Gli antibiotici hanno un effetto prolungato sul microbioma intestinale

Gli antibiotici hanno un effetto prolungato sul microbioma intestinale

Credito immagine: Cottonbro Studios, Pexels

Metagenomica Stabile Degli effetti dell’azitromicina e dell’amoxicillina sul microbioma intestinale, ha rilevato un cambiamento sostenuto nelle comunità microbiche e un aumento dei presunti geni di resistenza e suggerisce un effetto indiretto sul microbioma dei coinquilini non trattati.

“Il fatto che alcuni dei batteri più abbondanti nell’intestino siano stati colpiti in risposta a questi antibiotici indica che gli effetti di questi antibiotici sulla salute del microbioma intestinale possono essere significativi e duraturi”, ha osservato l’autrice principale dello studio Jessica Chopyk, MD, Dipartimento di Patologia. Università della California San Diego, San Diego, CA e colleghi.

Gli investigatori hanno reclutato 56 partecipanti, composti da 24 coppie di coinquilini e 8 membri di famiglie diverse e separate. I partecipanti hanno ricevuto amoxicillina, azitromicina o un placebo (vitamina C) una volta al giorno per 3 o 7 giorni. I campioni fecali sono stati raccolti nei giorni 0, 3, 7, 8 e 6 mesi e sono stati sequenziati 282 campioni.

I generi batterici più abbondanti sono stati inclusi in tutti i partecipanti GermiE BifidobatterioE galassiaE EubatterioE PrevotellaE feciE Plutia. I partecipanti trattati con azitromicina hanno mostrato quantità significativamente ridotte di bifidobatteri rispetto a quelli che ricevono placbo; Questi erano significativamente più bassi al settimo giorno e alla settimana otto rispetto a quelli che assumevano amoxicillina. Coloro che hanno ricevuto amoxicillina hanno mostrato abbondanze relative significativamente più elevate rispetto a coloro che hanno ricevuto amoxicillina Germi 3 giorni dopo il trattamento rispetto ai controlli non domiciliari.

Un potenziale effetto di ricaduta è stato osservato nei coinquilini non trattati di coloro che ricevevano azitromicina per 3 o 7 giorni, in quanto mostravano anche abbondanze relative statisticamente significativamente inferiori rispetto a Bifidobatterio nella settimana 8.

READ  Il telescopio James Webb osserva la più antica “galassia morta” che smise di formare stelle 13 miliardi di anni fa: uno studio

A causa del legame stabile Bifidobatterio In una popolazione con una salute intestinale migliorata, hanno suggerito Chopik e colleghi, questi risultati potrebbero avere importanti implicazioni per la salute dell’intestino non solo per l’individuo che riceve un trattamento antibiotico.

I ricercatori hanno valutato la presenza di geni che sono stati associati alla resistenza agli antibiotici (a più di 81 classi di farmaci) in campioni prelevati prima, durante e dopo l’esposizione ad amoxicillina o azitromicina, e hanno identificato aumenti medi del 2% o più in un intervallo di antibiotici geni di resistenza.

Coloro che hanno ricevuto azitromicina hanno mostrato un’abbondanza significativamente maggiore di geni associati alla resistenza a macrolide, lincosamide e streptrogeno rispetto ai controlli non domiciliari ai giorni 7, alla settimana 8 e al mese 6. glicopeptidi alla settimana 8 e nei geni resistenti ai peptidi al giorno 7 e mese 6. Non ci sono stati effetti “estesi” sulla quantità di presunti geni di resistenza agli antibiotici, né nei controlli domestici né in quelli non domestici.

Gli autori hanno anche valutato il cambiamento nella composizione della comunità fagica in risposta all’esposizione agli antibiotici e non hanno riportato una correlazione significativa tra l’abbondanza delle tre principali famiglie di Caudovirales e la durata dell’uso di antibiotici.

Sebbene sospettassero che la trasmissione dei litofagi dal partecipante trattato potesse essere un meccanismo per l’apparente “estensione” per ridurre bifidobatteri Nel coinquilino, questo non è stato supportato dall’analisi del virus. Hanno offerto una spiegazione alternativa che da allora è solo rumore nel sistema bifidobatteri L’abbondanza relativa era bassa.

Chopik e colleghi riconoscono che “sebbene molto sia stato rivelato nel tempo sugli effetti degli antibiotici comuni sul microbioma intestinale, rimane una lacuna di conoscenza sui potenziali cambiamenti a medio termine che possono essere osservati negli individui che assumono lo stesso antibiotico”.

READ  Il riscaldamento globale sta rallentando in un nuovo studio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *