Come va in Italia la seconda ondata Corona

L’Italia è già stata duramente colpita dal Coronavirus, e ora infuria la seconda ondata. Il governo vuole contrastare questo problema con misure severe.

San Camillo-Forlanini è un grande e rispettato ospedale con strutture moderne nel centro di Roma. Coloro che sono ammessi lì non devono aver paura dei lunghi tempi di attesa e la clinica garantisce il suo sito Web elegante. I casi urgenti vengono trattati al pronto soccorso entro 15 minuti, anche i pazienti che non hanno alcuna emergenza verranno visti entro quattro ore. Forse in realtà era così in passato, ora è diverso.

Bruno K. , 58 anni, corrispondente del quotidiano “La Repubblica”: “L’ospedale è peggio della malattia”. Ha ammesso il 30 ottobre e ha trascorso 12 giorni su un divano nel corridoio con oltre 100 altri pazienti, 70 dei quali sono risultati positivi al coronavirus. Alcuni giorni il cibo non veniva perché – raccontano le infermiere – gli assistenti di cucina non erano venuti a lavorare per paura di contaminazioni. Solo dopo aver gridato forte e aver minacciato di chiamare i Carabinieri, i pazienti di corsia hanno mangiato qualcosa: una scatola di tonno, lattuga, una mela, ha detto Bruno Q.

L’Italia in tre colori

Questo non è il caso solo a Roma, ma in molte città e regioni. Il sistema sanitario in Italia è sull’orlo del collasso. Non si tratta chiaramente della nuova ondata di pandemia.
Domenica sono stati segnalati 27.354 nuovi contagi e 504 morti (contro i 544 di sabato). Ciò significa che circa 1,2 milioni di persone sono state infettate e circa 45.000 persone sono morte a causa della pandemia di coronavirus. finora.

Il governo romano ora ha risposto, analogamente alla prima ondata di primavera, con misure drastiche. Per fare ciò, ha diviso il paese in tre regioni di colore in base alla minaccia Covid regionale:

Giallo Si applica a cinque regioni, dalla Sardegna al Veneto, che non sono soggette a restrizioni significative;

arancia Nove regioni colorate, soprattutto al sud, ma anche Umbria, Emilia-Romagna, Marky e Friuli. Lì, i residenti sono ampiamente autorizzati a circolare liberamente nelle loro comunità, ma è loro vietato guidare in altri luoghi o aree. Le eccezioni si applicano al modus operandi, alle visite mediche urgenti e simili.

READ  L'Italia vuole ricostruire il pavimento centrale del Colosseo

Diventa davvero difficile Rosso La regione che comprende Piemonte, Lombardia, Calabria, Valle d’Aosta, Provincia Autonoma di Bolzano, e da domenica Campania e Toscana. La vita qui è severamente limitata: i cittadini possono spostarsi solo all’interno del loro comune e solo per una buona ragione: lavorare, – necessario! – Shopping e dal dottore. Bar e ristoranti sono chiusi e possono essere venduti solo “fuori casa”. La maggior parte degli altri negozi che non vendono cibo, medicine o sigarette saranno chiusi con la forza, così come le università. Le scuole rimangono aperte per i gradi inferiori e gli anziani devono studiare a casa online.

In rosso, dove vive quasi la metà degli italiani, amici o parenti non possono visitarsi, fare sport o fare una passeggiata insieme. Molti lo trovano scandaloso, soprattutto il presidente toscano Eugenio Gianni: il numero degli infortuni è diminuito in Toscana, e il fattore R è 1,2 all’estremità inferiore. Ma con l’aiuto di numeri vecchi e obsoleti, la Toscana è stata classificata come regione di crisi. È “ridicolo”, questo è esattamente ciò che vedono molti abitanti delle regioni rosse.

Morti sul lavoro: 189 medici e 46 infermieri

Spiegando le misure restrittive prese dal governo, il ministro della Sanità Roberto Speranza ha detto: “So che chiediamo più vittime, ma non c’è altro modo se vogliamo ridurre il numero delle vittime, frenare le infezioni e prevenire pressioni insopportabili sul nostro sistema sanitario”.

Potrebbe avere ragione. proprio adesso. Forse avremmo potuto solo prendere tempestive precauzioni e ampliare e rafforzare il settore medico dopo i disastrosi esperimenti della primavera, quando le foto dei camion dell’esercito carichi di bare nel nord Italia hanno sconvolto il mondo intero. Dopotutto, quasi tutti gli esperti hanno previsto una seconda ondata di epidemie all’inizio dell’autunno. È noto da tempo che non solo i letti di terapia intensiva, ma anche medici e infermieri mancano ovunque.

Milano: allestito un ospedale di fortuna per curare i malati di Covid19 nei padiglioni di Fiera Milano. (Fonte: Claudio Forlan / La Press via Zuma Press / dpa)

Certamente non spetterebbe a loro se il sistema affrontasse di nuovo il disastro. Molte persone lavorano 12 ore o più al giorno. 189 medici hanno perso la vita dall’inizio dell’epidemia. Tra le suore e le badanti, 46 sono morte e 25mila sono rimaste ferite, secondo il loro sindacato professionale “Fenobi”.

READ  (P) Promozioni di Halloween al Vlad Casino, per un intrattenimento più intenso

La sanità in Italia: un lungo scandalo

Dipende dalla sovrastruttura del sistema sanitario, dalla politica e dalla burocrazia. Molti funzionari sono stati a lungo considerati incapaci o riluttanti. In Lombardia, ad esempio, il Ministero della Salute ha recentemente ordinato 400mila unità di vaccino antinfluenzale. Peccato che non abbia l’approvazione delle autorità italiane. La stessa quantità doveva essere acquistata rapidamente negli Stati Uniti a prezzi più alti.

In Campania, gli ispettori di Roma si sono imbattuti in undici auto nel parcheggio di un ospedale, dove ai pazienti è stato fornito l’ossigeno da una bottiglia. Quello che gli esaminatori stavano effettivamente cercando, ma non hanno scoperto che né, né in altri tre ospedali, c’era una comprensibile ripresa dell’epidemia che si profilava all’orizzonte.

Anche le operazioni più semplici non funzionano in modo affidabile: ad esempio, una giovane donna rumena si è rifugiata in un giornale perché ha dovuto rimanere da sola in quarantena nel suo piccolo appartamento per 25 giorni, nonostante avesse un esito negativo del test per 20 giorni. Il Ministero della Salute semplicemente non ha risposto alle e-mail e alle chiamate. Non le era permesso lasciare l’appartamento senza il suo permesso scritto. Certo, nel settore sanitario si dice che questo non è un caso isolato: le autorità sanitarie sono famose per la loro mancanza di interesse professionale.

Cattive condizioni nel paese

Gli scandali ospedalieri sono stati uno dei momenti salienti in Italia da anni. Otto cardiopatici muoiono nel nuovo reparto di terapia intensiva pugliese a causa della ventilazione con azoto invece che con ossigeno. Tre volte a Firenze, tre persone hanno ricevuto fegato e reni di un paziente morto di HIV. Ora il video che circola in rete è scioccante: non solo mostra i letti d’emergenza con i pazienti nel corridoio dell’ospedale di Napoli, ma mostra anche un morto nel bagno di un ospedale di Napoli. I dettagli non sono ancora chiari.

READ  Tom Cruise - Blast: Lo staff ha lasciato Mission: Impossible - People

Varese: Il personale ospedaliero sta portando un paziente Corona nel reparto di terapia intensiva dell'Ospedale del Circolo.  (Fonte: AP / dpa / Luca Bruno)Varese: Il personale ospedaliero sta portando un paziente Corona nel reparto di terapia intensiva dell’Ospedale del Circolo. (Fonte: Luca Bruno / AP / dpa)

Ma stanno dimostrando, come ha scritto mercoledì sera su Facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, che la situazione negli ospedali è “fuori controllo a Napoli e in molte parti della Campania”.
Evitare che il miserabile sistema sanitario crolli effettuando tagli drastici nella sfera privata e negli affari, dice il governo, ha ovviamente un prezzo.

La classe media supplica alla Caritas

Soprattutto nelle regioni rosse, migliaia di piccole imprese rischiano la bancarotta: ristoranti, piccoli negozi di tessuti nelle strade deserte e nei vicoli dove un tempo si affollavano i turisti, e bar che possono vendere espresso “to go” al meglio. Il governo promette aiuti generosi a tutti – si dice che il nuovo programma fiscale conterrà 38 miliardi di euro e aumenterà drasticamente il debito dell’Italia – ma quando il denaro degli aiuti raggiungerà i beneficiari bisognosi, molti di loro potrebbero essere falliti da tempo. E parecchi di loro finiscono effettivamente per finanziariamente o comunque non beneficeranno mai di quel denaro statale.

Alcuni di loro stanno ora iniziando a conoscere gli attori della Caritas umanitaria cattolica. Don Enzo Capitani, direttore della Caritas di Grosseto, capoluogo della regione Toscana, ha dichiarato in un’intervista che la richiesta di pacchetti di sponsorizzazione è aumentata del 500 per cento.

E non solo sono venute più persone, ma anche persone molto diverse: showmen, ad esempio, che sono bloccati qui con i loro lavori in fiera, lavoratori neri che hanno lavorato nei campi, nelle case o nelle cucine dei ristoranti, che non hanno pretese. Con indennità di disoccupazione o simili, lavoratori stagionali dell’industria del turismo e anche alcuni che appartenevano alla classe media ad alto reddito: artigiani e uomini d’affari che improvvisamente non potevano pagare le bollette dell’elettricità o del gas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *