Dai campi in legno all’asfalto, Annika Zane oro alla Para Cycle Race di Tokyo 2020

Quando Annika Zeyen ha vinto la sua prima medaglia d’oro ai Mondiali di paraciclismo due anni fa, il suo fidanzato ha corso fino al traguardo per festeggiare con lei.

Questa volta, per il suo primo oro alle Paralimpiadi di martedì (31 agosto), era in videochiamata. L’audio e l’illuminazione del telefono erano scadenti. Nonostante le difficoltà tecniche, questo senso di gioia era ancora presente.

“Ti amo anch’io”, ha detto Zayn prima di riagganciare.

La 36enne tedesca si è sorpresa quando ha vinto la cronometro H1-3 femminile il settimo giorno dei Giochi Paralimpici di Tokyo 2020. Due volte campione del mondo nelle corse su strada, Zeyen non ha conquistato il podio nelle prove a cronometro in un campionato importante, fino a martedì mattina al Fuji International Speedway.

“È una sensazione così bella, ora ci sono parole per descriverla”, ha detto Zane. “Finora ho vinto una medaglia d’oro alle Paralimpiadi con la squadra di basket in carrozzina. Quindi vincere la medaglia d’oro in uno sport individuale è incredibile ora. Non posso crederci”.

L’italiana Francesca Porcellato e la polacca Renata Kalusa-Getty Images hanno seguito sul podio Annika Zane.

Questa è la sua seconda medaglia d’oro paralimpica (4a assoluta), e la sua prima arrivata da Londra 2012 come parte della squadra tedesca di basket in carrozzina. È tornata alle Paralimpiadi nel 2016, vincendo due titoli consecutivi di basket in carrozzina, ma ha avuto il cuore spezzato nella finale contro gli Stati Uniti.

Anche se ha deciso di appendere la maglietta al chiodo, non ha smesso di essere un’atleta d’élite, e quello che sembrava un giro in bicicletta casuale nei fine settimana si è trasformato in una guida competitiva.

READ  Chronomaster Sport di Zenith bilancia lo stile con il materiale El Primero

L’idea di andare alla quinta Paralimpiadi, in un nuovo sport, era fattibile.

“Ero un atleta prima”, ha detto. “So cosa significa essere un atleta eccezionale per molti anni. Quindi so cosa serve per allenare diverse sessioni e due sessioni al giorno, tutti i giorni, e sono una persona molto ambiziosa. Mi sono allenato molto. Sono anche molto grato alla fantastica squadra che mi porto dietro perché anche se è uno sport individuale “Hai ancora bisogno di una buona squadra intorno a te. Hai bisogno di buoni fisici, buoni tecnici e un buon allenatore, quindi sono così grato Ho tutto questo”.

Nel periodo di prova, i ciclisti devono pedalare il più velocemente possibile in tre giri, per un totale di 24 km. Zain ha completato il percorso in 32:46.97, facendo la sua più grande spinta all’ultimo giro, battendo l’italiana Francesca Porcellato (33:30.52) e la polacca Renata Kalusa (33:50.32).

La descrizione di Zane: “Si va su e giù, e quando si scendono le piste ci sono delle parti che sono molto difficili”. “Sapevo che dopo il primo giro ero proprio dietro all’americana, ero dietro all’italiana ed era incredibile che al secondo giro avessi così tanto tempo, quindi è incredibile.

“Sapevo che dovevo fare tutto e non mi aspettavo di prendermi il tempo”, ha continuato. “Ma ho comunque dato il massimo e alla fine è bastato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *