Il candidato alla Corte Suprema degli Stati Uniti Ketanji Brown-Jackson ottiene più sostegno repubblicano prima del voto

I senatori repubblicani degli Stati Uniti Lisa Murkowski e Mitt Romney hanno annunciato lunedì sera che voteranno per confermare l’elevazione storica del giudice Kitangi Brown Jackson alla Corte Suprema, dando alla candidata del presidente Joe Biden una spinta di sostegno bipartisan e confermando che sarebbe diventata la prima donna di colore. giustizia. I senatori dell’Alaska e dello Utah hanno annunciato le loro decisioni prima di un voto procedurale per far avanzare la nomina, poiché i democratici hanno fatto pressioni per confermare Jackson entro la fine della settimana. La senatrice repubblicana Susan Collins ha annunciato la scorsa settimana che avrebbe sostenuto Jackson.

I tre repubblicani hanno detto che non si aspettavano di accettare tutte le decisioni di Jackson, ma le hanno trovate ben qualificate. Romney ha detto che “soddisfa gli standard di eccellenza e integrità”.

Con tre repubblicani che la sostengono nel Senato diviso 50-50, Jackson è sulla buona strada per la conferma ed è sul punto di fare la storia come la terza donna giustizia nera e solo sei donne negli oltre 200 anni di storia della corte. Oltre all’elemento storico, i Democratici hanno citato la sua profonda esperienza durante i suoi nove anni sulla panchina federale e la sua opportunità di diventare il primo ex difensore pubblico in tribunale.

“politicizzazione Akal”

Sia Collins che Murkowski hanno affermato di ritenere che il processo di nomina al Senato sia stato interrotto perché è diventato più partigiano negli ultimi decenni.

Murkowski ha affermato che la sua decisione si basa in parte sul “mio rifiuto della devastante politicizzazione del processo di revisione per i candidati alla Corte Suprema, che, su entrambi i lati della navata, sta peggiorando e si distacca dalla realtà di anno in anno”.

READ  Le strade scivolose chiudono molte scuole del New Brunswick il secondo giorno
Il senatore Dick Durbin ha parlato con il senatore Lindsey Graham prima di riprendere una riunione del comitato del Senato per prendere in considerazione la nomina di Jacon alla Corte Suprema a Capitol Hill lunedì. (Manuel Balcy Cinita/The Associated Press)

Biden ha nominato Jackson per sostituire il giudice in pensione Stephen Breyer. Biden ha cercato il sostegno bipartisan per la sua selezione, facendo frequenti appelli ai senatori e invitando i repubblicani alla Casa Bianca.

Il Senato, con un voto di 53-47 lunedì sera, ha ottenuto la nomina “nulla” di Jackson dalla commissione giudiziaria del Senato dopo che la commissione si è bloccata, 11-11, sull’invio della nomina all’aula del Senato.

Il voto del comitato, diviso lungo le linee di partito, è stato il primo stallo per una nomina alla Corte Suprema in tre decenni.

“Il giudice Jackson porterà alla Corte Suprema qualifiche straordinarie, profonda esperienza, intelletto e una rigorosa documentazione giudiziaria”, ha scritto Biden su Twitter lunedì. “Merita di essere sottolineato come il prossimo giudice”.

Il presidente del comitato giudiziario, il senatore Dick Durbin, ha dichiarato alla riunione di lunedì che Jackson ha “il più alto livello di abilità, integrità, civiltà e grazia”.

“Il lavoro di questo comitato oggi è a dir poco storico”, ha affermato Durbin, un democratico dell’Illinois. “Sono onorato di farne parte. Sosterrò con forza e orgoglio la nomina del giudice Jackson”.

Chuck Grassley, il massimo repubblicano del comitato, ha detto di opporsi alla nomina di Jackson perché “abbiamo opinioni fondamentali e divergenti sul ruolo dei giudici e sul ruolo che dovrebbero svolgere nel nostro sistema di governo”.

“Regressione alla disfunzione”

Il senatore del Delaware Chris Coons, un democratico del comitato, ha affermato la scorsa settimana che il voto del comitato su Jackson sarebbe un “segnale davvero sfortunato del continuo declino delle disfunzioni nel nostro processo di conferma”.

I repubblicani della magistratura hanno continuato i loro sforzi lunedì per ritrarre Jackson come un debole nei confronti del crimine, difendendo le loro domande frequenti sulla sua condanna per crimini sessuali.

“Le domande non sono attacchi”, ha affermato Marsha Blackburn del Tennessee, uno dei numerosi senatori repubblicani del comitato, che ha sottolineato il punto durante le udienze di due settimane fa.

Jackson ha ritrattato questo resoconto, dichiarando che “nulla potrebbe essere più lontano dalla verità”. I democratici hanno affermato che era in linea con le decisioni degli altri giudici e lunedì hanno criticato l’interrogatorio dei loro coetanei.

Guarda | Jackson risponde alle domande durante la sua audizione sulle montagne russe:

Il candidato della Corte Suprema Ketanji Brown Jackson interrogato dai senatori

Kitangi Brown Jackson, che è stata nominata dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden alla Corte Suprema, ha affrontato il suo primo giorno di interrogatorio da parte dei senatori. Jackson, che sarebbe diventata la prima donna di colore a entrare in tribunale, se confermata, ha risposto alle domande sui suoi precedenti giudiziari e di condanna. 2:05

“Puoi provare a fare un uomo di paglia qui, ma non funziona”, ha detto Cory Booker, senatore del New Jersey.

Booker, che è anche lui nero, ha detto che l’interrogatorio è stato riempito con “le assurdità della mancanza di rispetto” e ha detto che si sarebbe “rallegrato” quando fosse stato confermato.

Derek Johnson, presidente e CEO della NAACP, ha espresso disappunto per il pareggio, anche se ha notato che Jackson aveva superato un ostacolo importante. Ha detto che “la storia seguirà” durante il voto completo del Senato alla fine di questa settimana.

“È una vergogna per il comitato che questo voto non sia stato un voto unanime, ma un voto limitato su linee di parte”, ha detto Johnson.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.