39 persone scomparse dopo che una barca si è capovolta vicino alla Florida in un sospetto caso di traffico di esseri umani

Martedì, la guardia costiera degli Stati Uniti ha cercato 39 persone scomparse per diversi giorni dopo che una barca che si credeva utilizzata per un traffico di esseri umani si è capovolta al largo della costa della Florida in rotta dalle Bahamas.

Un buon samaritano ha chiamato la Guardia Costiera all’inizio di martedì dopo aver salvato un uomo aggrappato alla barca a 72 chilometri a est di Fort Pierce, ha riferito l’agenzia di sicurezza marittima su Twitter.

L’uomo ha detto di essere con un gruppo di altre 39 persone che hanno lasciato Bimini alle Bahamas sabato notte. Ha detto che la barca si è capovolta in caso di maltempo e che nessuna delle persone a bordo indossava giubbotti di salvataggio.

Il sopravvissuto è stato portato in ospedale per sintomi di disidratazione ed esposizione al sole.

La guardia costiera lo chiama sospetto caso di traffico di esseri umani. I funzionari hanno affermato su Twitter che stanno effettuando ricerche sia per via aerea che marittima su un’area di circa 220 chilometri che si estende da Bimini all’insenatura di Fort Pierce.

Un fronte freddo nella tarda serata di sabato ha portato maltempo nell’area di Bimini. Tommy Sewell, una guida locale di bonefishing, ha affermato che da domenica a lunedì ci sono stati venti di circa 30 km/h e violente raffiche di pioggia.

I migranti hanno a lungo utilizzato le isole delle Bahamas come trampolino di lancio per raggiungere la Florida e gli Stati Uniti.

In genere cercano di sfruttare le interruzioni del tempo per effettuare la traversata, ma le navi sono spesso pericolosamente sovraccaricate e soggette a ribaltamento. Ci sono stati migliaia di morti nel corso degli anni.

READ  Comandante dell'aeronautica canadese sollevato dall'incarico in Kuwait dopo le accuse di commenti inappropriati

Passaggio “estremamente pericoloso”.

La Guardia Costiera pattuglia le acque intorno ad Haiti, Repubblica Dominicana, Cuba e Bahamas.

Per la maggior parte, i migranti provengono da Haiti e Cuba, ma la Royal Bahamas Defence Force ha riferito di aver catturato migranti da altre parti del mondo, inclusi Colombia ed Ecuador all’inizio di questo mese.

Venerdì, la Guardia Costiera ha trovato 88 haitiani in una nave da carico sovraccarica a ovest di Great Inagua, Bahamas.

La nave della guardia costiera statunitense Bernard C. Webber lascia la base della guardia costiera a Miami Beach, in Florida, nel luglio 2021. La guardia costiera pattuglia le acque intorno ad Haiti, nella Repubblica Dominicana, a Cuba e alle Bahamas. (Marta Lavandier/Associated Press)

“Navigando nello stretto della Florida, nei passaggi di Windward e Mona… è estremamente pericoloso e può causare la morte di vite umane”, ha affermato la Guardia Costiera in una dichiarazione lo scorso fine settimana.

Lo scorso luglio, la Guardia Costiera ha soccorso 13 persone dopo che la loro barca si è capovolta al largo di Key West mentre si avvicinava la tempesta tropicale Elsa.

I sopravvissuti hanno detto di aver lasciato Cuba con 22 persone a bordo. Nove sono scomparsi in acqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.