Apple fornisce dettagli sull’ultima automazione del riciclaggio

L’anno scorso Apple ha aggiornato il suo bot Daisy per smontare 23 diversi modelli di iPhone, rispetto a 15. | Per gentile concessione di Apple

Apple ha aggiunto alla sua tecnologia di riciclaggio nel 2021, aggiornando alcuni robot e implementando una macchina in grado di recuperare i magneti delle terre rare che di solito vengono distrutti durante il processo di triturazione.

Il gigante della tecnologia ha sviluppato una macchina simile a un distruggidocumenti, soprannominata “Taz”, che recupera i magneti delle terre rare dai moduli sonori. La tecnologia insieme alla macchina di triturazione industriale è sviluppata su scala sperimentale in Laboratorio di recupero materiale di Apple ad Austin, Texas.

“Mentre i magneti delle terre rare vengono generalmente persi in questi trituratori convenzionali, Taz è progettato per mantenere intatti questi preziosi materiali per migliorare il nostro tasso di recupero complessivo”, secondo l’azienda. Rapporto sullo stato di avanzamento ambientale 2022quello era Rilasciato questa settimana.

Un robot che ha smontato iPhone, chiamato “Daisy”, è stato aggiornato in modo che ora possa smontare 23 modelli di iPhone, rispetto a 15. Il robot “Dave” smonta i motori spinati per recuperare magneti in terre rare, tungsteno e acciaio per il riutilizzo.

Apple sta anche lavorando a strumenti più semiautomatici, come strumenti di stampa 3D per migliorare il recupero della batteria e una guida dedicata per smontare le custodie di ricarica AirPods.

Oltre agli aggiornamenti tecnologici, la società afferma di aver supportato il riciclaggio di oltre 38.000 tonnellate di rottami elettronici a livello globale nel 2021.

Lisa Jackson, vicepresidente per l’ambiente, le politiche sociali e le iniziative di Apple, Ha detto in un comunicato stampa Che Apple “sta facendo veri progressi nel nostro lavoro per affrontare la crisi climatica e un giorno realizzare i nostri prodotti senza prendere nulla dalla terra”.

READ  Shiva il Distruttore entra nel campo di battaglia di SMITE

“Il nostro rapido ritmo di innovazione sta già aiutando i nostri team a utilizzare i prodotti di oggi per costruire il futuro di domani e, mentre la nostra catena di approvvigionamento globale passa all’energia pulita, stiamo tracciando un percorso da seguire per altre aziende”, ha affermato.

Contenuti riciclati

Secondo il rapporto, nel 2021 Apple ha introdotto oro riciclato certificato di terze parti, basato sullo standard ISO 14021 per l’etichettatura ambientale e la pubblicità. Ha anche raddoppiato l’uso di tungsteno riciclato, elementi di terre rare e cobalto. Complessivamente, il 45% delle terre rare utilizzate è certificato riciclato.

Sebbene nei prodotti fosse presente una media del 20% di contenuto riciclato, Apple ha aumentato l’uso di alluminio riciclato, in particolare, al 59%. Molti prodotti, come tutti gli iPad, Apple Watch Series 7, Apple Watch SE, MacBook Air, Mac mini e MacBook Pro da 14 pollici e 16 pollici, hanno custodie realizzate in alluminio riciclato al 100%.

L’azienda utilizza i propri rottami di alluminio e ora utilizza alluminio post-consumo da rottami di costruzione e costruzione, afferma il rapporto.

E il 30% dello stagno utilizzato nel 2021 è certificato riciclato, con nuovi iPhone, iPad, AirPods e Mac contenenti il ​​100% di stagno riciclato saldato alle schede logiche principali.

“Il recupero di più materiali da utilizzare nei prodotti futuri aiuta a ridurre l’attività mineraria”, afferma il comunicato stampa. “Da una sola tonnellata di componenti iPhone scomposti dai robot di riciclaggio di Apple, i riciclatori possono recuperare la quantità di oro e rame che le aziende tipicamente estraggono da 2.000 tonnellate di roccia estratta”.

In definitiva, l’obiettivo di Apple è utilizzare solo materiali rinnovabili o riciclabili nei suoi prodotti. Tuttavia, il rapporto afferma che la mancanza di opzioni prontamente disponibili è un ostacolo.

READ  Il dipendente di Woolworths condivide un trucco poco conosciuto per accelerare la scansione

“I team di Apple stanno facendo il lavoro necessario per realizzare questa trasformazione: procurarsi contenuti riciclati e rinnovabili, costruire nuove catene di approvvigionamento e migliorare la trasparenza e la tracciabilità del settore”, afferma il rapporto. “Alcune delle barriere che affrontiamo sono sotto il nostro controllo, ma altre sono al di fuori del controllo diretto di Apple e richiedono un lavoro di squadra”.

politiche di riforma

distanza Collaboratore e pressione pubblicaAnche Apple sta iniziando ad espandere le sue opzioni di riparazione. Il rapporto rileva che negli ultimi tre anni è quasi raddoppiato il numero di centri di assistenza con accesso a parti, strumenti e formazione OEM.

Ciò include 500 sedi di Apple Store, 5.000 fornitori di servizi autorizzati Apple, 3.000 fornitori di riparazioni indipendenti, centri di riparazione per corrispondenza e, a partire dal 2022, Riparazione self-service.

Il rapporto afferma che Apple sta anche semplificando lo sblocco dei dispositivi e le riparazioni. L’iPhone ora ha più unità recuperabili e i display, le batterie, le fotocamere, gli altoparlanti e i dispositivi touch possono essere sostituiti su iPhone 12 e iPhone 13. MacBook Air 2018 e modelli successivi hanno un adesivo elastico per consentire una facile sostituzione della batteria.

Ha notato che l’azienda si sta anche concentrando sul riutilizzo e sul design per prolungare la vita del prodotto. Nel 2021, Apple ha inviato 12,2 milioni di dispositivi e accessori ai nuovi proprietari per il riutilizzo, secondo il rapporto, “per prolungare la loro vita e ridurre la necessità di mining in futuro”.

“Riteniamo che i prodotti di lunga durata siano migliori per l’ambiente”, afferma il rapporto. “Riteniamo inoltre che i prodotti che riducono la necessità di riparazione o sostituzione incoraggino i nostri clienti a tornare in Apple. Progettiamo i nostri prodotti con questo obiettivo in mente”.

READ  La Luna potrebbe davvero schiantarsi contro la Terra?

Altre storie sugli OEM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.