Vicayo Tomori, difensore in prestito al Chelsea, racconta la sua vita in Italia e la sua ambizione di vincere una coppa a Milano | notizie di calcio

“Sono solo felice di essere tornato in azione, e in mezzo alle cose e questa è la cosa più importante. Venendo qui penso che uno degli obiettivi di persona fosse tornare in campo e provare a vincere il titolo, davvero. freddo.”

Fresco, rinnovato e pronto per essere un giocatore importante per il Milan in questa stagione, Fikayo Tomori era pieno di energia e felicità mentre parlava di come fosse la vita a Milano.

Tomori è apparso in sole tre partite in tutte le competizioni con il Chelsea prima di siglare un passaggio a San Siro per il resto della stagione.

Il 23enne ha già superato quel totale del Milan in sole tre settimane dal suo arrivo ed è già ambientato e, soprattutto, si sta godendo la sua avventura italiana.

“Sicuramente mi sento parte di esso e lo sento”, ha detto Tomori. “Cerco di sfruttare al meglio l’esperienza, cerco di migliorare me stesso, imparare la lingua e capire la lingua”. Sky Sports News.

“E ‘più tattico qui”, ha detto Tomori. “Ci sono molte riflessioni in corso e più consapevolezza in situ”.

“In Inghilterra la partita è molto più veloce. Come quando un portiere prende un pallone e poi all’improvviso ci sono attaccanti e ali che bombardano il campo, qui è un po ‘più organizzato e un po’ più lento”.

“Ci sono molti casi in cui è 1 contro 1 e devi essere consapevole di dove si trova la palla e dove dovrebbe stare in un determinato momento rispetto alla palla. Queste cose sono diverse e ci vuole tempo per abituarsi per.”

‘È stato un sogno che si avvera’

immagine:
Vicayo Tomori ha giocato nei giorni del derby di Milano dopo essere entrato nel suo nuovo club

Il modo in cui Tomori parla del Milan – si vede che apprezza ma non è disturbato dal peso della storia e dalle aspettative di indossare l’iconica maglia rossonera.

READ  raid di armi chimiche in Italia, Oz a causa della sua scrittura; Scopri + offerte con Ingrandisci; La "cucina rotante" di YTV rifatta in Brasile - TBI رؤية Vision

Tomori è entrato ufficialmente a far parte della squadra italiana il 22 gennaio e dopo appena quattro giorni ha esordito in uno dei più grandi derby del calcio mondiale, il derby di Milano nei quarti di finale di Coppa Italia.

Tomori ha dichiarato: “Il mio esordio nel derby di Milano non è stato qualcosa che pensavo sarebbe successo. Prima della partita, ho pensato a tutte le volte in cui guardi il Milan contro l’Inter in tv”.

“In Inghilterra è stata sempre una grande partita e per la prima volta in quella partita a San Siro è stato un sogno che si avvera.

“Anche mentre guidavo verso lo stadio, ho visto tifosi con bandiere enormi e li ho visti tifare e agitare le mani: si poteva sentire la passione entrare nel gioco.

“Quando mi è stato chiesto di riscaldarmi, mi sono trovato un po ‘teso e non molto nervoso, ma vedere le strisce rosse, nere, blu e nere, è stato bello”.

L’Inter ha vinto i quarti di finale 2-1, ma Tomori sta già cercando di rigiocare la partita di campionato di questa settimana con l’Inter che ha superato di un punto i rossoneri.

“Entrando in partita sabato, le due squadre sono prime e seconde in campionato in momenti cruciali – sarà una partita difficile.

“L’unica cosa con il Coronavirus è che i tifosi non possono essere allo stadio ma speriamo di vincere e di rimetterci in cima alla classifica”.

Maldini e Zlatan

La decisione di Tomori di entrare nel Milan è stata facile. Ciò non significa che lasciare il Chelsea sia stato facile, ma una volta che si è presentata l’occasione, la voglia del giovane difensore di giocare con i famosi rossoneri e l’opportunità di giocare più partite hanno contribuito a prendere la sua decisione.

READ  Lady Gaga ha passato 9 mesi a perfezionare l'accento italiano di Gucci

Ma c’è stata anche una telefonata privata da San Siro che è fantastica se avesse bisogno di più convincente per fare il passaggio.

Potresti averne sentito parlare. Paolo Maldini, allenatore AC Milan – ma il più famoso è il leggendario difensore che ha rappresentato il Milan per 25 anni e ha vinto sette titoli di Serie A e cinque titoli di Coppa dei Campioni / Champions League lungo la strada.

Tomori ha spiegato: “Ero a casa e il mio agente mi ha chiesto la chiamata e ho detto: ‘Sì, a che ora, che ora è?”

“E ‘stato un momento surreale, è stato solo pesante vedere com’ero come persona, e conoscendo il Milan, mi sentivo come se avesse voglia di venire e questo mi ha reso ancora più desideroso di venire”.

Due anni dopo il ritiro di Maldini, il Milan ha vinto gli ultimi titoli importanti e quest’anno sembra la sua migliore occasione per rivendicare lo scudetto. Se lo volessero, l’unico giocatore che sarebbe vitale in qualsiasi carica di titolo sarebbe Eternal Zlatan Ibrahimovic.

“È stato fantastico con me, ha una grande personalità ed è una leggenda nel gioco. È un capitano e lo senti in campo, in allenamento e non male, il tutto in modo allegro e stimolante”, Tomori disse.

“Per arrivare ai livelli che deve essere … lo puoi vedere dal modo in cui parla e anche dal modo in cui gioca.

“Sono qui solo da tre settimane, ma puoi vedere che c’è un’enfasi, determinazione e motivazione – vederlo da vicino e diverso da quello che vediamo sui social media è davvero fantastico”.

Vita italiana

Fuori dal campo, nonostante la pandemia di coronavirus, Tomori è stato in grado di vedere alcune parti della nuova città che ora sta chiamando a breve termine, ma ha anche ammesso che era difficile spostare paesi in un momento così difficile.

Ficayo Tomori è felicissimo di aver aiutato il Milan a sfidare il titolo di campionato italiano
immagine:
Tomori è entusiasta della possibilità di aiutare il Milan a sfidare il titolo di campionato italiano

Ma è facile dimenticare che questo ragazzo ha ancora solo 23 anni, e dopo essere stato coinvolto con il Chelsea da quando aveva otto anni, puoi capire se trasferirsi all’estero, soprattutto date le circostanze, è stato un po ‘intimidatorio.

READ  Østberg modellato in Italia

Tomori ha detto: “Personalmente, mi è sempre piaciuta l’idea di vivere in un paese diverso. Non è stato un grande trauma psicologico, ho sempre pensato che sarebbe stato bello”.

“Mi piace, ovviamente, non vedo molto la mia famiglia ma fortunatamente abbiamo FaceTime così posso restare in contatto.”

Qual è il prossimo?

Allora, qual è il futuro di Fikayo Tomori? Da giovane difensore centrale, è cresciuto guardando le leggendarie squadre del Milan, che includevano artisti del calibro di Paolo Maldini e Alessandro Nesta.

Giocatori leggendari come loro sono quelli che Tomori vuole emulare in questa stagione, visto che il Milan sta cercando di vincere il suo primo titolo di Serie A dalla stagione 2010-11, e il suo primo titolo dal 2016-2017, e questo solo se vuoi contare la Supercoppa Italiana.

“Cerco di sfruttare al massimo l’esperienza e cerco di migliorare me stesso, imparare la lingua e capire la lingua”, ha detto Tomori.

“Sono stato accolto a braccia aperte e mi sento a mio agio con la squadra e c’è ancora molta strada da fare nella stagione e speriamo di poter fare qualcosa di speciale in modo che tutti i nostri nomi siano nei libri di storia”.

Il Milan incoraggia i tifosi di tutto il mondo a popolare il proprio stadio di San Siro acquistando biglietti virtuali, il cui ricavato andrà in beneficenza. Puoi saperne di più sull’iniziativa Qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *