Dopo la decisione sull’azione affermativa, gli attivisti fanno causa ad Harvard per l’eredità delle ammissioni – Nazionale

Dopo la decisione sull’azione affermativa, gli attivisti fanno causa ad Harvard per l’eredità delle ammissioni – Nazionale

Il gruppo per i diritti civili sta sfidando i processi di ammissione obsoleti di Harvard, affermando che la pratica discrimina gli studenti di colore dando un pagamento ingiusto ai figli di laureati per lo più bianchi.

È l’ultimo sforzo di una crescente spinta contro le ammissioni legacy, la pratica di dare la priorità alle ammissioni ai figli dei laureati. Il contraccolpo contro la pratica è aumentato sulla scia della decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti la scorsa settimana di porre fine all’azione affermativa nelle ammissioni al college.

Avvocati per i diritti civili, un’organizzazione no profit con sede a Boston, ha intentato la causa lunedì per conto di gruppi di comunità nere e latine nel New England, sostenendo che il sistema di ammissione di Harvard viola il Civil Rights Act.

“Perché ricompensiamo i bambini per i privilegi e i vantaggi acquisiti dalle generazioni precedenti?” ha affermato Ivan Espinosa Madrigal, CEO del gruppo. “Il cognome della tua famiglia e la dimensione del tuo conto in banca non sono una misura di merito e non dovrebbero avere alcuna influenza sul processo di ammissione al college.”

La storia continua sotto l’annuncio

Gli oppositori affermano che la pratica non è più sostenibile senza un’azione affermativa che fornisca un contrappeso. La sentenza del tribunale afferma che i college dovrebbero ignorare l’etnia dei candidati, sottolineano gli attivisti, ma le scuole possono ancora dare una spinta ai figli di alunni e donatori.

Una campagna separata sta esortando gli ex studenti di 30 prestigiosi college a sospendere le donazioni fino a quando le loro scuole non avranno terminato i loro obsoleti processi di ammissione. Questa iniziativa, guidata da Ed Mobilizer, si rivolge anche ad Harvard e ad altre scuole della Ivy League.

READ  L'ex diplomatico americano che faceva la spia per Cuba è stato condannato a 15 anni di prigione Notizie spia

Il presidente Joe Biden ha suggerito la scorsa settimana che le università dovrebbero ripensare la pratica, affermando che le vecchie ammissioni “espandono i privilegi piuttosto che le opportunità”.

Diversi democratici al Congresso hanno chiesto la fine della politica alla luce della decisione della corte, insieme ai repubblicani tra cui il senatore Tim Scott della Carolina del Sud, che è in lizza per la nomina presidenziale repubblicana.


Clicca per riprodurre il video:

La Corte Suprema degli Stati Uniti emette due importanti sentenze mentre il funzionario di Biden intende rispondere


La nuova causa si basa sui dati di Harvard che sono venuti alla luce durante un caso di azione affermativa portato alla Corte Suprema. I registri hanno rivelato che il 70 percento dei candidati legati ai donatori di Harvard sono bianchi e che essere uno studente di lunga data rende un candidato quasi sei volte più probabile che venga accettato.

La storia continua sotto l’annuncio

Attira l’attenzione su altri college che hanno abbandonato la pratica tra domande sulla sua equità, tra cui l’Amherst College e la Johns Hopkins University.

La causa afferma che la preferenza ereditaria di Harvard non è correlata al merito e prende slot da studenti qualificati di colore. Chiede al Dipartimento dell’Istruzione degli Stati Uniti di dichiarare illegale la pratica e costringere Harvard ad abbandonarla fintanto che l’università riceve finanziamenti federali. Harvard non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento sulla causa.

READ  Nazioni Unite: arrestata eminente attivista per l'educazione delle ragazze afghane | Notizie sull'istruzione

Secondo la denuncia, “un posto assegnato a un richiedente che è legato o legato a un donatore è un posto che diventa indisponibile per un richiedente che soddisfa i criteri di ammissione basati esclusivamente sul suo diritto”. Se le vecchie preferenze e le preferenze dei donatori venissero rimosse, aggiunge, “più studenti di colore sarebbero accettati ad Harvard”.

La causa è stata intentata per conto del Chica Project, dell’African Community Economic Development of New England e della Greater Boston Latino Network.

Non è chiaro esattamente quali scuole forniscano supporto legacy e quanto aiutino. In California, dove la legge statale richiede alle scuole di divulgare la pratica, l’USC ha riferito che il 14% degli studenti ammessi l’anno scorso aveva legami familiari con alunni o donatori. Stanford ha riportato un tasso simile.

Un sondaggio dell’Associated Press sui college più selettivi della nazione lo scorso anno ha rilevato che gli studenti di lunga data nella classe delle matricole variavano dal 4% al 23%. In quattro scuole – Notre Dame, USC, Cornell e Dartmouth – i vecchi studenti erano più numerosi degli studenti neri.

La storia continua sotto l’annuncio

I sostenitori della politica affermano che costruisce la comunità degli ex studenti e incoraggia le donazioni. Uno studio del 2022 su un college segreto nel nord-est ha rilevato che gli studenti legacy avevano maggiori probabilità di essere donatori, ma a scapito della diversità: la stragrande maggioranza era bianca.

e copia 2023 The Canadian Press

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *