato che un forte aumento dell’accumulo di carbone si è verificato poco prima che la ricchezza di specie nell’area si appiattisse.

Le registrazioni dei pollini mostrano un disturbo del ciclo circa 86.000 anni fa.  I ricercatori hanno scoperto che quando i periodi di pioggia sono tornati nell'area, i livelli dell'acqua si sono stabilizzati, ma le foreste lungo la costa non si sono riprese.  Ci fu anche un aumento dei depositi di carbone nello stesso periodo in cui gli antichi umani si trasferirono per la prima volta nell'area

Le registrazioni dei pollini mostrano un disturbo del ciclo circa 86.000 anni fa. I ricercatori hanno scoperto che quando i periodi di pioggia sono tornati nell’area, i livelli dell’acqua si sono stabilizzati, ma le foreste lungo la costa non si sono riprese. Ci fu anche un aumento dei depositi di carbone nello stesso periodo in cui gli antichi umani si trasferirono per la prima volta nell’area

Dallo studio è emerso che, nonostante i livelli costantemente elevati di laghi, che implicano una maggiore stabilità nell’ecosistema, la ricchezza di specie è diventata piatta dopo una recente siccità sulla base delle informazioni provenienti dal polline fossile prelevato dal fondo del lago.

READ  Accordo commerciale di blocco del pesce con Londra

Ciò era inaspettato perché nel corso dei cicli climatici passati, gli ambienti piovosi hanno prodotto foreste che forniscono un habitat ricco per un’abbondanza di specie, ha spiegato Ivory.

“Il polline che vediamo in questo ultimo periodo di clima stabile è molto diverso da prima”, ha detto Sarah Ivory, dalla Pennsylvania.

I residenti intorno al lago devono indossare un mantello e le foreste sono state bruciate per far posto a più case, con il risultato di vaste foreste che si estendono in tutta l'area oggi.

I residenti intorno al lago devono indossare un mantello e le foreste sono state bruciate per far posto a più case, con il risultato di vaste foreste che si estendono in tutta l’area oggi.

“Nello specifico, gli alberi che indicano baldacchini forestali densi e strutturalmente complessi non sono più comuni e vengono sostituiti dal polline di piante che affrontano bene incendi e disturbi frequenti”.

Thompson e Ivory lavoravano intorno al lago Malawi più o meno nello stesso periodo, quindi il loro lavoro si è intrecciato durante gli scavi.

Thompson stava scoprendo antichi insediamenti intorno al fiume, che hanno prodotto decine di migliaia di monumenti in pietra che hanno aiutato lei ei suoi colleghi a datare gli habitat circa 92.000 anni fa.

Molti degli strumenti trovati in loco sono stati utilizzati per la caccia e il taglio della carne animale.

Combinando le loro scoperte separate, Ivory e Thompson hanno concluso che i residenti intorno al lago dovrebbero indossare abiti e che le foreste stanno bruciando per fare spazio a più case.

Ma il team ha avanzato un’altra ipotesi sull’aumento del carbone, inclusi incendi incontrollabili nella zona o persone che bruciano legna da ardere per cucinare o per scaldarsi.

Thompson ha detto che non è chiaro il motivo per cui le persone bruciano i paesaggi.

È possibile che stessero sperimentando ustioni controllate per produrre habitat a mosaico favorevoli alla caccia e alla raccolta, un comportamento documentato tra i cacciatori.

READ  Le accuse sono cadute contro Buffalo, New York, mentre gli agenti sono visti in una videocassetta che spingeva a terra un anziano attivista

Ha spiegato che potrebbe essere che i loro fuochi siano fuori controllo o che ci siano molte persone che bruciano carburante nel loro ambiente fornendo calore, cucina o socializzazione.

“In un modo o nell’altro, è causato dall’attività umana”, ha detto. Mostra che le prime persone, per un lungo periodo di tempo, controllavano il loro ambiente piuttosto che controllarlo. Hanno cambiato interi paesaggi e, nel bene e nel male, il rapporto con i nostri ambienti continua ancora oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *