A quel tempo, Meat Love allenava la squadra di softball femminile del liceo

È nato Marvin Lee Aday. Per i suoi fan, è stata una pagnotta morta. Ma per Jane Carlson, sarà sempre un addestratore di carne.

Pluripremiata rock star nota per il suo album di successo pipistrelli dall’inferno, e i suoi ruoli cinematografici in cult come Mostra le immagini dell’orrore roccioso e club di combattimentoe È deceduto giovedì. Aveva 74 anni.

Nei primi anni Novanta, quando lavorava Pat dall’inferno IIIl cantante ha avuto un secondo lavoro. Allenamento della squadra di softball femminile a Reading, nel Connecticut.

Carlson, un editore di Gothamist e WNYC, era un giocatore di quella squadra. Ecco parte della sua conversazione con come succede Presenta Carol Ove.

Come è finito ad allenare la squadra di softball?

sua figlia [Pearl] Sono andato alla mia scuola. E, sai, ci sono stati tagli al budget e quell’anno non avevamo un allenatore per la nostra squadra combinata. Sua figlia glielo ha passato e si è offerta di addestrarci.

Sai chi è? Era solo il padre di Pearl, o sai con cosa avevi a che fare lì?

Conoscevamo tutti la sua musica e Guarda le foto di Rocky Horror. È una piccola città… Conoscevamo la famiglia e la perla. Quindi, sai, è stato eccitante per noi… e sapere che all’improvviso abbiamo avuto un allenatore è stato fantastico.

Com’era come un capo?

È stato davvero divertente. Come sai, gestirà le regole con noi. Farà tutta la pratica con noi. Stava davvero solo entrando e facendo quello che stavamo facendo noi.

È stato davvero gentile e ha cercato di guidarci. Forse non siamo stati la squadra migliore, ma ha cercato di renderci migliori. E sì, ha portato un po’ di gioia sul campo.

READ  Funzionari ucraini hanno affermato che i bombardamenti intorno a Kharkiv sono aumentati durante la notte senza l'incursione delle forze russe

C’era per ogni esercizio? Era presente in ogni partita?

Era lì per quasi tutti. Ad esempio, ha persino riprogrammato uno dei suoi concerti nel Midwest per tornare a casa per essere in una delle nostre cliniche.

Penso che a un certo punto sia dovuto partire per andare a Los Angeles e lavorare su alcuni film, e stava registrando Pat dall’inferno II puntuale. Quindi, quando l’ha fatto, ha effettivamente scritto il suo indirizzo su, tipo, tutti questi diversi pezzi di carta da darci in modo che potessimo scrivergli delle lettere mentre era via, perché non c’erano e-mail o telefoni cellulari in quel momento.

Polpettone, raffigurato nel 2006, davanti all’illustrazione di un feroce pipistrello. (Ted Eljeb/AFP/Getty Images)

So che ha insegnato alla tua squadra un po’ di applausi. Vuoi dirci quali erano?

La sua esclamazione era: “Cosa vogliamo fare?”

E poi dobbiamo gridare: “Uccidi!”

“cosa dovremmo fare?”

“uccidere!”

“cosa dovremmo fare?”

“uccidere!”

Cosa fanno i cani di grossa taglia?

Poi gridano: “Uccidi!”

Una specie di canto intenso. Volevamo che cantasse le sue canzoni, e veniva sempre da noi non appena faceva quell’inno.

Ma è così bello che la squadra femminile abbia quel tipo di energia, giusto? Per raggiungere l’istinto omicida. È quello che stava cercando di instillare in te?

Ci ha decisamente infastidito scendere in campo e vincere.

Sono sicuro che questo suona come una storia per alcuni. I giornalisti ti hanno perseguitato? Le persone si sono presentate nei tuoi allenamenti e nei tuoi giochi?

infatti, All’epoca c’era un articolo di Sports Illustrated su questo. Il giornalista era venuto nella nostra clinica. E Coach Dead lo ha fatto aspettare a bordo campo fino alla fine degli allenamenti perché non voleva essere interrotto. Non voleva che niente nella sua vita interrompesse quello che stavamo facendo.

E poi, se avessimo giocato, le persone delle città rivali si sarebbero sedute intorno ai nostri posti cercando di ottenere autografi, cosa di cui penso fosse contento. Ma farà anche aspettare quelle persone che tutto finisca.

Polpettone, urlando nel microfono durante un concerto dal vivo. (Keystone/Getty Images)

Questi sono i primi anni ’90 di cui parlavi. Stava uscendo da un brutto periodo, vero? Voglio dire, ha perso la voce una volta ed era nel bel mezzo di una rimonta allora. Che ricordi hai di lui in quel momento? Come stava?

Avrei potuto avere 14 o 15 anni. Non sapevo davvero… niente che stesse succedendo con lui personalmente. Non lo stava portando in campo e ne parlava con noi.

Ma ha cantato alcune canzoni da Pat dall’inferno II, che non è stato rilasciato dopo due anni.

Hai sentito alcune di queste canzoni prima di chiunque altro?

eravamo su Una corsa in autobus da uno dei nostri giochi. Abbiamo vinto questa partita. Penso che potrebbe essere stato tra gli unici vincitori.

Lo stavamo pregando di apprezzare e cantare alcune canzoni e alcuni vecchi. E poi lo preparo farei qualsiasi cosa per amoreche non abbiamo sentito. E poi ha fatto delle vecchie canzoni.

Ti accompagnava a casa a volte, giusto?

I miei genitori lavoravano e io non avevo ancora la patente, quindi mi stava accompagnando a casa. Era un pilota davvero veloce. Penso che una volta nel vialetto abbia urtato l’auto di mia madre. E se non mi accompagna a casa, sai, si assicurerà che sua figlia Pearl possa accompagnarmi a casa. Quindi è stato davvero bello.

E così mentre guardavi la sua carriera, hai mai detto alle persone che ascoltavano Meat Luv… “Oh sì, è un allenatore morto! Ha allenato la mia squadra di softball”. L’hai mai detto alla gente?

Sì, è una cosa divertente da dire alla gente quando arriva. È una bella storia di festa.

Ti credono

infatti. Voglio dire, ho le foto.


Scritto da Sheena Goodyear. Intervista prodotta da Katie Gillief. Domande e risposte sono state modificate per maggiore lunghezza e chiarezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.