In uno scontro con un’unità di laboratorio russa, la stazione spaziale “ha portato un coltello in uno scontro a fuoco” – Spaceflight Now

Una storia scritta per Notizie CBS & usato con permesso

La navicella spaziale russa Nauka, a sinistra, è attaccata alla Stazione Spaziale Internazionale. credito: NASA

E giocando sul sicuro, l’equipaggio di sette uomini della Stazione Spaziale Internazionale si è trasferito nella parte americana dell’avamposto venerdì, chiudendo cancelli e persiane e rimanendo inattivo mentre i controllori di volo russi soffiavano le linee di pressione dell’elio nell’unità del Laboratorio Nauka appena arrivata.

A causa di precedenti problemi con il sistema di propulsione dell’unità, l’equipaggio non stava correndo alcun rischio, ma l’elio ad alta pressione è stato scaricato nelle linee utilizzate per pressurizzare i propulsori della Nauka in modo sicuro al largo. Pochi istanti dopo, i cosmonauti della stazione Oleg Novitsky e Pyotr Dubrov hanno aperto un ultimo portello ed sono entrati nella spaziosa nuova aggiunta.

“Congratulazioni per lo sfiato riuscito”, il comandante della stazione Akihiko Hoshide ha condotto i controllori di volo radio a Houston e Mosca. “Ci ritireremo dalla situazione attuale”.

Il laboratorio multiuso Nauka da 44.000 libbre è stato attraccato giovedì con l’unità russa Zvezda della stazione. Ma un errore del software ha innescato un detonatore inaspettato tre ore dopo, mentre il laboratorio non era in comunicazione con i controllori di volo russi, spingendo la stazione spaziale lontano dal suo normale orientamento, o “posizione”.

Il movimento indesiderato ha causato l’attivazione dei propulsori dell’unità Zvezda nel tentativo di contrastare la spinta degli aerei della Nauka. Anche i propulsori della nave mercantile Progress si unirono per fornire più forza.

Il manager di volo della NASA Zip Scoville ha poi twittato che il risultato è stato un “volo forzato” tra i propulsori Nouka e Zvezda. Dato l’orientamento delle unità e la forza relativa dei propulsori, “la ISS ha portato un coltello in uno scontro a fuoco”.

“I rapporti secondo cui l’ISS è a soli 45 gradi (dal normale) erano prematuri”, ha detto. “Abbiamo deciso di fare l’allineamento della testa e delle ruote. Gli arbitri olimpici saranno orgogliosi. “

READ  Le piogge meteoriche in un'eclissi solare totale danno vita al cielo di dicembre

Ha detto che la stazione “si è allontanata dalla situazione il più possibile. Alla fine ha vinto la lotta per il potere ed è tornata in posizione eretta e livellata”.

In ogni caso, con le linee di pressione di spinta ora liberate, gli astronauti erano liberi di procedere con l’attivazione iniziale e l’equipaggiamento della nuova unità.

Pensando di lavorare per riprendersi dalla perdita del controllo della situazione, Scoville ha twittato: “Non sono mai stato: 1) più orgoglioso del team seduto al MCC (Mission Control Center) e che vive su Space_Station, 2) dover dichiarare un’emergenza spaziale finora, 3) Sono stato molto felice di vedere tutti i pannelli solari + i radiatori ancora collegati.”

Attraccata a Nauka, la NASA non vedeva l’ora del lancio di venerdì di un razzo Atlas 5 che trasportava la capsula dell’equipaggio Boeing Starliner su un secondo volo di prova senza equipaggio verso la stazione spaziale. Con un test di volo riuscito, Boeing spera di iniziare a lanciare gli astronauti entro la fine di quest’anno o all’inizio del prossimo anno.

Ma a causa del dramma dell’arrivo di Nauka e dell’iniziale incertezza sullo stato di salute dell’unità, i manager della NASA hanno scelto di ritardare il lancio dello Starliner. Il volo è stato provvisoriamente ripristinato per il lancio di martedì alle 13:20 EDT.

Nel frattempo, la United Launch Alliance ha costruito il razzo, trasportando il booster e il suo carico utile dalla rampa di lancio di Cape Canaveral e riportandolo a un impianto di lavorazione per tenerlo lontano dalle intemperie pomeridiane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *