Arrestato terzo posto alle elezioni presidenziali in Paraguay | Notizie elettorali

Arrestato terzo posto alle elezioni presidenziali in Paraguay |  Notizie elettorali

Cubas Colmes del Paraguay stava trasmettendo in live streaming su Facebook quando è stato arrestato per presunta “violazione della pace”.

La polizia nazionale del Paraguay ha arrestato un candidato di estrema destra che è arrivato terzo alle elezioni presidenziali di domenica, dopo giorni di proteste che mettevano in dubbio la legittimità dei risultati.

La polizia ha confermato venerdì l’arresto dell’avvocato e politico paraguaiano Cubas Colomes in un post sui social media, spiegando che Cubas è detenuto “in detenzione preventiva” in ottemperanza a un ordine della Procura della Repubblica.

L’arresto è avvenuto alle 16:30 ora locale (20:30 GMT) in un albergo della città di San Lorenzo, appena fuori dal capoluogo Asuncion. Il commissario di polizia Gilberto Fleitas ha dichiarato successivamente in un’intervista radiofonica che Cuba è stata accusata di violazione della pace, tra gli altri crimini.

Cubas Colomes del Paraguay si è candidato alle elezioni presidenziali di domenica come candidato del partito Crociata Nazionale [File: Diario Ultima Hora via AP]

Cubas, ex senatore e leader del populista National Crusade Party, ha avuto un ottimo risultato nelle ultime elezioni presidenziali, ottenendo il 23% dei voti. Ciò gli ha dato il terzo posto in classifica, dietro al secondo classificato Efraín Alegre, con il 27,5%, e al presidente eletto Santiago Peña, che ha vinto con una percentuale di leadership del 43%.

Ma da allora Cubas si è rivolto ai social media per contestare i risultati, definendo “ladri” i leader del Partito conservatore del Colorado al governo di Peña e accusando l’elezione di frode.

Tuttavia, l’Organizzazione degli Stati americani (OSA), così come le autorità elettorali paraguaiane, hanno approvato l’accuratezza del voto.

“Non c’è possibilità di frode”, ha detto il portavoce del Tribunale elettorale Carlos Lubic in una dichiarazione alla stampa all’inizio di questa settimana. “I risultati delle elezioni sono un’espressione dei cittadini, che ci piaccia o no”.

READ  Blinken esorta i paesi nordici a unirsi alla Turchia nella NATO | Notizie NATO
Santiago Peña ha vinto le elezioni presidenziali del Paraguay del 2023 con quasi il 43% dei voti, continuando la serie di vittorie del Partito conservatore del Colorado. [File: Jorge Saenz/AP Photo]

Tuttavia, i manifestanti si sono riuniti ad Asuncion e in altre parti del paese, hanno deturpato i cartelloni pubblicitari di Peña e bruciato pneumatici per creare posti di blocco. Lunedì i manifestanti hanno lanciato pietre contro la polizia fuori dalla sede della Commissione elettorale, che ha risposto con barriere e proiettili di gomma.

Il secondo classificato Allegri, un candidato di centrosinistra, si è subito unito agli appelli sui social media per un riconteggio manuale e un audit internazionale indipendente.

“Chiediamo che tutti i registri vengano controllati e aperti”, ha scritto Giovedì Allegri su Twitter. “Perché senza esame, il pubblico non accetterà un risultato legittimo in cui non crede. Perché c’è così tanta paura che i cittadini scoprano cosa è realmente accaduto?”

All’indomani dell’arresto di Cubas, ha espresso il suo sostegno al rilascio del candidato di estrema destra: “Chiediamo il rilascio di Cubas paraguaiano e di tutti i cittadini imprigionati a causa della loro richiesta di trasparenza”.

La polizia presidia la stazione dove il paraguaiano Cubas Colomes era detenuto il 5 maggio [Cesar Olmedo/Reuters]

Cubas stava trasmettendo in diretta su Facebook al momento del suo arresto venerdì. Successivamente, ha mostrato le manette in un video in diretta girato dal retro di un veicolo delle forze dell’ordine, con una sirena a tutto volume.

“Sono stato arrestato e ammanettato come un criminale”, ha scritto a caratteri cubitali su Facebook. “I veri criminali sono liberi e prendono il controllo del Paese”.

Il politico di estrema destra aveva precedentemente indicato che si sarebbe recato ad Asuncion per guidare le proteste contro i risultati elettorali. Il commissario di polizia Fleitas ha dichiarato che venerdì tra i 1.500 ei 1.800 agenti sono stati dispiegati presso il tribunale elettorale in previsione delle manifestazioni.

Ma entro venerdì a mezzogiorno, diversi sostenitori del Copas avrebbero dovuto radunarsi davanti alla stazione di polizia di Asuncion dove era detenuto l’ex candidato.

READ  Gli incendi minacciano migliaia di case in California mentre combattono gli incendi negli Stati Uniti occidentali
I sostenitori del candidato paraguaiano di estrema destra Cubas Colomes organizzano un sit-in di protesta contro il suo arresto il 5 maggio [Cesar Olmedo/Reuters]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *