Dai la colpa ai concerti di Beyoncé per l’inflazione svedese | Notizie commerciali ed economiche

Dai la colpa ai concerti di Beyoncé per l’inflazione svedese |  Notizie commerciali ed economiche

Gli analisti affermano che la visita di Beyoncé a Stoccolma potrebbe spiegare l’inaspettato aumento dei prezzi di alcuni beni e servizi a maggio.

Le statistiche ufficiali hanno mostrato mercoledì che l’inflazione svedese è scesa a meno del 10% a maggio, ma i costi di alcuni beni e servizi sono aumentati inaspettatamente, poiché alcuni analisti hanno indicato che la famosa star Beyoncé aveva fatto pendere la bilancia.

I prezzi al consumo sono aumentati del 9,7% a maggio su base annua, in calo rispetto al 10,5% di aprile, la prima volta che l’inflazione è scesa sotto il 10% in più di sei mesi.

“Il continuo calo dei prezzi dell’elettricità e dei generi alimentari ha contribuito al calo del tasso di inflazione a maggio”, ha affermato in una nota Mikael Nordan, uno statistico di Statistics Sweden.

Allo stesso tempo, sono aumentati i costi di alcuni beni e servizi, “ad esempio visite ad hotel e ristoranti, servizi di intrattenimento e abbigliamento”, ha affermato l’agenzia.

Beyoncé riceve il premio per il miglior album dance/elettronico per Renaissance durante il 65° Grammy Awards [File: Emma McIntyre/Getty Images for The Recording Academy/AFP]

Secondo Michael Grahn, capo economista per la Svezia presso Danske Bank, “l’inizio del tour mondiale di Beyoncé in Svezia sembra aver gonfiato maggio, che incertezza”.

Grahn ha affermato in un post sui social media che i suoi concerti che hanno attirato l’attenzione a maggio “probabilmente” hanno rappresentato 0,2 punti percentuali dallo 0,3 punti percentuali aggiunti all’inflazione dai prezzi di hotel e ristoranti.

Decine di migliaia di fan sono accorsi a Stoccolma a metà maggio per i due concerti che hanno dato il via al suo primo tour da solista in sette anni.

tassi di interesse

L’inflazione ha raggiunto il picco a dicembre al 12,3%, il livello più alto in oltre 30 anni, poi è rallentata leggermente a gennaio all’11,7%, ma è salita inaspettatamente al 12% a febbraio.

READ  Lil Nas X parla del malfunzionamento del guardaroba SNL, il che dimostra che non era previsto

Come le sue controparti negli Stati Uniti e in Europa, la Riksbank ha ripetutamente alzato la sua linea guida sui tassi nel tentativo di frenare l’inflazione.

La banca centrale ha alzato il tasso di interesse al 3,5% alla fine di aprile e ha detto che era “probabile” aumentarlo di un altro quarto di punto a giugno o settembre.

Il tasso di inflazione aggiustato per i tassi di interesse fissi (CPIF) – la cifra utilizzata dalla Riksbank per guidare la politica monetaria – è stato del 6,7% a maggio, rispetto al 7,6% di aprile.

Per il 2023 nel suo complesso, la banca centrale prevede una contrazione dell’economia svedese dello 0,7% e prevede un’inflazione non corretta dell’8,9% e un aumento del tasso di disoccupazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *