A New York, il leader di Taiwan afferma che le relazioni con gli Stati Uniti sono “più strette che mai” | Notizie dal governo

A New York, il leader di Taiwan afferma che le relazioni con gli Stati Uniti sono “più strette che mai” |  Notizie dal governo

Pechino ha condannato lo stop negli Stati Uniti del capo di Taiween Tsai Ing-wen e un funzionario cinese ha promesso di “rispondere”.

Il presidente di Taiwan Tsai Ing-wen ha elogiato i legami dell’isola con gli Stati Uniti durante uno scalo in rotta verso l’America centrale, un “crossover” condannato da Pechino.

Durante un discorso a porte chiuse a New York mercoledì sera, Tsai ha affermato che il rapporto tra Washington e Taipei è “più stretto che mai” e ha descritto “progressi significativi” nella cooperazione economica e di sicurezza, secondo una dichiarazione del suo ufficio.

Ha elogiato Taiwan come un “faro della democrazia in Asia” e ha affermato che l’isola non sarà isolata nonostante le “enormi sfide” che deve affrontare.

“Abbiamo dimostrato una forte volontà e determinazione nel difenderci, che siamo in grado di gestire i rischi con calma ed equanimità e che abbiamo la capacità di mantenere la pace e la stabilità regionali”, ha affermato Tsai.

Tra i presenti all’evento c’erano il governatore del New Jersey Phil Murphy e Laura Rosenberger, presidente dell’American Institute in Taiwan (AIT), che gestisce de facto l’ambasciata americana a Taiwan.

Tsai dovrebbe anche parlare a un evento del think tank dell’Hudson Institute giovedì, hanno detto fonti all’agenzia di stampa Reuters, ma tutti gli eventi dovrebbero essere chiusi alla stampa e al pubblico.

La pausa arriva mentre Tsai si reca in America Centrale, dove cercherà di ottenere sostegno in Guatemala e Belize, parte di un gruppo sempre più ristretto di paesi che riconoscono la sovranità di Taipei da Pechino.

La prossima settimana dovrebbe anche passare da Los Angeles, in California, mentre torna a casa, dove si dice che incontrerà il presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Kevin McCarthy.

READ  Il giudice Engoron e il suo staff sono minacciati in seguito agli attacchi di Trump

Il viaggio di Tsai arriva pochi giorni dopo che l’Honduras ha stretto legami con Pechino e ha posto fine al riconoscimento di Taiwan, lasciando l’isola con solo 13 alleati per mantenere relazioni diplomatiche formali.

Pechino sostiene che Taiwan appartiene a “una Cina” e, in quanto provincia della Cina, non ha diritto a relazioni tra Stato e Stato. Taiwan è il luogo in cui il governo nazionalista della Repubblica cinese fuggì nel 1949, dopo la sua sconfitta da parte del Partito comunista cinese alla fine della guerra civile del paese.

Washington non ha riconosciuto ufficialmente Taiwan da quando ha normalizzato le relazioni con Pechino nel 1979. Tuttavia, gli Stati Uniti rimangono un prezioso alleato, fornendo addestramento e attrezzature militari all’isola.

In vista del viaggio di Tsai attraverso gli Stati Uniti, il portavoce della sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha cercato di minimizzare il transito per evitare tensioni con la Cina. Ha descritto il suo viaggio come “coerente con il nostro rapporto informale di lunga data con Taiwan”.

Mercoledì, Kirby ha detto: “Non c’è motivo – nessuno – per cui i cinesi stiano reagendo in modo eccessivo qui”.

Daniel Kreitenbrink, il capo diplomatico statunitense per gli affari dell’Asia orientale, ha anche osservato che Tsai era passato per gli Stati Uniti sei volte in precedenza “senza incidenti”.

Pechino ha però condannato lo stop di Tsai negli Stati Uniti. Il portavoce dell’ufficio per gli affari cinesi di Taiwan, Zhu Fenglian, ha dichiarato mercoledì che se Tsai incontra McCarthy, la Cina “adotterà sicuramente misure per rispondere in modo risoluto”.

READ  Erdogan suggerisce che la Turchia possa ratificare l'adesione della Finlandia alla NATO | Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

Xu Xuyuan, incaricato d’affari presso l’ambasciata cinese a Washington, ha detto mercoledì ai giornalisti che gli Stati Uniti avrebbero rischiato un “scontro serio” se i suoi leader si fossero incontrati con Tsai.

Riferendosi alla visita dell’allora presidente della Camera Nancy Pelosi a Taiwan nel 2022, Xu ha messo in guardia contro altri politici statunitensi che seguissero il suo esempio e incontrassero Tsai.

Ha detto: “Gli Stati Uniti affermano costantemente che il transito non è una visita e che ci sono precedenti, ma non dovremmo usare gli errori del passato come scusa per ripeterli oggi”.

Il viaggio di Pelosi a Taiwan lo scorso anno ha spinto Pechino a tenere esercitazioni militari e lanciare missili nello Stretto di Taiwan per diversi giorni. È stata il funzionario statunitense di grado più alto a visitare Taiwan in 25 anni.

L’atteso incontro tra McCarthy e Tsai in California è stato definito diplomaticamente meno rischioso del viaggio di Pelosi a Taiwan. Tuttavia, un simile incontro segnerebbe la prima volta che un leader taiwanese incontra il presidente della Camera dei rappresentanti sul suolo statunitense.

A partire da giovedì, Taipei ha affermato che lo scalo a New York non ha causato azioni militari insolite da parte della Cina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *