10 morti nel terremoto che ha innescato frane e distrutto case in Indonesia – The Manila Times

Giacarta, Indonesia: Un forte terremoto poco profondo ha colpito l’isola indonesiana di Sulawesi subito dopo la mezzanotte, provocando frane e spingendo le persone a fuggire dalle proprie case nell’oscurità della notte. È confermato che almeno 10 persone sono state uccise e più di 200 ferite, ma le autorità stanno ancora raccogliendo informazioni dalle aree colpite.

In un videoclip pubblicato dall’Agenzia nazionale per la mitigazione dei disastri, una ragazza intrappolata sotto le macerie di una casa ha gridato aiuto e ha detto di aver sentito le voci di altri membri della famiglia sotto le macerie, ma non poteva andarsene. “Per favore, aiutami, è doloroso”, ha detto la ragazza ai soccorritori, che hanno risposto che volevano disperatamente aiutarla.

I residenti del terremoto ispezionano gli edifici colpiti dal terremoto a Mamuju, Sulawesi occidentale, Indonesia il 15 gennaio 2021. Un forte terremoto nell’entroterra e poco profondo ha colpito l’Indonesia orientale all’inizio di venerdì, causando il panico in alcune parti dell’isola di Sulawesi nel paese e corse su un terreno più elevato. Immagine da AP

I soccorritori hanno detto nel video che era necessario un escavatore per salvare la ragazza e altri intrappolati negli edifici crollati. Altre foto hanno mostrato un ponte reciso, case danneggiate e persino case appiattite. Le stazioni televisive hanno riferito che il terremoto ha distrutto parte dell’ospedale e che i pazienti sono stati portati in una tenda di emergenza all’esterno.

Un altro video mostrava un padre che piangeva e chiedeva aiuto per salvare i suoi figli, che erano stati sepolti sotto tonnellate di macerie dopo che la loro casa era crollata. Ha gridato in preda al panico: “I miei bambini sono lì … sono intrappolati dentro, per favore aiutatemi”.

Migliaia di sfollati sono stati evacuati in rifugi improvvisati. Il Servizio Geologico degli Stati Uniti ha affermato che il terremoto di magnitudo 6.2 venerdì mattina presto ha avuto il suo epicentro a 36 km a sud di Mamuju, nella provincia di Sulawesi occidentale, a una profondità di 18 km.

READ  Legislazione ivoriana: l'ONG GOFEHF chiede un'estensione delle domande fino al 31 gennaio

Muhammad Idris, segretario amministrativo delle Sulawesi occidentali, ha dichiarato a TVOne che l’edificio degli uffici del governatore era tra gli edifici crollati a Mamuju, la capitale della provincia, e molte persone erano ancora intrappolate, comprese due guardie di sicurezza.

Idris ha detto che sette persone sono state confermate uccise finora a Mamuju.

Il soccorritore Cedar Rahmanjaya ha detto che la mancanza di attrezzature pesanti sta ostacolando la rimozione delle macerie dalle case e dagli edifici crollati. Ha detto che la sua squadra stava lavorando per salvare 20 persone intrappolate in otto edifici, tra cui l’ufficio del governatore, un ospedale e alberghi.

“Stiamo correndo contro il tempo per salvarli”, ha detto Rahmanjaya.

Serageldin, capo dell’agenzia distrettuale per i disastri, ha detto che altre tre persone sono state uccise nel vicino distretto di Mageni quando il terremoto ha abbattuto le loro case mentre dormivano.

Serageldin, che usa un solo nome, ha detto che almeno altri 218 sono stati finora feriti e più di 300 case ed edifici danneggiati, inclusi ospedali, cliniche sanitarie, hotel e uffici.

Ha detto che sebbene il terremoto nell’entroterra non avesse il potenziale per causare uno tsunami, le persone lungo le zone costiere sono corsi su un terreno più elevato per paura di uno di loro. Ora ci sono circa 10.000 persone nei rifugi.

Le frane si sono verificate in tre località e hanno bloccato una strada principale che collega Mamuju con Majin, ha detto Raditya Jati, portavoce dell’agenzia per i disastri.

Giovedì, un terremoto di magnitudo 5,9 ha colpito la stessa area e ha causato danni a molte case, ma non sembra aver causato vittime.

READ  Donald Trump ha avvertito che la fila elettorale "non è finita" e che lotterà per invertire la sua sconfitta fino alla fine

L’Indonesia, un vasto arcipelago di 260 milioni di persone, è frequentemente colpita da terremoti, eruzioni vulcaniche e tsunami a causa della sua posizione sul “Ring of Fire”, un arco di vulcani e linee di faglia nel bacino del Pacifico.

Nel 2018, un terremoto di magnitudo 7,5 a Palu, nell’isola di Sulawesi, ha innescato uno tsunami e ha causato il collasso del suolo in un fenomeno chiamato liquefazione. Più di 4.000 persone morirono e molte delle vittime furono sepolte quando intere vite furono inghiottite nel terreno caduto.

Un potente terremoto nell’Oceano Indiano e uno tsunami nel 2004 hanno ucciso 230.000 persone in più di dieci paesi, la maggior parte delle quali in Indonesia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *