Coronavirus: quanto tempo è protetto un malato – cosa mostra un nuovo studio

La stragrande maggioranza delle persone infette da SARS-CoV-2 sviluppa anticorpi, secondo i risultati dello studio, ma non è stato stabilito il momento esatto per la produzione di questi anticorpi per proteggere un individuo da una possibile seconda infezione da virus.

La risposta chiara è necessaria ora con la risposta imminente Avvio delle vaccinazioni Per SARS-CoV-2 nel nostro paese ma anche in tutto il mondo ..

Questa domanda cruciale sia della vaccinazione che del controllo più ampio dell’epidemia ha avuto risposta in un recente articolo del dottor David Ayer, capo del team di sorveglianza degli ospedali dell’Università di Oxford e colleghi.

Lo studio è stato pubblicato il 23 dicembre 2020 sul New England Journal of Medicine dal titolo “Livelli di anticorpi e frequenza di infezione da SARS-CoV-2 negli operatori sanitari”.

“Decodificare lo studio”

I professori dell’EKPA, Ourania Tsitsiloni, Petros Sfikakis, Evangelos Terpos e Thanos Dimopoulos (Presidente dell’EKPA) riassumono i principali risultati dell’articolo.

I ricercatori hanno studiato l’incidenza dell’infezione da SARS-CoV-2 in quasi 12.500 operatori sanitari di età compresa tra 28 e 49 anni provenienti da 4 ospedali universitari nell’Oxfordshire, Regno Unito per 31 settimane (circa 8 mesi), da aprile a novembre 2020.

All’inizio dello studio, tutti i partecipanti sono stati testati per la presenza e i livelli di anticorpi contro la proteina anti-S (anti-S) per il nuovo coronavirus. Solo 1177 di loro (9,4%) hanno sviluppato anticorpi, mentre altri 88 (0,7%) sono stati sottoposti a sieroconversione (cioè, anticorpi mostrati) durante lo studio di 8 mesi. Di tutti i partecipanti presenti con anticorpi, il 68% ha affermato di avere sintomi compatibili con COVID-19, ma solo il 37% ha avuto un test molecolare positivo (PCR). Tutti gli operatori sanitari sono stati monitorati con ripetuti test molecolari ogni due settimane e ripetuti test anticorpali ogni due mesi, sia contro la proteina della capsula nucleotidica della SARS (anti-S) che contro la proteina nucleocapsidica (anti-N). CoV-2.

READ  L'universo potrebbe avere meno galassie di quanto immaginava, secondo lo studio | video

I risultati hanno mostrato che tra coloro che inizialmente non avevano anticorpi anti-S, circa il 2% ha mostrato un test molecolare positivo (cioè infettato dal nuovo coronavirus) durante lo studio. Sorprendentemente, la metà di loro erano e sono completamente asintomatici, cioè non hanno mostrato alcun sintomo di malattia dal nuovo virus Corona, COVID-19.

La seconda scoperta importante è stata che gli operatori sanitari che avevano anticorpi contro gli antagonisti S e / o N all’inizio dello studio, indipendentemente dal fatto che presentassero o meno sintomi (cioè se presentassero o meno sintomi, rispettivamente) quando erano stati infettati. Infettato una seconda volta. SARS-CoV-2 non ha mostrato alcun sintomo compatibile con COVID-19. Questi risultati sono una forte indicazione che gli anticorpi prodotti dopo la prima infezione con il nuovo coronavirus forniscono protezione dalla reinfezione per almeno 6 mesi.

Il terzo punto importante è che l’immunità protettiva è fornita da qualsiasi anticorpo anti-SARS-CoV-2 specifico che il corpo ha sviluppato, contro il pin proteico (anti-S) o contro la nucleoproteina (anti-N) o entrambi.

Infine, 24 operatori sanitari che avevano inizialmente un test molecolare positivo (e quindi erano stati infettati da SARS-CoV-2) ed erano negativi per i test anticorpali quando erano nuovamente in contatto con il virus non si sono reinfettati. In effetti, i livelli di anticorpi di questi 24 individui sono risultati negativi ma vicini alla soglia di positività stabilita dalle società di test, indicando che anche bassi livelli di anticorpi hanno un effetto protettivo in caso di reinfezione. I ricercatori indicano anche che l’attivazione delle cellule T partecipa anche all’immunità protettiva contro il nuovo coronavirus, sebbene i test per rilevare i linfociti T SARS-CoV-2, a causa del costo e delle tecniche di laboratorio specializzate, non possano essere utilizzati correttamente.

READ  La serata di Laura Dern ai Golden Globes 2021 è stata un enorme successo tra i fan su Twitter

In conclusione, e sebbene questo studio sia limitato agli operatori sanitari del Regno Unito, le persone che hanno anticorpi contro la SARS-CoV-2 hanno un rischio significativamente basso di reinfezione con il coronavirus per almeno 6 mesi dopo l’infezione iniziale.

Fonte: ΑΠΕ-ΜΠΕ

Segui lei Nel Google News E sii il primo a conoscere tutte le novità
Guarda le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *