Chef stellato nel “libro d’oro”

Shiming – “Il sindaco può assegnare questo privilegio a visitatori di spicco e cittadini meritevoli della comunità”, afferma il sindaco di Cheming Stefan Reichelt. L’intenzione è quella di entrare nel “libro d’oro” di Shiming Municipal, che ora porta la firma dello chef superstar.

Spettacolo

Il “Libro d’oro” è stato creato con una copertina nera a Chieming nel 1998, quando l’allora primo ministro Edmund Stoiber era un ospite. Tra i pochi più famosi ad essere entrati nel libro a Chieming fino ad oggi ci sono l’ex sindaco di Monaco Christian Ude e l’ex ministro federale dei trasporti della vicina Traunwalchen, Peter Ramsauer. Ora è affiancata dalla chef stellata Maria Probst, cresciuta a Cheming e ora vive in Italia.

Ha iniziato la sua carriera con un apprendistato come commessa di macellaio professionista presso Power Butcher Shop a Shiming. Sono seguite posizioni presso Feinkost Käfer a Monaco, apprendistato come chef ad Augusta e varie posizioni come cuoca in Svizzera, Maiorca, Alto Adige e Nord Italia prima di incontrare suo marito in Toscana. Ha ricevuto una stella Michelin nel settore per due anni consecutivi. E ‘il ristorante “La Tenda Rossa” a Cerbaia, a una decina di chilometri da Firenze in direzione San Gimignano e Siena. È un ristorante gourmet che di solito attira anche molti turisti. A causa di Corona, è chiuso da marzo.

Maria Probst è l’unica donna in Italia ad aver ricevuto una stella Michelin nel 2019. È riuscita a restituire la stella alla famiglia che ha sposato nel 2004. Perché sua suocera ha ottenuto una stella Michelin nel 1980.r Acquisisci le loro abilità culinarie. Anche quest’anno la donna Chieminger ha cucinato con successo la Starlet 2020.

Segnala alcune modifiche nella personalizzazione. “Nel frattempo, la stella non è più data al ristorante in cui lavora lo chef, ma allo chef stesso. Quindi non è più l’atmosfera generale del ristorante che conta nella valutazione, ma piuttosto il piatto che contiene, dice lo chef stellato di 44 anni.

READ  Ecco cosa succede se non accetti la nuova politica sulla privacy di WhatsApp

Per capire il valore della stella Michelin in Italia, forse bisogna conoscere il rapporto speciale che gli italiani hanno con il cibo, che equivale all’atteggiamento verso la vita. Maria Probst racconta il prestigio associato alla vittoria o alla perdita di una stella Michelin per un ristorante italiano. “C’è un grande programma televisivo con cinque milioni di spettatori che guardano una stella Michelin vincere o perdere. C’è molto onore e credibilità dietro questo se perdi di nuovo una stella del genere”, dice lo chef impegnato.

Alla domanda su cosa distingue la sua gastronomia dall’arte di chef meno affermati, ha confermato che viaggia molto in Toscana per trovare ingredienti distinti in pesce, carne, verdura e frutta. Recentemente ho conosciuto un fornitore dell’Appennino toscano che su 700 ettari alleva circa 100 bovini appositamente allevati. “Questa carne è di qualità molto diversa da altri tipi di carne, ed è quello che vogliamo offrire ai nostri ospiti”.

Maria Probst cambia l’offerta sul suo menù ogni due settimane, non ultimo per poterla stupire con la varietà e la straordinaria qualità dei suoi piatti. Chiemingerin vorrebbe difendere la sua stella il più a lungo possibile. “Ma questo è molto difficile, perché le recensioni sono sempre inaspettate quattro volte all’anno, e non si può dire subito chi è stato al ristorante per provare il piatto servito. Una volta all’anno arriva il manager Michelin Star Awards e ti dice il risultato.

Come stanno andando le cose ora con la gastronomia di Maria Probst e suo marito, Cristiano Santandria, punta più su Corona che su una stella Michelin. A partire da gennaio, Maria Probst vuole lavorare come consulente presso diverse aziende toscane per aiutare i giovani imprenditori con la loro “startup”.

READ  Un fuggitivo romano ricercato per 10 anni, ha vissuto una vita lussuosa in Italia

Il sindaco Stefan Richelt ha ringraziato gli chef gourmet per la loro visita al municipio con una bottiglia di vino con un pezzo di vino di Chieminger e un buono pasto a Chiemgau. Dalla A alla Z

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *