Cosa abbiamo imparato dalla prima partita di Premier League di Antonio Conte al Tottenham

Everton 0 Tottenham 0

Goodison Park – Uno dei tanti miti sulle capacità manageriali di Antonio Conte è che sia un secondo ritorno infuocato per Jose Mourinho, in quanto il suo calcio è poco attraente e scoraggiante, piuttosto che piacevole alla vista.

Il suo approccio è imperturbabile, ma gli obiettivi stanno scorrendo. La sua squadra, l’Inter, è stata il capocannoniere sulla strada per il suo primo titolo di Serie A in 11 anni la scorsa stagione, mentre il Chelsea di Conte ha rubato 85 gol sulla strada per il suo ultimo titolo di Premier League nel 2016-2017.

È solo tutto con moderazione per Conte. I suoi giocatori possono attaccare in gran numero fintanto che è all’interno del suo rigido regime.

Tale disciplina può ripagare su entrambi i fronti, poiché dopo il caos dell’Europa League a metà settimana, la squadra difensiva coreografata e accorciata di Conteball ha pagato in un’atmosfera da calderone al Joe Goodison Park, anche se l’attacco è una volta di nuovo appassionato di bluff.

Per saperne di più

Tottenham-Vitesse Arnhem: valutazioni giocatori, reazione di Antonio Conte e preoccupazione a centrocampo di Glenn Hoddle

“Goodison non è un posto facile da raggiungere, soprattutto dopo una settimana intensa per i giocatori”, ha detto Conte dopo lo stallo. “Sono felice.

“Abbiamo fatto tanti errori all’ultimo passaggio, ma oggi ho visto il cuore dei miei giocatori, la voglia di sacrificarsi. Oggi non abbiamo subito gol e questo è un buon inizio per migliorare. Stiamo imparando ad essere stabili”.

Risultati della Premier League inglese

domenica 7 novembre

sabato 6 novembre

venerdì 5 novembre

Per saperne di più

Premier League: la grande prova dell’Arsenal, lo speciale del Crystal Palace, la nuova speranza del Newcastle e il Leeds si muove preoccupato

Mentre il primo tempo vacillava tra noioso e orribile – la frustrazione tra i tifosi dell’Everton in attesa era palpabile, vista la corsa in cui si trovava la loro squadra, sotto un allenatore che nessuno voleva davvero – Conte ha fatto divertire tutti.

READ  Valerio Gallo vince il Gran Turismo Olympic Series virtuale - GTPlanet

Per il suo ritorno in Premier League, Conte ha tirato fuori tutti i colpi: il rovescio dei muggiti impercettibili, segnalando ogni passaggio in anticipo e lusingando i suoi giocatori in ogni contropiede. Era, come sempre, ansimante a guardare.

Per saperne di più

Antonio Conte: cosa abbiamo imparato dalla prima vittoria del nuovo allenatore del Tottenham sul Vitesse Arnhem

Conte, nel poco tempo trascorso con i suoi giocatori, ha applicato il suo solito sistema di difesa, con quei pochi giorni in più dopo la sua esibizione porosa contro il Vitesse Arnhem che lo ha aiutato a cementare le basi degli Spurs. L’Everton ha lavorato duramente ad ogni apertura perché è stato deluso più e più volte.

Dopo un primo tempo vivace, le occasioni da gol nel secondo tempo sembravano altrettanto probabili quanto i tentativi del quarto arbitro di tenere Conte nella sua zona tecnica dando i suoi frutti.

Tuttavia, qualcuno ha versato acqua sui carboni ardenti mentre la temperatura nel Goodison è aumentata di dieci volte, con la tecnologia VAR al centro di tutto. Richarlison è caduto quando ha spinto la palla oltre Hugo Lloris nell’orologio, spingendo l’arbitro Chris Kavanagh a sottolineare un rigore. A Kavanaugh è stato quindi chiesto di dare un’altra occhiata allo schermo dello stadio, prima che la decisione venisse annullata e si ritenesse che Lloris avesse preso la palla per primo.

Loris sembrava prendere Richarlison nella scatola (Immagine: GETTY)

“Se è in mezzo al campo, è fallo, quindi se è in area di rigore, deve essere fallo anche lui”, ha detto Benitez. “Se dai la punizione, nessuno si lamenterà. Loris lo ha toccato.”

Quasi a far esplodere il mercurio dalla sommità del termometro, è stato mostrato un replay dell’incidente sul grande schermo, unendo i Toffees nel sentirsi definitivamente derubati.

Gli Spurs sono tornati al muro con Goodison che trema, ma con l’Everton che non ha la qualità necessaria nell’ultimo terzo, gli Spurs hanno quasi rubato la vittoria alla fine quando Giovanni Lo Celso è stato respinto da un palo.

Mark Perry ha ricevuto un intervento finale del VAR nei minuti di recupero, per rafforzare il suo divieto di Merseyside, e ha chiesto a Kavanaugh di dare un’altra occhiata alla sfida di Mason Holgate contro Pierre-Emile Hojberg, persuadendo l’arbitro in campo a cambiare il suo cartellino giallo con un rosso.

Per saperne di più

Jeff Stelling è stata la star inaspettata di Sky Sports: sabato la sua partenza ha segnato la fine di un’era per il calcio

Alla fine ci sono stati dei fischi, ma questa volta non per Benitez. Un punto entusiasta che delizierà entrambi i gestori. Una quarta sconfitta consecutiva in campionato avrebbe potuto vedere Benitez diventare il prossimo allenatore in Premier League, mentre Conte aveva bisogno di un ripristino dell’ordine pubblico dopo il caos del Vitesse.

C’è molta strada da fare nei tentativi di Conte di cambiare le cose al Tottenham. L’attacco ha bisogno di qualcosa di più della messa a punto: non sono riusciti a segnare un tiro in porta in partite consecutive di Premier League per la prima volta dal 2003-04, quando quei dati sono stati disponibili, ma i primi segnali sono che l’italiano sta già facendo il suo lavoro. Al massimo per calmare di nuovo il caos.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *