Elezioni americane, Trump chiede un nuovo conteggio in Georgia

Straniero

Elezioni americane, Trump chiede un nuovo conteggio in Georgia

La campagna del Presidente degli Stati Uniti ha chiesto un nuovo conteggio del voto in Georgia, Donald TrumpDopo la prima votazione il riconteggio ha confermato la vittoria del democratico Joe Biden, che ha autorizzato il primo conteggio dei voti. Secondo il primo riconteggio, condotto dopo il precedente appello della campagna Trump, il candidato democratico ha ottenuto il vantaggio di circa 5 milioni di voti validi, il vantaggio di 12.284 voti, contro i quasi 14.000 voti a lui attribuiti dal primo conteggio. Il secondo possibile riconteggio non sarà manuale ma verrà effettuato tramite scansione delle tessere. Negli ultimi 28 anni, la Georgia è sempre stata un repubblicano di riferimento, ed è stata l’ultima candidata democratica prima di Biden a vincere Bill Clinton nel 1992.

Nel frattempo, un giudice federale, a causa della mancanza di prove, ha respinto l’ultima causa della campagna elettorale di Trump in Pennsylvania, rendendo possibile la certificazione dei risultati delle elezioni in quello stato. A causa del peso elevato dato che la Pennsylvania è lo stato con il maggior numero di elettori, il team di Trump ha chiesto che quasi sette milioni di schede elettorali inviate a lui nelle principali città dello stato fossero invalidate.


In una dichiarazione firmata dal capo consulente legale del presidente degli Stati Uniti, Rudy Giuliani, la campagna di Trump ha annunciato che si sarebbe appellato contro questa sentenza, fino alla Corte Suprema, dove i giudici conservatori godono di una netta maggioranza grazie alle nomine fatte da Trump durante la sentenza. Il suo stato.

READ  La zona rossa in Campania, a Napoli si affolla al centro e al Vomero per l'ultimo caffè insieme

Riproduzione riservata © Copyright Adnkronos.

More from Ernesto Pirozzi

Maradona muore, centinaia all’impresa di pompe funebri di Casa Rosada | notizia

Dopo lo shock e il dolore, tutto ciò che resta ora è...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *