“Voglio un futuro pacifico”: Kitchener è solidale con gli ostaggi a Gaza

“Voglio un futuro pacifico”: Kitchener è solidale con gli ostaggi a Gaza

Domenica i manifestanti che hanno marciato davanti al municipio di Kitchener hanno chiesto il rilascio degli ostaggi a Gaza. Un gruppo di circa 50 persone si è riunito per piangere le vittime e ha anche chiesto un cessate il fuoco nella guerra tra Israele e Hamas.

Il gruppo era circondato da innumerevoli immagini e oggetti, ciascuno dei quali rappresentava un ostaggio tenuto a Gaza.

“Organizziamo cerimonie nella nostra comunità… per commemorare i morti e anche per invitare gli ostaggi a tornare a casa”, ha detto Amit Hochman, l’organizzatore dell’evento.

La manifestazione si è svolta nel cuore del centro di Kitchener dalle comunità ebraiche e israeliane locali. È stato ispirato da un movimento globale, che prevedeva un impegno diretto con Israele e le comunità di tutto il mondo.

“[It] “Viene trasmesso da Gerusalemme ma è unito e condiviso con le comunità di tutto il mondo”, ha detto Hochman.

Diversi leader e attivisti locali si sono rivolti alla folla, sottolineando l’importanza dell’unità nel chiedere il rilascio degli ostaggi.

“È difficile ma importante, sai, c’è una triste bellezza in questi momenti in cui una comunità si riunisce per sostenersi a vicenda in questo modo”, ha detto Michael Lopez, membro del consiglio di amministrazione di Temple Shalom.

Alcune persone presenti al raduno Kitchener hanno condiviso storie di resilienza e hanno sottolineato la necessità di un dialogo aperto e di sforzi umanitari.

Lopez ha aggiunto: “Voglio un futuro pacifico per israeliani, palestinesi e tutti”.

L’incontro non è stato solo un’espressione di solidarietà, ma anche un’opportunità per la comunità di impegnarsi in azioni concrete.

“Penso che per me questo significhi avere l’opportunità di stare al fianco dei miei amici e della mia famiglia in Israele che sono stati colpiti da questa terribile guerra”, ha spiegato Hochman.

READ  9 persone sono state arrestate dopo che è stato trovato un tunnel segreto sotto una sinagoga a New York City. Cosa sta succedendo? - Nazionale

Inoltre, la comunità locale si concentrerà sulla costruzione di comunicazioni migliori.

“Il mio sogno è stabilire un dialogo tra le comunità musulmane ed ebraiche per unirsi”, ha detto.

Marzo a Kitchener, Ontario. Per gli ostaggi tenuti a Gaza. (Hannah Schmidt/CTV Kitchener)

Lopez si aspetta di vedere una partecipazione storica alle manifestazioni che si terranno in tutto il Canada a sostegno delle vittime della guerra, ma ha anche detto che occorre fare di più a livello nazionale.

“Abbiamo bisogno che le persone al vertice siano calme e razionali, e abbiamo bisogno che facciano ciò che è giusto e pensino alla pace”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *