Costruire un satellite in legno? Usa la magnolia

Costruire un satellite in legno?  Usa la magnolia

Normalmente quando si pensa a un satellite, si pensa a una scatola di metallo con all’interno dei componenti elettronici. Ma è semplicemente perché la maggior parte dei satelliti nel corso della storia sono stati costruiti in questo modo. Non ci sono obiezioni all’utilizzo di altri materiali per costruire satelliti. Ora, un team di ricercatori giapponesi ha completato i test su un altro tipo di materiale che potrebbe eventualmente essere utilizzato su un vero satellite: il legno di magnolia.

Il progetto, noto come LignoSat, si basa sulla semplice idea che il legno possa essere utilizzato come materiale per l’edilizia abitativa. Per certi aspetti, è superiore al metallo per applicazioni aerospaziali grazie alla sua flessibilità, resistenza e peso relativamente leggero.

Un altro problema che stanno cercando di mitigare è quello degli involucri metallici dei satelliti. Quando un tipico satellite rientra nell’atmosfera e inizia a bruciare, parti del suo guscio, solitamente alluminio, possono staccarsi dal suo corpo principale e rimanere intrappolate nella sua orbita senza bruciare completamente nell’atmosfera. Questo pacciame orbitale potrebbe contribuire al crescente problema dei detriti spaziali e potrebbe essere eliminato utilizzando un diverso tipo di materiale per ospitare il satellite, come il legno.

Rappresentazione grafica di un satellite dimostrativo LignoSat.
Rappresentazione grafica di un satellite dimostrativo LignoSat.
Credito – Sumitomo Foreste

Tuttavia, nessuno aveva sperimentato come avrebbe funzionato il legno in un ambiente spietato come il vuoto dello spazio. Poiché una volta faceva parte di un organismo vivente, ci sono buone probabilità che si siano verificati alcuni effetti negativi.

Quindi i ricercatori di LignoSat hanno fatto quello che fanno i bravi ricercatori: hanno lanciato un esperimento sulla Stazione Spaziale Internazionale. Per 290 giorni l’anno scorso, molti registri sono rimasti fuori dal modulo sperimentale Kibo sulla Stazione Spaziale Internazionale. È tornato sulla Terra durante la missione di rifornimento CRS-26 a gennaio.

READ  Gli eventi planetari più importanti da guardare a maggio

Dopo che i campioni sono stati riportati sulla Terra, i ricercatori LignoSat dell’Università di Kyoto e della Sumitomo Forestry Corporation, parte di un grande conglomerato giapponese, li hanno sottoposti a una raffica di test sui materiali. Nonostante l’esposizione continua alle radiazioni per più di sei mesi, non sembra esserci alcuna deformazione significativa, desquamazione o danno superficiale su nessuno dei campioni. Inoltre, non vi è stato alcun cambiamento significativo nella massa dei campioni, il che indica che possono fornire protezione a lungo termine per qualsiasi interno di satellite ospitato.

Video che parla del concetto LignoSat.
Credito – Canale YouTube di Space Mog

Un particolare esemplare di legno si è distinto, ma ciò era dovuto alle sue proprietà intrinseche piuttosto che a prestazioni superiori nei test nello spazio. Il legno scelto dal team è stato il magnolia, che è relativamente flessibile ma fornisce una forza di supporto sufficiente. Conosciuto anche come Hoonoki in giapponese, questo è il tipo di legno che costituirà l’involucro del LignoSat quando verrà lanciato in una missione congiunta NASA/JAXA nel 2024.

Nel frattempo, i ricercatori continueranno a studiare i campioni restituiti dalla Stazione Spaziale Internazionale, anche esaminando con strumenti più potenti qualsiasi degrado che potrebbe verificarsi su scala nanometrica. Questo potrebbe essere particolarmente interessante dato il suo impatto sulla scelta del legno giusto per applicazioni specifiche qui sulla Terra. Ad ogni modo, questo è solo il primo passo in quello che potrebbe essere un viaggio materiale rivoluzionario per il futuro dei piccoli satelliti.

Saperne di più:
Università di Kyoto – I test spaziali mostrano che Magnolia potrebbe essere la soluzione migliore per il satellite legnoso di LignoSat
Dozzina – L’Università di Kyoto sta sviluppando il primo satellite in legno al mondo nel tentativo di ridurre lo spreco di spazio
UT – Il Giappone lancerà il “satellite di legno” nel 2023
Utah – Una soluzione alla spazzatura spaziale: satelliti fatti di funghi?

immagine principale:
Disegno di un satellite su un albero.
Credito – Comunicazioni globali dell’Università di Kyoto/Jake Tobyama

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *