AP Photo: Grandi e piccini partecipano alle processioni religiose della Settimana Santa sull'isola italiana di Procida

AP Photo: Grandi e piccini partecipano alle processioni religiose della Settimana Santa sull'isola italiana di Procida

L'Italia è nota per le processioni religiose che invadono città grandi e piccole durante tutto l'anno quando si celebrano le festività cattoliche. Ma anche in un Paese dove le manifestazioni pubbliche di pietà popolare sono una tradizione secolare, spicca la commemorazione della Settimana Santa a Procida.

La pittoresca isola nel Golfo di Napoli, spesso trascurata grazie alle sue vicine più famose Ischia e Capri, brulica di fervore religioso nei giorni che precedono la Pasqua. I residenti dell'isola, giovani e anziani, partecipano alle processioni che rievocano il Giovedì Santo, quando Cristo presiedette l'Ultima Cena con i suoi apostoli, e commemorarono la sua crocifissione il Venerdì Santo.

Gli eventi di quest'anno hanno avuto inizio giovedì sera, quando ragazzi e uomini, vestiti di bianco e coronati di spine, hanno rievocato l'Ultima Cena nella chiesa di Sant'Antonio Abate, benedicendo i pani che venivano poi distribuiti agli isolani.

La commemorazione è culminata con la processione all'alba del venerdì lungo la strada costiera e per le strette vie color pastello di Procida.

I preparativi per l'evento sono già in corso da settimane, con l'allestimento di trenta carri carnevaleschi che sfilano per la città, ognuno raffigurante una scena della Bibbia. Sono stati costruiti da zero da artigiani dell'isola nella vecchia prigione inutilizzata e poi assemblati durante la notte nel cortile della prigione.

Accompagnati da un suggestivo servizio funebre eseguito da musicisti locali, i carri finali del corteo includono una statua della Vergine detta dell'Addolorata e una statua lignea del XVIII secolo di Cristo crocifisso, disteso sul dorso e coperto da un velo nero.

READ  L'Aeronautica Militare ha tenuto una manifestazione aerea per celebrare il 60° anniversario della fondazione di Frucci Tricolore

Se non partecipano direttamente alle processioni o costruiscono carri allegorici, molti dei 10.000 residenti di Procida si allineano lungo le strade per osservare il corteo, alcuni facendo il segno della croce.

Quest’anno alcuni carri facevano riferimento ad eventi attuali, incluso uno dedicato alla fine del mondo che presentava una piccola bandiera israeliana e palestinese.

___

La giornalista di AP Nicole Winfield ha contribuito da Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *