George Floyd: Il capo della polizia di Minneapolis dovrebbe testimoniare all’inizio della seconda settimana del processo di Derek Chauvin

Con questa fondazione stabilita, l’accusa dovrebbe ora concentrarsi sullo stabilire che le azioni di Chauvin in quel giorno dovrebbero essere considerate omicidio e omicidio colposo.

Ciò richiederà un’analisi di esperti medici che spiegheranno la causa della morte di Floyd e la testimonianza di esperti di polizia che diranno che Chauvin ha usato una forza eccessiva e non necessaria.

L’avvocato difensore Eric Nelson ha detto in tribunale che Aradondo e il comandante Katie Blackwell avrebbero dovuto testimoniare lunedì. Nelle dichiarazioni di apertura della scorsa settimana, il procuratore generale Jerry Blackwell ha detto che si aspettava anche la testimonianza del medico legale della contea di Hennepin e di un certo numero di patologi forensi.

Alcuni degli usi di questa analisi del potere sono già entrati nella sperimentazione. Giovedi, Il supervisore diretto di Chauvin ha detto che ha usato la forza Dovrebbe finire prima.

“Quando il signor Floyd non ha più offerto alcuna resistenza agli ufficiali, avrebbero potuto porre fine alla loro moderazione”, il sergente. Ha detto David Blogger. “Sarebbe ragionevole mettere un ginocchio sul collo di qualcuno in modo che non resista più, ma dovrebbe finire quando smette di combattere”.

E venerdì, il dipartimento di polizia di Minneapolis Un investigatore anziano ha testimoniato degli omicidi Inginocchiarsi sul collo di Floyd dopo che le sue mani erano state legate era “assolutamente inutile”, dicendo “se il tuo ginocchio è sul collo di qualcuno, potrebbe ucciderlo”.

Chauvin, 45 anni, si è dichiarato non colpevole di omicidio di secondo grado, omicidio di terzo grado e omicidio colposo di terzo grado.

L’avvocato difensore Eric Nelson ha sostenuto che Floyd è morto per overdose di droga e altri problemi di salute preesistenti, e che le azioni di Chauvin rientravano nell’addestramento della polizia. Nelson non indica se Chauvin testimonierà in sua difesa.

READ  500 auto hanno preso fuoco dopo che un'autocisterna di carburante è esplosa al confine tra Afghanistan e Iran

La testimonianza è iniziata lunedì al processo e dovrebbe durare circa un mese.

Sentimenti di colpa e orrore nella prima settimana del processo

Dolore, shock e rimpianto sono esplosi da un’aula di tribunale di Minneapolis la scorsa settimana, quando una serie di spettatori e primi soccorritori hanno parlato di guardare gli ultimi respiri di Floyd.

Nelle dichiarazioni di apertura, la giuria ha sentito per la prima volta che Chauvin si era effettivamente inginocchiato su Floyd 9 minuti 29 secondi Non sono gli otto minuti e 46 secondi che sono diventati il ​​simbolo e il grido di battaglia di un movimento di protesta globale contro la brutalità della polizia.

Blackwell ha detto che Chauvin si è inginocchiato per 4 minuti e 45 secondi mentre Floyd ha gridato aiuto, 53 secondi mentre vacillava per le convulsioni e 3 minuti e 51 secondi perché Floyd non rispondeva. Ha lasciato il collo di Floyd solo quando il medico gli ha fatto segno di scendere.

Una settimana di testimonianze convincenti e potenzialmente devastanti nel processo per omicidio di Derek Chauvin

Sul palco, gli astanti che hanno assistito all’incidente hanno descritto sentimenti di orrore e senso di colpa. L’adolescente che ha catturato il video dei passanti è noto per averla vista perdere il sonno durante la notte, chiedendosi cosa avrebbe potuto fare di diverso.

“Ci sono state notti in cui sono rimasta scusandomi con George Floyd per non aver fatto di più, non aver interagito fisicamente e non avergli salvato la vita”, ha detto Darnella Frazier, riferendosi a Chauvin.

Fraser stava camminando con una bambina di 9 anni al negozio Cup Foods al momento del suo arresto.

“Ero triste e un po ‘pazza”, ha testimoniato la ragazza. “Perché sembrava che smettesse di respirare, ed era come se gli facesse male.”

READ  Il 1 ° gennaio, l'Unione africana accetta di avviare gli scambi nell'ambito dell'Area di libero scambio continentale africana

Un vigile del fuoco fuori servizio che è venuto sulla scena ha detto che ha cercato di aiutare, ma gli ufficiali l’hanno rifiutata.

“Ho cercato di pensare in silenzio, ho cercato di essere assertivo, ho promesso ed ero disperato”, ha detto Genevieve Hansen. “Avevo un disperato bisogno di aiuto.”

Ha ripetuto Christopher Martin, un cassiere di 19 anni che sospettava che Floyd gli avesse consegnato una banconota falsa da $ 20 prima di chiamare la polizia, facendo eco ai rimpianti di altri testimoni.

“Se non avessi accettato il conto, sarebbe stato evitato”, ha detto.

Ray Sanchez e Omar Jimenez della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *