Home / Politica / #vengoconquestamiaadirvi Meno parlamentari più risparmio, anche due saponette ed un deodorante per ambiente!
??????????????

#vengoconquestamiaadirvi Meno parlamentari più risparmio, anche due saponette ed un deodorante per ambiente!

di Franco Di Biase

In quel tempo girava voce, ma alle volte era molto più che una voce, che soldi non ce n’erano. Non c’era niente di bello, ma neanche di buono. I dissuasori di professione professionalmente, erano riusciti, senza grossi problemi, a far capire agli italiani, alle volte italioti, che i problemi fondamentali fossero i migranti ed il numero dei parlamentari nazionali. Quelli regionali no, ogni regione aveva una sua legge e non ci metteva lingua nessuno. Proprio per il numero dei parlamentari il segretario, una volta si chiamava così quando c’era il PCI, ma anche la DC, dei pentastellati aveva annunciato “urbi et orbi”, visto che stava a Roma, che sarebbe calato il numero dei parlamentari. Ben OTTANTUNOMILIONIDIEURO, cioè ogni famiglia avrebbe risparmiato 3,12 euro annui, ed ogni italiano avrebbe risparmiato 1,35 (dati CODACONS, ecco il link: https://codacons.it/riforme-codaconscon-taglio-parlamentari-risparmio-13-euro/) euro all’anno. Il mio 1,35 euro li metto a disposizione pagando un caffè sospeso nel bar che frequento di solito. Chi mi conosce lo sa, astenersi antipatici, a loro niente caffè!
Quindi archiviato il mio personale risparmio sul taglio dei parlamentari dico che sono contrario, diminuirebbero i parlamentari anche per le commissioni ed i lavori parlamentari si allungherebbero. Ancora direte? Lo sappiamo tutti che in Italia non c’è mai limite al peggio.
Dunque: sperano che i parlamentari rinsaviscano ed inizino a parlare di cose serie, tangibili, voglio ricordare che nel 2019 abbiamo avuto 599 (cinquecentonovantanove) nostri connazionali MORTI SUL LAVORO. Persone nostri amici, vicini, parenti, che la sera non sono tornati a casa avendo un’unica colpa: quella di essere usciti la mattina per andare a lavorare, andare a lavorare per dare dignità e tranquillità alla propria famiglia. Cinquecentonovantanove persone che negli ultimi dieci anni sono state diciassettemila italiani non tornati più a casa la sera. I dissuasori professionali, gli italiani pagati da chi governare per distrarre il popolo, quelli che nell’antica Roma pensavano ad organizzare i giochi nell’arena perché: “… Panem et circenses …” questo dovevano fare, dovevano parla dei migranti che sbarcano con i telefonini all’orecchio e che “ci rubano il lavoro”. A proposito mi è capitato due volte a Campobasso di leggere cartelli con scritto: “Cercasi personale” cartelli che, considerando la crisi in atto, mi sono sembrati tra l’otttimistico ed il fuori luogo, ma gli imprenditori che li hanno affissi non sono usciti di senno.
Quindi nell’organizzare i moderni “panem et circenses”, nel distrarre il popolo con scritte milionarie di risparmio sulla spesa pubblica per i parlamentari, nel parlare di tutto e di tutti, nessuno ha proposto di abolire l’abominevole legge elettorale che ci impedisce di votare la persona, ma ci obbliga a votare la lista che i partiti, oramai ridotti ad entità melliflue, dispongono gli eletti, in senso parlamentare, ma anche biblico, in maniera organica a chi comanda. Troppo fastidio farci scrivere sulla scheda elettorale, oramai anche la lista della spesa la scriviamo sullo smartphone, “u lapis” , come dicevano i nostri nonni, non si addice più alle nostre usanze, ai nostri costumi, a noi che siamo diventati una società civile, organizzata e funzionale. Una società nella quale politici eletti in liste bloccate incitano all’odio razziale e ed approvano leggi populiste che non hanno copertura finanziaria, politici che fanno finta di lottare contro un sistema che hanno creato ma che voglio abbattere per ricostruirlo daccapo sempre uguale, in una società moderna e civile dove quando meno te lo aspetti ti si presenta una richiesta che nelle zone mafiose si chiama pizzo e che in tutta Italia si chiama MARCA DA BOLLO, quando è lo Stato che ti chiede il pizzo anche tumulare un tuo caro. Forse ho messo troppi argomenti in giro. Mi fermo un attimo ed inizio a ragionarci.
Nel frattempo con affetto e stima: statevi arrivederci

Di admin

Potrebbe Interessarti

Lavoratori ex Ittierre, Toma: Siamo in grado di assicurare cinque mesi di mobilità

«Abbiamo una buona notizia per i lavoratori dell’Area di crisi complessa, quelli della ex Ittierre, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *