31 persone sono state segnalate uccise e case distrutte dopo che un potente tifone ha colpito le Filippine

Un potente tifone ha causato la morte di 31 persone, interrotto l’elettricità e le comunicazioni in intere province e causato danni estesi, soprattutto nelle Filippine centrali, hanno detto i funzionari sabato.

Il tifone Ray, noto localmente come Odette, venerdì notte si è trasferito nel Mar Cinese Meridionale dopo aver attraversato le province meridionali e centrali dell’isola, dove più di 300.000 persone sono state evacuate in anticipo per mettersi in salvo in una mossa che secondo i funzionari potrebbe aver salvato molte vite. .

Al suo massimo, la tempesta ha generato venti sostenuti di 195 km/h e raffiche fino a 270 km/h, uno dei più forti negli ultimi anni a colpire l’arcipelago del sud-est asiatico, che si trova tra il Pacifico e l’Oceano Pacifico, soggetto a disastri. Mare della Cina del Sud. Il ciclone ha colpito la costa sudorientale del paese giovedì, ma l’entità della perdita e della distruzione è rimasta poco chiara dopo due giorni di continue interruzioni di corrente e telefoni cellulari in intere contee.

Almeno 31 persone sono state segnalate uccise, molte ferite da alberi caduti, ha detto la principale agenzia di risposta alle catastrofi del governo, ma il numero potrebbe cambiare mentre i funzionari lavorano per confermare i rapporti locali.

I residenti hanno salvato i loro averi dalle loro case distrutte nella città costiera di Dolag, nella provincia di Leyte, venerdì dopo che è stata colpita da un ciclone. (Bobby Allotta/AFP/Getty Images)

I funzionari delle isole Dynagat, una delle prime contee ad essere colpite dai forti venti del ciclone, sono rimasti isolati sabato a causa di interruzioni di corrente e linee di comunicazione. Ma il suo governatore, Arleen Page O, è stato in grado di pubblicare una dichiarazione sul sito web della contea in cui affermava che l’isola di circa 180.000 persone era stata “rasata”. Ha fatto appello per cibo, acqua, ricoveri temporanei, carburante, igiene e forniture mediche. Ha detto che finora sono state segnalate poche vittime nella capitale perché altre città rimangono isolate.

“Potremmo essere sopravvissuti, ma non possiamo fare lo stesso nei prossimi giorni a causa delle nostre capacità limitate come distretto insulare”, ha detto Bagh Ao, aggiungendo che alcuni degli ospedali di Dinagat non sono stati aperti a causa dei danni. “La maggior parte delle nostre navi mercantili e mercantili… ora non sono adatte alle crociere, isolandoci efficacemente dal resto del paese”.

Distruzione dei centri di evacuazione

Il vice governatore Nilo Demere è riuscito a raggiungere una contea vicina e ha detto alla rete radio DZMM che almeno sei residenti erano morti e che “quasi il 95 percento delle case a Dinajat non ha tetti” e persino i rifugi di emergenza sono stati distrutti.

“Attualmente stiamo effettuando riparazioni perché anche i nostri centri di evacuazione sono distrutti. Non ci sono rifugi, chiese, palestre, scuole, mercati pubblici e persino il Campidoglio sono tutti distrutti”, ha detto Demere.

Le immagini pubblicate sul sito web di Dinagat mostrano case cadenti con i tetti rotti o danneggiati e circondate da pannelli di tetto in lamiera e detriti. Il tifone ha colpito anche la vicina isola di Siargao, conosciuta come la capitale del surf delle Filippine.

Un uomo si trova vicino alle case danneggiate lungo un fiume incolto a Talisay, nella provincia di Cebu, nelle Filippine centrali, venerdì. (Jay Labra/The Associated Press)

Nella provincia centrale di Bohol, colpita direttamente dal ciclone, la Guardia costiera ha affermato che il suo personale a bordo di gommoni ha salvato i residenti intrappolati su tetti e alberi, mentre le acque si alzavano rapidamente. Ha pubblicato filmati che mostrano il personale della Guardia Costiera che aiuta le persone dal tetto di una casa allagata marrone su un gommone. Aiutano anche un abitante del villaggio a scendere da un albero sopra le acque alluvionali mentre un altro uomo con un giubbotto di salvataggio arancione aspetta il suo turno.

Con i fondi di emergenza del governo utilizzati per la pandemia di coronavirus, il presidente Rodrigo Duterte ha affermato che cercherà fondi per aiutare le province. Ha in programma di visitare l’area colpita alla fine di questa settimana.

Le Filippine sono colpite ogni anno da circa 20 tempeste e tifoni.

READ  Il medico afferma che urinare in bagno è "pericoloso"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *