È morto Andrea Francetti, il principale produttore italiano

Il mondo del vino italiano sta piangendo la morte di Andrea Francetti, fondatore e proprietario di due delle più belle tenute italiane, Tenuta di Trineuro in Val d’Orcia in Toscana e Pasubiciaro sulle pendici settentrionali dell’Etna.

Franchetti è stato un visionario che ha ispirato molti viticoltori.

Prima di diventare un enologo, Franchetti possedeva un ristorante a Roma, dove è cresciuto. Figlio di madre americana e padre italiano, si trasferisce negli Stati Uniti all’inizio degli anni ’80 e distribuisce ottimi vini italiani a New York.

L’incursione di Franchetti nella produzione di vino è iniziata nei primi anni ’90, quando ha piantato viti su una proprietà nel sud-est della Toscana che aveva acquisito il decennio precedente. Situata vicino ai confini dell’Umbria e del Lazio, la regione non aveva una tradizione di vinificazione di alta qualità. Franchetti ha cambiato tutto nel 1991, quando ha iniziato a coltivare diversi tipi di Bordeaux da piantine che aveva acquistato da alcune delle migliori tenute della regione francese. Il rosso intenso risultante è stato un successo da un giorno all’altro di critici e amanti del vino.

Andrea Francetti in Sicilia maggio 2021 / Photo by Giuseppe Gerbasi / Contrasto / Re

Nel 2000 Franchetti inizia una nuova avventura. Giunto alle pendici settentrionali dell’Etna, trovò vigneti e rovine deserte. Vide anche ciò che altri non avevano: potenzialità inespresse grazie all’alta quota, alla luce solare intensa, alle forti differenze di temperatura diurne e notturne e alle antichissime viti ad alberello chiamate piantine. Molte piante sono sopravvissute ai batteri della pianta e non sono state innestate sulle radici dei rizomi americani.

Franchetti, uno dei primi pionieri moderni sull’Etna, ha dovuto cambiare radicalmente il suo approccio alla vinificazione sul vulcano. come ha detto Amanti del vino In una recente intervista per un articolo sulle Stelle del Nord dell’Etna, “A differenza del vino che faccio in Toscana con Cabernet Franc e piccole quantità di Merlot e Cabernet Sauvignon, il Nerello Mascalese non richiede un contatto prolungato con le bucce durante il processo di vinificazione. All’Etna, Produco vino principalmente da succosi. Invece di invecchiare alla rinfusa, invecchiamo in botti grandi e neutre”.

READ  Il titolo di "Gran Premio Made in Italy ed Emilia-Romagna" scelto per gli appassionati di F1 di Imola

I risultati sono un vino sbalorditivo, concentrato e basato sulla terra, tutto incentrato sulla profondità, l’eleganza intensa e la vivacità.

Franchetti è stato anche determinante nel promuovere le diverse sub-regioni dell’Etna, o province. Franchetti non ha solo creato cinque vini contrastanti, ma ha anche fondato il più importante appuntamento annuale del vino sul vulcano, Le Contrade dell’Etna, dove i giornalisti scendono sul vulcano per provare le ultime uscite.

Andrea Franchetti
L’autore e Francetti ad un evento / Fotografia di Assaggio Nordovest

Franchetti ha ispirato produttori in tutta Italia.

“Andrea era davvero un uomo straordinario, e il suo talento e la sua visione erano intransigenti”, afferma Alberto Tasca, CEO di Tasca d’Almerita in Sicilia. “Elegante ma non formale, duro ma anche inclusivo. Il vino dell’Etna mi ha trasmesso molte conoscenze sui tannini e sulla maturazione del Nerello Mascalis.”

Daniel Dinoya, proprietario di Villa Gilba a Lisona, ricorda di aver incontrato Franchitti nel 2017. “Andrea è venuto in Alto Piemonte per un evento e una degustazione di vini”, racconta. “Mi ha detto che era affascinato dall’eleganza, dalla profondità e dalla precisione delle migliori proposte della regione. Ha detto che gli ricordavano il vino dell’Etna”.

Dinoya invitò Francetti a visitare la sua vigna a Motalciata, che stava ripiantando con Nebiolo.

“Suggerisco di aumentare la densità di impianto perché la grande luce e luminosità dell’area con maggiore densità di impianto si tradurrà in più uva e un vino più equilibrato – ricorda Andrea – Avevo solo una sezione rimasta da piantare e ho seguito le sue istruzioni, e sono contento di averlo fatto.”

“Andrea era davvero un uomo straordinario, e il suo talento e la sua visione erano intransigenti”. – Alberto Taska

Una volta ho avuto il piacere di organizzare un evento a Biella insieme ad Andrea Francetti in mostra i vini dell’Alto Piemonte e dell’Etna. Quando gli ho chiesto di confrontare le due regioni, tutti si aspettavano che parlasse del suolo, del clima locale o delle somiglianze tra Nebbiolo e Nerello Mascalese. Andrea invece ci ha colpito con un discorso approfondito e appassionato sull’importanza della luce e del lustro nei vigneti, di come questo influisse sull’uva e sul vino, e di come la luce fosse simile nell’Alto Piemonte e alle pendici dell’Etna.

READ  Tempismo sbagliato?: la visita di Rahul in Italia fa alzare le sopracciglia mentre i partiti si preparano alle elezioni

Andrea Franchetti faceva e diceva sempre l’imprevisto, seguendo il suo istinto piuttosto che seguire la strada sicura e degna di fiducia. Ci mancherà molto, anche se la sua influenza sui vini italiani continuerà senza dubbio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *