Gli atleti nati all’estero sono buoni per migliorare la competitività

Gli atleti nati all’estero sono buoni per migliorare la competitività

Illustrazione: Hang Dachuan / Global Times

Il World Baseball Classic (WBC) culminerà mercoledì mattina con gli Stati Uniti che affronteranno il Giappone.

Il successo dei vicini cinesi dell’Asia orientale è in contrasto con la squadra cinese in questo sport, che ha subito quattro sconfitte consecutive nella fase a gironi. Ma ciò che ha sorpreso di più i fan cinesi è stato che quattro atleti nati all’estero stavano gareggiando per la Cina – il giocatore americano Ray Chang, il lanciatore Alan Carter, il lanciatore sudcoreano Jo Kwon e l’outfielder giapponese Yosuke Masago – tutti di origine cinese.

Mentre sono la squadra n. 4 in Asia, la Cina, che è classificata n. 30 nel mondo, ha un enorme divario tra loro e le squadre Giappone, Taipei cinese e Corea del Sud, che sono classificate tra le prime quattro squadre al mondo insieme al numero 3 al mondo. Noi.

In molti altri sport, se la squadra nazionale cinese include molti atleti non di lingua cinese, è probabile che la squadra debba essere sottoposta a scrutinio, come è avvenuto per la squadra nazionale di calcio quando includeva una manciata di atleti nati in Brasile.

Ma sembra che in uno sport in cui la nazionale cinese non ha ancora visto grandi successi internazionali, l’inclusione di giocatori stranieri sia un po’ più apprezzata.

La progressione del baseball nella Cina continentale è stata guidata principalmente dai Giochi Olimpici dopo i Giochi Olimpici del 2008 a Pechino. Ma poiché non è stato uno sport agonistico alle Olimpiadi del 2012 e del 2016 e non lo sarà più nel 2024, non ha ricevuto gli stessi finanziamenti di cui hanno goduto altri sport.

READ  Alex Wurz si è preparato per un altro incidente di Lewis Hamilton/Max Verstappen

A differenza di molti altri sport in cui entrare a far parte della squadra nazionale richiede di cambiare la propria nazionalità o diventare un residente permanente, nel baseball i partecipanti hanno la possibilità di giocare per il loro paese ancestrale, rendendo i quattro atleti stranieri sopra menzionati idonei a rappresentare la Cina nel WBC.

Sebbene questi quattro atleti non siano tra i migliori atleti di baseball del mondo, la loro presenza nel WBC ha potenziato le prestazioni della squadra, i cui membri cresciuti in casa non hanno avuto internazionali per tre anni a causa della pandemia.

Altrove, il pattinatore di velocità di short track Lin Xiaojun, precedentemente noto come Lim Heu-jun, ha portato la squadra cinese di short track a una medaglia d’oro nella staffetta mista maschile di 5000 metri e una medaglia d’argento nella staffetta mista di 2000 metri.

Lo short tracker sudcoreano, che in precedenza era considerato un ragazzo simbolo della Corea del Sud, dove ha portato a casa un oro olimpico e una medaglia di bronzo alle Olimpiadi invernali del 2018, ha cambiato nazionalità dopo essere stato impossibilitato a continuare la sua carriera in Corea del Sud a causa al capovolgimento dell’ora. accuse di molestie sessuali.

L’attività sui social media di Lin gli è valsa molti elogi con alcuni media locali che lo definiscono uno degli atleti più popolari in Cina. Merita i riflettori perché la sua prestazione è ancora di prim’ordine.

Lin non è l’unico pattinatore di short track a cambiare nazionalità per rappresentare la Cina.

Il duo ungherese Liu Shaolin e Liu Shawang, membri della squadra ungherese che ha vinto l’oro nella staffetta dei 5000 metri alle Olimpiadi del 2018 e nella staffetta mista dei 2000 metri alle Olimpiadi del 2022, sono diventati cittadini cinesi.

READ  La carriera di Jorginho nell'Arsenal è nell'aria poiché ha "offerto un ricongiungimento" con Maurizio Sarri

Cambiare nazionalità per le competizioni non è una novità nello sport. Nel calcio, anche i vincitori della Coppa del Mondo hanno squadre che includono giocatori naturalizzati, come l’argentino Mauro Camoranesi, che ha giocato per la nazionale italiana vincitrice nel 2006.

Recentemente, l’Italia ha naturalizzato un altro giocatore argentino, Matteo Retigi – che non parla italiano – nel tentativo di far rivivere la gloria dell’Italia dopo aver perso due Mondiali di fila.

Con la Cina che sta diventando una potenza sportiva sia per gli sport estivi che per quelli invernali, più atleti dall’estero guarderanno al paese.

È possibile che le future squadre cinesi includano altri giocatori nati fuori dalla Cina, ma la loro presenza migliorerà sicuramente la qualità dello sport cinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *