Classe Littorio: l’Italia ha costruito una corazzata della Seconda Guerra Mondiale che trasuda potenza di fuoco

Classe Littorio: l’Italia ha costruito una corazzata della Seconda Guerra Mondiale che trasuda potenza di fuoco

La Bismarck e la Tirpitz della Germania nazista, insieme alla Yamato e alla Musashi della Marina imperiale giapponese, sono tra le navi da guerra più famose entrate in servizio durante la Seconda Guerra Mondiale. C’erano altre corazzate, ovviamente. La Kriegsmarine tedesca gestiva due corazzate di classe Scharnhorst, mentre la marina giapponese manteneva una flotta di navi capitali di grosso cannone.

Poi eccolo lì Tre corazzate della Regia Marina italiana.

In realtà era il Regno d’Italia Coinvolto nelle armi navali La corsa con l’Austria-Ungheria negli anni precedenti la prima guerra mondiale. L’Italia costruita Molte navi da guerra moderneMa durante il conflitto si comportarono male.

Classe Littorio: introduce la nuova classe di corazzate italiane

Negli anni ’30, quando il Regno d’Italia era governato dal Partito Nazionale Fascista guidato da Benito Mussolini, il paese subì sforzi di modernizzazione. Come parte di questo sforzo, l’Italia fascista cercò di costruire una nuova classe di corazzate. Mentre Germania e Giappone cercarono di aggirare i trattati navali tra le due guerre come il Trattato navale di Londra – e in seguito semplicemente li ignorarono – l’Italia sviluppò le navi da guerra di classe Littorio solo in risposta alle navi da guerra francesi di classe Dunkerque.

Costruita tra il 1934 e il 1942, ciascuna nave era lunga 787 piedi, con una larghezza di circa 108 piedi. Le navi hanno dislocato 45.772 tonnellate lunghe a pieno carico. Alimentate da otto caldaie Yarrow a quattro alberi, le navi possono raggiungere una velocità massima di 30 nodi e avere un’autonomia di 3.920 miglia nautiche.

L’armamento è costituito da tre set di tre cannoni principali da 371 mm e quattro set da tre cannoni da 152 mm, insieme a dozzine di cannoni antiaerei da 90 mm.

READ  Ct: Il morale della Spagna è molto alto dopo la vittoria dell'Italia

Le prime due navi di questa classe, Littorio e Vittorio Veneto, costituirono la spina dorsale della flotta italiana e furono commissionate poco dopo l’entrata in guerra dell’Italia nella seconda guerra mondiale nell’estate del 1940. Una terza nave, la Roma, fu completata nel giugno 1942. la quarta nave, l’Impero, era ancora in costruzione quando finì la guerra.

Nonostante la promessa mostrata dalle corazzate, il loro contributo alla Seconda Guerra Mondiale fu limitato. Forse il loro ruolo più importante nella guerra fu quello della Littorio, una delle navi da guerra prese di mira dalla Royal Navy britannica durante la sua invasione. Raid a Taranto Il 12 novembre 1940. Questa fu un’incursione Insegnato da IJN Fu utilizzato come modello per l’attacco giapponese a Pearl Harbor un anno dopo. La Littorio fu colpita due volte dai siluri, fu gravemente danneggiata e non rientrò nella flotta fino alla metà del 1941. Fu colpita dalle bombe altre due volte, e poi da un altro siluro.

Anche la nave della Vittorio Veneto fu danneggiata due volte dai siluri nel 1941 e dalle bombe nel 1943. Insieme alla Roma, tutte furono danneggiate in una serie di attacchi aerei alleati mentre si trovavano nel porto di La Spezia. Dopo l’armistizio con gli Alleati Littorio fu ribattezzata Italia Mentre era danneggiata nel viaggio verso Malta, la nave raggiunse quell’isola del Mediterraneo, dove fu trattenuta con Vittorio Veneto. Le due corazzate furono assegnate agli Stati Uniti e al Regno Unito come parte delle riparazioni di guerra italiane, ma alla fine furono vendute come rottami.

Gli zingari hanno subito una sorte peggiore. Anche se le sue capacità non furono mai completamente testate in combattimento (effettuò solo 20 sortite durante 15 mesi di servizio), fu affondato dagli aerei un giorno dopo l’armistizio del 9 settembre 1943 che portò alla caduta di Mussolini.

READ  Nomina del boss mafioso più ricercato d'Italia per CV di fascia alta - Varietà

Tuttavia, non furono gli aerei alleati ad affondarlo.

La flotta italiana al comando L’ammiraglio Carlo Bergamini a Roma, avrebbe dovuto salpare verso Salerno per attaccare le navi alleate durante l’invasione della Sicilia. Con la resa improvvisa, i piani cambiarono. Bergamini Avevo intenzione di salpare per la Sardegna Per unirsi al re italiano Vittorio Emanuele III, che stava formando un “governo libero” che avrebbe dovuto essere amico degli Alleati.

Dopo l’arrivo in Sardegna, la flotta italiana salpò per Malta. Ma gli zingari non lo hanno mai fatto.

Mentre la nave da guerra prendeva il largo, la Luftwaffe tedesca inviò un aereo Dornier Do 2017 armato con bombe Fritz X telecomandate per distruggere la maestosa nave. Lo squadrone di bombardieri trovò il suo obiettivo nello stretto di Bonifacio tra la Sardegna controllata dagli italiani e la Corsica francese. I bombardieri segnarono diversi colpi diretti, paralizzando la nave da guerra italiana, facendola capovolgere, dividersi in due parti e affondare in pochi minuti. Dei circa 1.900 marinai che prestarono servizio sulla Roma, insieme ai 200 uomini dell’equipaggio del Bergamini, ne sopravvissero meno di 600. Si trattò della più grande perdita di vite umane a bordo di una nave da guerra italiana durante la Seconda Guerra Mondiale.

È stato un naufragio È stato ritrovato nel giugno 2012a circa 19 miglia al largo della costa settentrionale della Sardegna.

Circa l’autore

Peter Sucio è uno scrittore con sede nel Michigan che ha contribuito a più di quaranta riviste, giornali e siti web. Scrive regolarmente di hardware militare, storia delle armi da fuoco, sicurezza informatica e affari internazionali. Anche Pietro lo è Scrittore collaboratore Per Forbes. Puoi seguirlo su Twitter: @Pietro Sucio.

Tutte le immagini sono Creative Commons.

READ  Cosa aspettarsi da The Italian Daughter a North Scottsdale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *