Serie A: Arrigo Sacchi, padrino del calcio italiano, guarda alla corsa al titolo

Il padrino del calcio italiano, Arrigo Sacchi dà uno sguardo alla lotta per il titolo di campionato italiano e spiega perché l’ex club milanista è diverso dagli altri … e il leggendario allenatore rivela cosa significa davvero questa bella partita in Italia

  • L’ex leggendario allenatore Arrigo Sacchi esprime il suo giudizio sulla corsa al titolo del campionato italiano
  • Il 74enne Sacchi ritiene che Inter e Juventus siano troppo dipendenti dai loro uomini principali
  • L’ex tecnico del Milan ha elogiato i rossoneri per la capacità di giocare di squadra
  • Ora in pensione, Sacchi ha anche descritto cosa significa il calcio per il popolo italiano

Arrigo Sacchi, l’ex allenatore leggendario di AC Milan e Italia, ha dato una valutazione impressionante della lotta per il titolo italiano di Serie A in questa stagione.

Il 74enne Sacchi pensa che Inter e Juventus si stiano concentrando troppo sui loro principali giocatori – Romelu Lukaku e Cristiano Ronaldo – ma ha elogiato il Milan per la sua capacità di esibirsi senza Zlatan Ibrahimovic.

L’Inter è attualmente in testa alla classifica con 50 punti, di poco davanti ai rivali cittadini del Milan, mentre la Juventus Andrea Pirlo è quarta e otto punti dietro la Roma, sempre davanti a loro.

Padrino del calcio italiano, Arrigo Sacchi ha giudicato la corsa per il titolo di campionato italiano di quest’anno

Anche se la Vecchia Signora ha lottato in questa stagione sotto il loro manager esordiente, Sacchi credeva ancora che il club fosse sulla buona strada per mantenere il titolo.

READ  Missoni e la collaborazione suprema nella moda maschile

Ha detto: “Nel campionato italiano, ci sono tre concorrenti che cercano di vincere il titolo”. L’Inter ha Lukaku, la Juventus ha Ronaldo, il Milan ha Ibrahimovic.

“È impossibile per loro fare bene se non sono all’altezza dello standard.

Il Milan è diverso perché Pioli (Stefano) è un gruppo. Hanno vinto anche quando Ibrahimovic non c’era.

Cristiano Ronaldo ha recitato di nuovo con la Juventus, ma al momento sono a otto punti dal primo posto

Sacchi crede che l'Inter stia facendo molto affidamento sull'exploit di Romelu Lukaku

Sacchi, 74 anni, dice che Juventus e Inter contano su Cristiano Ronaldo (a sinistra) e Romelu Lukaku

Questa domenica, entrambe le metà del Milan si affronteranno: o il vincitore stringe il pugno in alto o salta davanti al suo arcinemico avversario.

Sacchi non è estraneo al popolare derby del Milan, avendo allenato il Milan in due periodi di successo.

Questa tattica, nata a Fucignano, meglio conosciuta per aver guidato una delle più grandi squadre di club di sempre a San Siro tra il 1987 e il 1991, ha vinto due Coppe europee consecutive e ha portato il suo paese alla finale dei Mondiali del 1994.

Ora Sacchi si sta godendo il ritiro, guardando da vicino il calcio di tutto il mondo, sottolineando l’importanza di un’intera squadra che si unisce nella stessa direzione, proprio come il Milan costellato di stelle.

Sacchi ha elogiato il suo ex club, il Milan, per essersi esibito senza Zlatan Ibrahimovi

Sacchi ha elogiato il suo ex club, il Milan, per essersi esibito senza Zlatan Ibrahimovi

Il leggendario allenatore Sacchi ha diretto la nazionale italiana e l'ha condotta alla finale di Coppa del Mondo nel 1994. Nella foto sopra, sta gridando istruzioni alla sua squadra durante la partita di Euro 96 ad Anfield.

Il leggendario allenatore Sacchi ha diretto la nazionale italiana e l’ha condotta alla finale della Coppa del Mondo nel 1994. Nella foto sopra, sta gridando istruzioni alla sua squadra durante la partita di Euro 96 ad Anfield.

Ha detto: “È necessario”. Perché l’allenatore è un uomo solo. Se la squadra non lo aiuta, non sarà in grado di cavarsela da solo.

READ  Paul Pogba: lunedì la Juventus incontrerà i rappresentanti del centrocampista del Manchester United | notizie di calcio

Se l’allenatore vuole che le cose accadano, non può aspettarsi molto, ma si aspetta giocatori efficaci che vorrebbero giocare la partita.

Prova a immaginare se qualcuno suggerisse a (Steven) Spielberg dei buoni attori. Stava rispondendo: “Cosa dovrei fare con i comici in un film drammatico?”

La vasta esperienza di Saki significa che è anche in una posizione ideale per descrivere cosa significa il calcio in Italia per i suoi abitanti.

Le esperienze di Saki significano che è in una posizione perfetta per descrivere cosa significa il calcio in Italia

Le esperienze di Saki significano che è in una posizione perfetta per descrivere cosa significa il calcio in Italia

Ha aggiunto: “In Italia non conosciamo la realtà del calcio”. Secondo noi, questo non è uno sport in quanto obbedisce a regole severe e abbiamo avuto tempi scandalosi.

“Non è uno sport appariscente perché non siamo affatto interessati al calcio come spettacolo. Allora cos’è il calcio per noi? Vendetta sociale.

In questo escludiamo bellezza, emozioni, divertimento, cultura, merito, piacere e tutti gli ingredienti essenziali.

Quando vinci in altri modi, rimane nei libri di storia, ma non nella mente delle persone. Non c’è sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.